RECENSIONE FILM a cura di Cinematografo.it

<i>Step Up 3D</i>

07 ottobre 2010

Step Up 3D

Tecnicamente superiore ai precedenti della saga e buona regia di Jon Chu: per il resto basta far riposare il pensiero

Il terzo capitolo della saga inaugurata da Duane Adler e Melissa Rosenberg conferma alla regia Jon Chu, ripropone con minime varianti il tema della sfida tra crew e fa tornare in scena Adam G. Sevani (Moose in Step Up 2) e Alyson Stoner (Camille Gage nel prototipo). Purtroppo, a riconfermarsi anche il QI medio collettivo, che spesso impedisce ai giovani e deficienti protagonisti di far qualcosa di non scontato: a questo riguardo il plot impietoso verso i belloni di turno Mike e Nathalie (gli inespressivi Rick Malambri e Sharni Vinson). Eppure c' del buono: Chu, che gi aveva mostrato nel precedente una discreta tecnica, nobilita quanto possibile quello che resta comunque un lavoro su commissione, optando per un registro iperrealista che sconfina nel wuxia acrobatico o nel musical: il "duello" al bagno e il numero la Gene Kelly in pianosequenza sono da applausi. Chu prova a riempire il vuoto assoluto del protagonista e della sua insulsa storyline mettendoci un po' di se stesso (la passione per il cinema, il fatto di essere membro di una crew), moltiplicando all'ennesima potenza i duelli e servendosi del 3D per stordire l'uditorio: il risultato tecnicamente superiore ai precedenti capitoli, a patto di prendersi un'ora e mezzo di riposo dal pensiero.

Trova Cinema

Box Office

dal 21 al 24 maggio

Incasso in

1 Gli anni più belli   1.196.456
2 Bad Boys for Life   882.185
3 Il richiamo della foresta   680.273
4 Parasite   605.719
5 Sonic. Il film   499.216
6 Odio l'estate   264.761
7 Cattive acque   263.009
8 La mia banda suona il pop   240.521
9 Dolittle   123.234
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)   121.947