RECENSIONE FILM

24 giugno 2010

Panico al villaggio

a cura di Cinematografo.it

Dal Belgio un esempio di claymation anarcoide e strampalata, tutta gag e catastrofi. Faticosa

Non possiede la magia della Pixar né la poesia in stop motion di Tim Burton. Panico al villaggio del duo belga Patar/Aubier è invece esempio di animazione artigianale che punta sulla libera immaginazione per aggirare la penuria drammaturgica. Basata su una striscia televisiva di successo e Platinum Grand Prize all'ultimo Future, l'operazione è una Claymation stralunata dove personaggi di plastica, sostenuti dalla tipica pedana dei vecchi modellini per l'infanzia, danno prova d'imbranata inettitudine generando continue catastrofi. Qualcuno ha scomodato Tati e Keaton per via dello humour strampalato e anarchico del film. A noi sempre piuttosto un'innocua comicità tutta gag e confusione, travalicata dalla continua invenzione di mondi (i 3 protagonisti – Chaval, Co-Boy e Indien - vengono catapultati fino alle viscere della terra, in fondo all'oceano e ai poli) e dal retrogusto nostalgico di silhouette condannate a spostarsi saltellando lungo l'asse orizzontale dell'inquadratura. Oltre la loro frontalità nulla o quasi: divertimento estemporaneo, estetica povera, recitazione esagitata. Che non risparmiano la fatica dell'ora e passa di durata. A riprova che la buona televisione può sempre diventare cattivo cinema.

Trova Cinema

Box Office

dal 20 al 23 febbraio

Incasso in €

1 Gli anni più belli   2.396.109
2 Sonic. Il film   1.445.090
3 Parasite   1.401.083
4 Odio l'estate   980.701
5 Dolittle   586.384
6 1917   451.440
7 Fantasy Island   351.059
8 Jojo Rabbit   199.387
9 Il diritto di opporsi   114.843