SCHEDA FILM

Ci risiamo, vero Provvidenza?

Anno: 1973 Durata: 100 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:WESTERN

Regia:Alberto De Martino

Specifiche tecniche:CINESCOPE EASTMANCOLOR

Tratto da:racconto di Castellano e Pipolo

Produzione:OCEANIA (ROMA) DIA (MADRID) CORONA (PARIGI)

Distribuzione:CINERIZ

ATTORI

Tomas Milian nel ruolo di Provvidenza
Gregg Palmer nel ruolo di Gregg Hunter
Carole André nel ruolo di Contessa Pamela de Ortega
Rick Boyd nel ruolo di Pistolero 'Il Biondo'
Luciano Catenacci nel ruolo di Il padre di Pamela / Cian-ku-là
Ángel Ortiz
Claude Berthy
Ettore Geri
Luigi Antonio Guerra
Manuel Gallardo
Yu Ming Lun
 

SOGGETTO

, Pipolo
Castellano
 

SCENEGGIATORE

, Pipolo
Castellano
 

MONTAGGIO

Colangeli, Otello

TRAMA

Il versatile Provvidenza, che vive riscuotendo taglie i cui soldi investe in azioni, e viaggia, in compagnia di un servo e autista cinese, con una attrezzatissima auto a vapore, salva la vita a una giovane, Pamela, se ne innamora e la chiede in sposa. Per poterla impalmare, però, poiché suo padre l'ha promessa a un suo creditore, il capitano Bart, deve trovare mezzo milione di dollari. Con l'aiuto di Hurricane Kid, un erculeo ma balordo malvivente che egli stesso ha liberato dalla forca, Provvidenza cerca dapprima di procurarselo al gioco (truccando la roulette), poi di truffarlo, improvvisandosi banchiere, ai cittadini di Tucson. Fallito il primo tentativo, per la dabbenaggine di Kid, e il secondo, per l'intervento di Bart, Provvidenza riesce finalmente ad impadronirsi, sottraendoli da un treno postale, di due sacchi colmi di pepite, liberatosi del cocciuto Bart, fuggendo in aerostato, raggiunge la casa di Pamela, dove, però, scopre d'essere stato ingannato, poiché la donna è già sposata con l'uomo che s'è spacciato per suo padre e nel quale Provvidenza riconosce ora un famoso bandito cinese. Rassegnatosi alla sconfitta, non gli resta che risalire sul suo aerostato, in volo verso nuove avventure.

CRITICA

"Riprendendo il personaggio di un precedente film, sceneggiatori e regista lo hanno trasformato in una figura "alla Charlot", protagonista - in una raffinata ambientazione liberty - di stravaganti avventure, in cui il surrealismo si mescola alla comicità del film muto, la parodia del western a quella del kung-fu, la fiaba sentimentale al "non sense". Ricco di gags indovinate, sorretto quasi sempre dal buon gusto (salvo qualche gioco di parole un po' salace, peraltro non troppo spinto) il lavoro raggiunge il suo scopo di onesta e popolare evasione." ('Segnalazioni Cinematografiche')

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica