Hannibal2001

SCHEDA FILM

Hannibal

Anno: 2001 Durata: 128 Origine: USA Colore: C

Genere:THRILLER

Regia:Ridley Scott

Specifiche tecniche:TECHNICOLOR

Tratto da:romanzo omonimo di Thomas Harris

Produzione:UNIVERSAL PICTURES, MGM IN ASSOCIAZIONE, SCOTT FREE PRODUCTIONS, CON DINO DE LAURENTIIS COMPANY

Distribuzione:FILMAURO

ATTORI

Anthony Hopkins nel ruolo di Hannibal Lecter
Julianne Moore nel ruolo di Clarice Starling
Gary Oldman nel ruolo di Mason Verger
Francesca Neri nel ruolo di Allegra Pazzi
Ray Liotta nel ruolo di Paul Krendler
Giancarlo Giannini nel ruolo di Ispettore Pazzi
Frankie Faison nel ruolo di Barney Frankie R. Faison
Zeljko Ivanek nel ruolo di Dr. Cordell Doemling
Hazelle Goodman nel ruolo di Evelda Drumgo
Davis Andrews nel ruolo di Agente Pearsall
Francis Guinan nel ruolo di Noonan
James Opher nel ruolo di Agente John Eldridge
Enrico Lo Verso nel ruolo di Gnocco
Ivano Marescotti nel ruolo di Carlo
Fabrizio Gifuni nel ruolo di Matteo
Alex Corrado nel ruolo di Piero
Marco Greco nel ruolo di Tommaso
Robert Rietty nel ruolo di Sogliato Robert Rietti
Terry Serpico nel ruolo di Bolton
Boyd Kestner nel ruolo di Agente speciale Burke
Kent Linville nel ruolo di Geoffrey
Peter Shaw nel ruolo di Agente speciale John Brigham
Don McManus nel ruolo di Benny Holcombe
Harold Ginn nel ruolo di Larkin Wayne
Ted Koch nel ruolo di Bob Sneed
Andrea Piedimonte nel ruolo di Agente Franco Benetti
Ennio Coltorti nel ruolo di Ricci
Valentina Carnelutti
 

SOGGETTO

Harris, Thomas
 
 

MUSICHE

Zimmer, Hans
 

MONTAGGIO

Scalia, Pietro
 

SCENOGRAFIA

Spencer, Norris
 

COSTUMISTA

Yates, Janty

TRAMA

Sono passati sette anni dall'evasione del dottor Hannibal Lecter dall'ospedale di massima sicurezza per criminali psicotici e, mentre continua ad essere impegnata in operazioni di polizia, l'agente FBI Clarice Sterling non riesce a toglierselo dalla mente. Anche Mason Verger, magnate psichicamente instabile, non ha dimenticato Lecter: lui, vittima numero sei, è sopravvissuto, ma è rimasto orribilmente sfigurato. Deciso a vendicarsi e consapevole dia ver bisogno di un'esca, Berger cerca di mettersi in contatto con Clarice. Nel frattempo a Firenze, in Italia, anche l'ispettore Pazzi è sulle orme di Lecter, attratto dalla grossa taglia che Verger ha messo sulla sua testa, che risolverebbe ogni suo problema. Ma il serial killer non si farà sorprendere...

CRITICA

"Ridley Scott usa molto bene tutto l'arsenale del suo cinema: flashback, vecchie conversazioni incise sul videoregistratore tra Clarice ed Hannibal, scene abilmente messe in scena e montate, contrasti di luce, colori brillanti che creano un clima completamente differente rispetto al tono opprimente e melanconico del 'Silenzio degli Innocenti', che allora era stato diretto da Jonathan Demme". (Carlo Bizio, 'Il giornale', 21 gennaio 2001) "Sono molte le differenze fra 'Il silenzio degli innocenti' e questo 'Hannibal'. Ma a essere decisivo è il cambio di prospettiva. Protagonista (e punto di vista) del gran film di Demme era infatti l'ispettrice Clarice Starling, la sua vita, le sue indagini, la sua mente - ovvero il rapporto perverso che stabilisce con quella distorta e geniale del dottor Lecter. Poco di tutto questo resta in 'Hannibal'. (...) Fra tanti fili narrativi, la tensione si stempera in gelida ironia e la regia elegante dimentica l'ingrediente base: la paura". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 9 febbraio 2001) "Il film, eccellente prodotto di confezione sceneggiato anche da David Mamet, è fatalmente privo di sorprese e logoro come tutti i seguiti: senza ironia, senza anima, senza ispirazione. Fatto benissimo. Una iniziale sequenza d'azione è straordinaria. Firenze è rappresentata genialmente: di giorno sovraffollata, polverosa, caotica come un suk turistico; di notte deserta, illuminata male, lustra di umidità. Anthony Hopkins è manierato: stucchevole voce soft, modi soavi. Panama a larghe tese, completi bianchi o blu scuro nel vano tentativo di renderlo chic, passione per il pianoforte e per le arie d'opera. Gli altri interpreti sono a posto, compresi gli italiani in piccolissime parti". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 9 febbraio 2001) "'Hannibal' non fa paura e tanto meno inquieta; non dà sobbalzi né dubbi; non si prende nemmeno il rischio del 'gore'. Finisce per essere un 'film d'attore', dominato da un Anthony Hopkins consumato e sornione, che ha trasformato un mostro in un eroe dei nostri tempi". (Emanuela Martini, 'Film Tv', 25 febbraio 2001)

Trova Cinema

Box office
dal 19 al 22 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica