Caterina va in citt?2003

SCHEDA FILM

Caterina va in città

Anno: 2003 Durata: 90 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Paolo Virzì

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:CATTLEYA, RAI CINEMAFICTION IN COLLABORAZIONE CON SKY

Distribuzione:01 DISTRIBUTION

ATTORI

Alice Teghil nel ruolo di Caterina
Sergio Castellitto nel ruolo di Giancarlo Iacovoni
Margherita Buy nel ruolo di Agata Iacovoni
Antonio Carnevale nel ruolo di Cesarino
Silvio Vannucci nel ruolo di Fabietto Cruciali
Federica Sbrenna nel ruolo di Daniela Germano
Carolina Iaquaniello nel ruolo di Margherita Rossi Chaillet
Martino Reviglio nel ruolo di Gianfilippo
Zach Wallen nel ruolo di Edward
Claudio Amendola nel ruolo di Manlio Germano
Flavio Bucci nel ruolo di Lorenzo Rossi Chaillet
Paola Tiziana Cruciani nel ruolo di Zia Marisa
Luigi Grilli nel ruolo di Zio Alfredo
Galatea Ranzi nel ruolo di Livia, madre di Margherita
Emanuele Aiello nel ruolo di Mirko
Ottavia Virzì nel ruolo di Zecca
Tereza Paula Da Rosa nel ruolo di Teresa
Maria Grazia Nazzari nel ruolo di Intervistatrice Discoteca
Giovanna Melandri nel ruolo di Se stessa
Maurizio Costanzo nel ruolo di Se stesso
Michele Placido nel ruolo di Se stesso
Roberto Benigni nel ruolo di Se stesso
Simonetta Martone nel ruolo di Se stessa
 
 

MUSICHE

Virzì, Carlo
 

MONTAGGIO

Zanuso, Cecilia
 

SCENOGRAFIA

Zera, Tonino
 

COSTUMISTA

Pontiggia, Bettina
 

EFFETTI

Napoli, Claudio

TRAMA

Caterina è un ragazzina di tredici anni costretta a lasciare Montalto di Castro, dove è nata, per trasferirsi con i genitori a Roma. Ambientarsi nella grande città per lei non sarà facile, pressata dall'ambizione del padre che la spinge a frequentare le compagne di scuola appartenenti a famiglie facoltose e il senso di esclusione che ne deriva.

