E tanta paura1976

SCHEDA FILM

E tanta paura

Anno: 1976 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:GIALLO

Regia:Paolo Cavara

Specifiche tecniche:VISTAVISION, TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:GUY LUONGO PER GPE ENTERPRISES, CPC CITTA' DI MILANO

Distribuzione:INTERFILM - VIDEO KINEO

ATTORI

Corinne Clery nel ruolo di Jeanne
Michele Placido nel ruolo di Commissario Lorenzo Romei
Tom Skerritt nel ruolo di Commissario capo
Eli Wallach nel ruolo di Pietro Riccio
Quinto Parmeggiani nel ruolo di Angelo Scanavini
Edoardo Faieta nel ruolo di Comm. Fulvio Colajanni Eddy Fay
John Steiner nel ruolo di Hoffmann
Jacques Herlin nel ruolo di Ex commissario Gandolfi
Greta Vayan nel ruolo di Invitata alla villa Greta Vajan
Sarah Crespi nel ruolo di Rosa Catena
Enrico Oldoini nel ruolo di Assistente di Lorenzo
Cecilia Polizzi
 
 

MONTAGGIO

Montanari, Sergio
 

SCENOGRAFIA

Fumagalli, Franco
 

COSTUMISTA

Crimi, Marisa
 

TRAMA

Il commissario Lorenzo, giovane e disinvolto funzionario della Questura di Milano, si trova alle prese con una catena di delitti: Mattia, Laura, Elvira, e molti altri giovani. L'unica traccia è costituita dal libro di favole "Pierino Porcospino" dalle pagine del quale sono tratte le illustrazioni che l'assassino lascia accanto alle vittime. Un altro elemento viene offerto al commissario dal fatto che le prima vittima era socio del Club "Amici della Fauna", soliti raccogliersi a Villa Hoffman dove è morta in circostanze sospette una certa Rosa. Ma quando Lorenzo cerca di mettersi in contatto con il commissario Del Re di Como, incaricato della indagini del caso, non solo scopre che se ne sono perse le tracce ma anche che sono stati fatti scomparire i documenti relativi. Nonostante la fotomodella Jeanne, divenuta nel frattempo sua amante, gli esponga dei particolari sulle "festicciole" di Villa Hoffman e Lorenzo arresti Agostino, un protettore, questo risulta innocente poiché la catena di delitti riprende. Chi sarà il vero colpevole?

CRITICA

"Nonostante i grotteschi accenni a Lombroso, alle dottrine del superuomo o del fascismo, il film è un mosaico artificioso e del tutto cerebrale. Il materiale raccolto per comporre le scene è purtroppo di una scottante attualità: prostituzione, violenza, droga, contrabbando di diamanti, vizi e delitti in ville patrizie; tuttavia la non credibilità della vicenda impedisce al lavoro di assumere valori di denuncia o di scottante documento." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 83, 1977)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica