RECENSIONE FILM a cura di Cinematografo.it

13 aprile 2016

"Nemiche per la pelle"

Una commedia in sintonia con i nostri tempi: Luca Lucini dirige le madri Margherita Buy e Claudia Gerini

"Provando ad uscire dal film corale, alla Perfetti  sconosciuti, la commedia italiana riduce gli orizzonti e si concentra  su una coppia.  In Nemiche per la pelle ci sono due protagoniste, Lucia e Fabiola. Aprono la storia  separatamente finchè  un avvocato un po’ intimidito non riesce a farle sedere intorno ad un tavolo. C’è un uomo appena morto, Paolo, già sposato con entrambe in passato: proprio lui ha lasciato in eredità un bambino di sette anni avuto da una terza donna in occasione di un viaggio in Cina. E ora a loro tocca il compito di educarlo e crescerlo.\nSu queste premesse si sviluppa il copione che punta forte, manco a dirlo, sulle differenze caratteriali delle protagoniste. Fabiola è un prototipo di donna aggressiva, arrivista e provocatoria. Manager in carriera, solitaria e anaffettiva al punto giusto. Lucia è introversa, animalista ed ecologista convinta, dedita alle cose semplici e modeste. Due facce della stessa medaglia, due mondi diversi che entrano in contatto tra loro senza volerlo e senza accorgersene si usano reciprocamente per combattersi ma poi a poco a poco per capirsi meglio e migliorare. Va detto che il copione è ben scritto, che gli spazi per la vivace dialettica tra le protagoniste sono organizzati con metodo e cura. Resta l’impressione di fondo che ci sia un qualcosa di prevedibile e di già scritto nell’avanzare della vicenda, un odore di replica in un confronto che diventa sempre più smorzato e si prepara ad un finale ovvio e destinato a soddisfare altre attese.\nLucia /Buy e Fabiola /Gerini, avendo a diposizione momenti ampi finiscono per dominare in lungo e in largo e per smussare anche gli angoli più spigolosi della commedia. Facendo intuire di poter essere quella grande coppia che talvolta – come ha detto Lucini in conferenza stampa- la commedia si diverte a creare . E dentro la quale, mentre ci si diverte, si possono suggerire problemi più seri, quali quello della cura che due donne decidono di offrire ad un bambino,anche se il giudice (la giudice) l’ha affidato ad una sola. Una commedia in sintonia con i tempi che viviamo e che Lucini, già regista di Tre metri sopra il cielo, Amore bugie e calcetto, Solo un padre e altri, governa e dirige con sicurezza e ottima disponibilità narrativa.\n"

Trova Cinema

Box Office

dal 10 al 13 ottobre

Incasso in €

1 C'era una volta a... Hollywood   2.154.428
2 Ad Astra   816.156
3 Rambo - Last Blood   727.758
4 Yesterday   472.787
5 Dora e la città perduta   417.098
6 Il Re Leone   352.096
7 Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film   301.668
8 Vivere   248.544
9 Tutta un'altra vita   199.517
10 It - Capitolo Due   194.530