CRITICA

"Paolo Virzì mostra di essere uno dei cineasti più interessanti in circolazione. Il bozzetto colorito si stempera nello sguardo pietoso, l'acutezza del ritratto sociologico si ispessisce nel ritmo sostenuto, e l'affresco romano che ne scaturisce si anima di personaggi - ora ridicoli, ora arroganti: tutti infelici - dotati di una qualità a tratti romanzesca. Se Sergio Castellitto rende con riflessi patetici la frustrazione dell'aspirante scrittore, Margherita Buy nei panni della moglie burina, soffocata di complessi è una lieta sorpresa." (Michele Anselmi, 'Il Giornale', 24 ottobre 2003) "'Zecche' e 'pariole' in classe echeggiano 'Porta a porta', il ministro di An e gli intellettuali radical-chic sfiorano la caricatura, la protagonista e il suo piccolo mondo restano un mistero. 'Caterina va in città', insomma. Peccato che per raccontare la città Paolo Virzì trascuri Caterina". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 24 ottobre 2003) "Virzì, insieme con il suo collaboratore di sempre, Francesco Bruni, attraverso gli occhi di Caterina ci fa guardare a questi due mondi così diversi l'uno dall'altro in cui si distingue oggi a Roma un certo tipo di borghesia; ci fa, attorno, guardare anche a Roma, evocata dalla fotografia suggestiva di Arnaldo Catinari, e naturalmente, dato che è il suo personaggio narrante, ci fa anche guardare alla tredicenne incapace di scegliersi le amicizie, estraniata sempre più dalla famiglia e pronta a sciogliere i suoi nodi solo attraverso il canto cui si dedica con molta passione per la musica classica corale. Qualche nodo non riuscirà a scioglierlo, così ci sarà anche un tentativo di fuga, alla fine, però, dato che a fuggire sarà il padre, tutto si ricomporrà in una nuova famiglia, anche se in coro, rifacendosi a Donizetti, si sente cantare 'In pace un attimo mai si sta'. Forse i molti temi non sempre sono veramente ordinati, le ambizioni di rappresentarci, oltre alle tredicenni di oggi, i diversi spaccati di società che le esprimono, non sono risolte fino in fondo, ma questa nuova commedia di Virzì, con il suo basso continuo di amarezza, può convincere. Grazie anche a Sergio Castellitto e Margherita Buy, i genitori e all'esordiente Alice Teghil, Caterina." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 24 ottobre 2003) "Mi aspettavo di fare quattro risate assistendo a una commedia e invece sono stato sulle spine per tutto il tempo della proiezione di 'Caterina va in città', anche se alla fine il film ti manda via rassicurato. (...) Fra i molteplici omaggi che nel decennale si rivolgono a Fellini, questo singolare film di Paolo Virzì è forse il più significativo: pur non rivelando niente di felliniano nello stile, che semmai strizza l'occhio a Scola o a Monicelli. Giova ricordare che il primo titolo di 'La dolce vita' era proprio 'Moraldo in città', che l'idea di base era quella di un immigrato alla conquista di un mondo attraente e respingente nello stesso tempo. Sicché a distanza di oltre 40 anni i due film tendono ad assomigliarsi, tranne che per l'aggettivo dolce. Oggi di dolce non c'è davvero più niente. Consumismo, intrallazzo, intrighi politici e stupidità trionfano, mancano riferimenti e modelli, non sappiamo a quale santo votarci. Se quella di Fellini era 'La bella confusione' (primo titolo di '8 e ½'), la confusione attuale è brutta e basta. Non resta che 'coltivare il proprio giardino', magari fuggendo in moto come papà, trovando un altro uomo come mamma o facendoci scudo del coro di Santa Cecilia come la brava Alice Teghil. 'Caterina va in città' conferma che il cinema italiano attraversa un momento bellissimo, forte d'ispirati miniaturisti della recitazione come Sergio Castellitto e Margherita Buy; o come il sorprendente Claudio Amendola, che per mettere allo spiedo il suo uomo politico deve essersi preparato su 'Porta a porta'." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 25 ottobre 2003) "Vi pare che echeggi 'Ferie d'agosto'? Avete ragione. In chiave meno affettuosa il regista panoramica su un verminaio generale dove neanche i burini qualunquisti sono umani, figuriamoci quelli che girano intorno al potere girotondini inclusi. Claudio Amendola fa Fini che si vergogna dei camerati a braccio teso. Castellitto cesella il personaggio, Buy lascia a bocca aperta con un profilo inedito." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 26 ottobre 2003) "Virzì non scampa ai morsi del film di costume e si addentra senza paura in un mondo feroce e rischioso. Ma Virzì ha ben presente la commedia all'italiana e rifà Gassman e Satta Flores e Giovanna Ralli in un 'C'eravamo tanto amati' trent'anni dopo, orfano di un'Italia che lì finiva nel settantaquattro e che di cose ne aveva viste, tra miracolo e riformismo, congiunture e sessantotto, stragi e rapimenti ma mai come questa Italia, la cui fine quelle figurine ancora gigionesche e da commedia non potevano neanche immaginare. Ecco, forse, quest'Italia non può più essere raccontata dalla commedia all'italiana, che un tempo fu un ottimo strumento d'analisi sociale, ma che oggi rischia di diventare la sua barzelletta, anche quando è dura, arrabbiata e delusa come questa, che non risparmia nessuno, destra e sinistra, casalinghe e professori, adolescenti e genitori." (Dario Zonta, 'L'Unità', 7 novembre 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 11 al 14 luglio

Incasso in euro

  1. 1. Arrivederci professore  515.484
    Arrivederci professore

    Quando Richard, professore universitario di mezz'età, scopre di avere un cancro allo stadio terminale, decide di rivoluzionare la sua vita e godersi a pieno il tempo che gli rimane. La sua complicata relazione sentimentale ...

  2. 2. Pets 2 - Vita Da Animali  478.576
  3. 3. Aladdin  370.377
  4. 4. La Bambola Assassina  302.746
  5. 5. X-Men: Dark Phoenix  283.069
  6. 6. Il traditore  145.432
  7. 7. I morti non muoiono  137.394
  8. 8. Rapina a Stoccolma  95.631
  9. 9. Godzilla 2  91.006
  10. 10. Il grande salto  54.683

Tutta la classifica