Viridiana1961

SCHEDA FILM

Viridiana

Anno: 1961 Durata: 90 Origine: SPAGNA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:Luis Buñuel

Specifiche tecniche:-

Tratto da:dal romanzo "Halma" di Benito Perez Galdos

Produzione:PRODUCCIONES GUSTAVO ALATRISTE, FILMS 59, UNION INDUSTRIAL CINEMATOGRAFICA

Distribuzione:GLOBE - DVD MULTIMEDIA SAN PAOLO (2002).

ATTORI

Silvia Pinal nel ruolo di Viridiana
Francisco Rabal nel ruolo di Jorge
Fernando Rey nel ruolo di Don Jaime
Lola Gaos nel ruolo di Enedina
Margarita Lozano nel ruolo di Ramona
Victoria Zinny nel ruolo di Lucia
Teresa Rabal nel ruolo di Rita
Alicia Jorge Barriga
Joaquin Mayol
Joaquin Roa
José Calvo nel ruolo di Jose Calvo
José Manuel Martín
Juan Garcia Tiendra
Luis Heredia
María Isbert
Milagros Tomas
Palmira Guerra
Sergio Medizabal
 
 
 

MONTAGGIO

del Rey, Pedro
 

SCENOGRAFIA

Canet, Francisco

TRAMA

Don Jaime riceve nella sua fattoria la visita della nipote Viridiana, che prima di pronunciare i voti, è venuta a salutarlo. Colpito dalla straordinaria rassomiglianza della ragazza con la defunta moglie, Don Jaime se ne innamora e vorrebbe sposarla. La ragazza si rifiuta, ma quando sta per partire apprende che lo zio si è impiccato: sentendosi in qualche modo responsabile, resta ala fattoria e comincia a dedicarsi ad opere di carità, ospitando dei mendicanti. Ma anche Jorge, figlio naturale di Don Jaime, si stabilisce nella fattoria e fra i due nascono presto dei contrasti a causa dei mendicanti. Questi, un giorno in cui i due giovani sono assenti dalla casa, organizzano un banchetto che non tarda a trasformarsi in una vera orgia. Sorpresi sul fatto provocano una rissa, con un tentativo di violenza che solo un omicidio riesce a scongiurare. Dopo questo fatto Viridiana tenta inutilmente di riprendere la vita di preghiera. Infine accetterà di rimanere vicino a Jorge, il quale ha una relazione con la donna di servizio. Fra i tre s'intuisce lo stabilirsi di un rapporto ambiguo.

CRITICA

"La potenza figurativa delle immagini, non di rado pittoricamente elaborate, l'efficacia polemica di un montaggio a scacchi usato con precisi intenti espressivi e la suggestione di alcune pagine, non valgono a riscattare l'opera stilisticamente discontinua, ambigua e barocca, né a giustificare la paradossalità delle situazioni e la portata patologica dei personaggi piegati indistintamente al furore polemico dell'autore. Infatti Buñuel cerca invano di conferire plausibilità all'ibrida mescolanza degli elementi di cui si serve, affidando a contorti simboli il demoniaco misticismo che pervade l'opera". (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 53, 1963.)

Trova Cinema

Box office
dal 14 al 17 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica