Novecento1976

SCHEDA FILM

Novecento

Anno: 1976 Durata: 310 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, SOCIALE

Regia:Bernardo Bertolucci

Specifiche tecniche:35 MM, PANORAMICA, TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:ALBERTO GRIMALDI PER PEA, LES PRODUCTIONS ARTISTES ASSOCIEES, ARTEMIS FILM

Distribuzione:20TH CENTURY FOX (1976), IL CINEMA RITROVATO-CINETECA DI BOLOGNA (2018) - 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT, PANARECORD, L'UNITA' VIDEO VOLL.2 BLU-RAY: DALL'ANGELO PICTURES

ATTORI

Burt Lancaster nel ruolo di Alfredo Berlinghieri, il proprietario terriero
Donald Sutherland nel ruolo di Attila Melanchini, il fattore
Robert De Niro nel ruolo di Alfredo Berlinghieri, figlio di Giovanni e Eleonora
Dominique Sanda nel ruolo di Ada Fiastri Paulhan, moglie di Alfredo
Alida Valli nel ruolo di Ida Cantarelli Pioppi
Sterling Hayden nel ruolo di Leo Dalcò, contadino dei Berlinghieri
Stefania Sandrelli nel ruolo di Anita Foschi, moglie di Olmo
Werner Bruhns nel ruolo di Ottavio, figlio maggiore di Alfredo
Laura Betti nel ruolo di Regina, figlia di Amelia
Ellen Schwiers nel ruolo di Amelia, sorella di Eleonora
Gérard Depardieu nel ruolo di Olmo Dalcò, figlio di Rosina
Anna Henkel nel ruolo di Anita, figlia di Olmo
Romolo Valli nel ruolo di Giovanni, figlio minore di Alfredo
Stefania Casini nel ruolo di Neve, la lavandaia
Francesca Bertini nel ruolo di Suor Desolata, sorella di Alfredo
Anna Maria Gherardi nel ruolo di Eleonora, moglie di Giovanni
Paolo Pavesi nel ruolo di Alfredo da ragazzo
Tiziana Senatore nel ruolo di Regina da bambina
Paulo Branco nel ruolo di Orso, figlio maggiore di Leo Paolo Branco
Giacomo Rizzo nel ruolo di Rigoletto, il servo gobbo
Antonio Piovanelli nel ruolo di Turo Dalcò
Liù Bosisio nel ruolo di Nella Dalcò
Maria Monti nel ruolo di Rosina Dalcò, nuora di Leo
Roberto Maccari nel ruolo di Olmo da ragazzo
José Quaglio nel ruolo di Aranzini, un proprietario
Pippo Campanini nel ruolo di Don Tarcisio
Patrizia De Clara nel ruolo di Stella
Allen Midgette nel ruolo di Vagabondo che scagiona Olmo
Angelo Pellegrino nel ruolo di Il sarto
Carlotta Barilli nel ruolo di Una contadina
Catherine Kosac nel ruolo di Tondine
Clara Colosimo nel ruolo di La donna che accusa Olmo
Fabio Garriba nel ruolo di Contadino all'esecuzione di Attila
Mimmo Poli nel ruolo di Fascista alla riunione in chiesa
Odoardo Dall'Aglio nel ruolo di Oreste Dalcò
Pietro Longari Ponzoni nel ruolo di Pioppi
Salvatore Mureddu nel ruolo di Capo delle guardie rege
Sergio Serafini nel ruolo di Un giovane fascista
 
 

MONTAGGIO

Arcalli, Franco
 

COSTUMISTA

Magrini, Gitt

TRAMA

In un paese della Bassa Emiliana nascono, agli albori del '900, Alfredo Berlinghieri e Olmo Dalcò: il primo, futuro erede dei beni terrieri di famiglia, nonostante i privilegi di casta si attacca al secondo, figlio di una contadina e di padre ignoto. L'amicizia dura, nonostante le vicende familiari e sociali di mezzo secolo traccino un solco sempre più profondo fra padroni e braccianti. Olmo si unisce alla maestrina Anita, fervente politicante rossa che muore generandogli una figlia; e fugge dal paese dopo gesti di opposizione alle squadracce fasciste che lo porterebbero certamente alla morte o all'ergastolo. Alfredo, dopo il suicidio del nonno e la morte del padre, diviene padrone; sposa Ada, dolce e stravagante, che lo abbandona quando s'avvede che il marito è inesorabilmente divenuto un classico padrone-tiranno. Ma la colpa maggiore del Berlinghieri è stata quella di non avere allontanato a tempo il fattore ingaggiato dal padre, certo Attila, fascista e cinico arrivista, tra l'altro amante di Regina, cugina di Alfredo. Nel '45, in coincidenza con la Liberazione, Olmo ritorna e guida i contadini nella rivolta contro la famiglia dell'amico: Attila viene ucciso; Regina rapata; Alfredo condannato simbolicamente a morte. Quando giungono i rappresentanti del C.N.L. i contadini consegnano le armi. Alfredo e Olmo invecchieranno bisticciando amichevolmente.

CRITICA

"Metafora d'un mezzo secolo, con cui Bertolucci esercita il diritto di trasfigurare in visione l'idea che a torto o a ragione se ne è fatta, non importa molto se 'Novecento' è meno fedele alla storia di quanto si potrebbe pretendere da un documentario. Preme invece che abbia una sua tenuta fantastica, una sua magnificenza di romanzo fiume per immagini, una potenza di chiaroscuro che esprime la drammaticità degli eventi, e sia pure melodrammaticità, vista la destinazione popolare dell'opera." (Giovanni Grazzini - Cinema '76). "Gratificato di un budget favoloso (10 miliardi, si dice), questo film-fiume si presenta con l'appariscenza di risultati tecnici proporzionali all'accolta di interpreti e di specialisti dei vari rami: la fotografia, l'interpretazione, l'ambientazione, la musica, e così via, sono perciò di notevole livello. Ciò nonostante, prescindendo dalle carenze tematiche, si ha l'impressione che la colossale impresa ecceda di molte ore le sue possibilità di presa. Infatti, se efficaci risultano alcune pagine di pittura villereccia o di spaccato borghese, la reiterazione delle stessa sa di pleonasmo, di didatticismo ad oltranza, di sproloquio comiziale e persino di furbizia commerciale. Assai più deludente, poi, è l'esame contenutistico dell'opera che, in definitiva, riteniamo mancare a qualsiasi ipotetico obiettivo per totale mancanza di equilibrio. Se vuol essere soltanto la descrizione del mondo contadino della Bassa Emilia, lo coglie nelle deteriori manifestazioni di un folklore rude e sboccato; ma lo trascura nelle ricchezze di genuinità, genorosità, spessore umano e pudore. (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 82, 1977) "Un film di rilievo, ma non riuscito. Un film dove ci sono delle pagine molto belle, di un lirismo e di un'umanità singolari ma dove, nel contempo, non si sente l'empito della sinfonia nibelungica, l'assieme armonico di un tessuto narrativo corale, senza sbavature". (Pierpaolo Albricci)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  6.899.794
    Frozen 2 - Il segreto di Arendelle

    La Regina Elsa e la principessa Anna si spingeranno ancora oltre i confini del loro regno per scoprire qualcosa tenuto a lungo nascosto....

  2. 2. Un giorno di pioggia a New York  1.240.439
  3. 3. Cetto c'è, senzadubbiamente  1.115.564
  4. 4. L'ufficiale e la spia  721.370
  5. 5. Midway  576.769
  6. 7. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  224.251
  7. 8. Parasite  141.341
  8. 9. Il Peccato  136.808
  9. 10. Countdown  132.262

Tutta la classifica