Troppo forte1986

SCHEDA FILM

Troppo forte

Anno: 1986 Durata: 110 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Carlo Verdone

Specifiche tecniche:PANORAMICA, EASTMANCOLOR, TELECOLOR

Tratto da:-

Produzione:AUGUSTO CAMINITO PER SCENA FILM, SERGIO LEONE PER RAFRAN (NON ACCREDITATO)

Distribuzione:TITANUS (1986) - RICORDI VIDEO

ATTORI

Carlo Verdone nel ruolo di Oscar Pettinari
Alberto Sordi nel ruolo di Avv. Giangiacomo Pigna Corelli
Stella Hall nel ruolo di Nancy
Sal Da Vinci nel ruolo di Capua
Mario Brega nel ruolo di Sergio
John Steiner nel ruolo di Adams, il produttore
Elsa Vazzoler nel ruolo di La sora Erminia
Marco Maggioni nel ruolo di Il dottore
Eolo Capritti nel ruolo di Una comparsa
Ulisse Minervini nel ruolo di Murena
Francesca Dominici nel ruolo di Susan Taylor
Giordano Falzoni nel ruolo di Frank
Mario Vivaldi nel ruolo di Rollins
Franco Manino
 
 

MONTAGGIO

Baragli, Nino
 

SCENOGRAFIA

Velchi, Franco
 

COSTUMISTA

Leone, Raffaella

TRAMA

Oscar Pettinari è un giovanottone grosso e vociante quanto semplice e mite. Suggestionato dalle immagini di Stallone e di Rambo, si è messo in testa di fare il cascatore. A capo di una banda di borgatari romani, tutti in sella alle loro amatissime moto, Oscar cerca di farsi un sia pur modesto nome nel mondo della celluloide. Ma il suo viso da "buono" è troppo in contrasto con i giubbotti tutti borchie e la benda nera sulla fronte. Mal consigliato da un azzeccagarbugli che circola nei viali di Cinecittà, Oscar si getta con la moto contro la Rolls Royce di un produttore americano, confidando in indennizzi e scritture. La macchina, però, è guidata da Nancy, la giovane diva del film in cantiere la quale, lievemente ferita al volto nell'incidente, perde il ruolo ed il contratto. Mentre il produttore parte per affari a Londra, Oscar ospita la donna nel suo modestissimo alloggio di periferia, la nutre e la assiste e lei, senza un soldo in tasca, spreca bigliettoni in telefonate oltre Oceano, cercando aiuto nell'intento di riprendere il lavoro. Ad Oscar premono invece i cinque milioni di indennizzo che, a dire dell'avvocato chiacchierone, il produttore dovrà pur dargli. Per raggiungere lo scopo desiderato, lo sfortunato Oscar dovrà incappare in varie avventure, impegnandosi in una spericolata gara motociclistica nella zona fluviale di Roma (la vincerà, ma sarà contestato e picchiato dalla cricca di Murena, il bullo perdente) e lottando contro le lusinghe ed i cavilli del produttore americano suddetto che, rientrato a Roma, sta per offrirgli un buon contratto. Ma, al momento della firma, l'onnipresente e frenetico avvocato piomba sul suo cliente e lo dissuade facendogli balenare il miraggio di ottenere ancora più quattrini, per lasciarlo infine più bastonato che mai. Lo stesso avvocato altri non è che un povero folle, del quale due vecchie sorelle ben conoscono le allucinazioni e le imprese sotto mentite spoglie (di volta in volta, egli è legale, veterinario, coreografo ed altro ancora). Intanto Nancy è raggiunta a Roma dal marito e ripartirà per gli Stati Uniti, dove l'aspettano la casa, una bambina e la rinuncia ai propri sogni di celebrità. Non restano al povero Oscar che il ricordo di quella graziosa aspirante-diva e la speranza che, finalmente, il cinema si accorga delle sue capacità di "stuntman" tutto fare. Di male, in ogni caso, se ne potrà fare un po' di meno poiché, per ascoltare quel matto di avvocato e rendere più pesante il conto da presentare al produttore americano, gli è stata pure asportata la milza...

CRITICA

"'Troppo forte' è un film medio, senza infamia e senza lode, che pallidamente vorrebbe lasciare qualche graffio di satira su quei bolli tutti cuoio e spuntoni di acciaio, oltre che - forse, ma non ne siamo poi così sicuri - su certo sottobosco di Cinecittà, facendo perno su di un personaggio corposo e bonaccione, velleitario e di solito perdente come il nostro Oscar. Contrariamente agli incensi profusi da larga parte della critica, non ci pare affatto che l'operazione (tra l'altro inutilmente lunga) possa dirsi pienamente riuscita. Carlo Verdone ripete se stesso. E' già cliché, che può andare per il quarto d'ora di uno 'sketch' televisivo, non certo resistere e reggere un film tutto intero. Un film nel quale, e questo è un bel guaio, non si riesce ad avvertire una genuina e frizzante inventiva, né una sola situazione comica, da cui scaturisca, per corrispondere alle attese, una concatenazione di eventi stimolanti e divertenti. L'inizio è discreto, il finale all'aeroporto di Fiumicino scontatissimo: nel mezzo, la diluizione e la dispersività la fanno da padroni. Qualche battutina in quasi due ore di proiezione non basta a far emergere trama e personaggi dall'uggia innegabile. Si può togliere all'eroe la milza ma, per sfortunato e in fondo simpatico che egli sia, tale operazione serve poco allo spettacolo. Senza dubbio si tratta di una commedia, ma comica fino a qual punto? Verdone piace al pubblico per la sua carica appunto di simpatia e di semplicità, per quella stessa faccia di buono, che nel film gli impedisce di essere ingaggiato in qualità di sterminatore stile Rambo: però l'attore si ripete troppo e rischia di restare ingessato nella sua stessa mitezza e sobrietà, per la naturale mancanza di una vera gamma espressiva e, ammettiamolo, di una contagiosa vis comica. Si può certamente, in scena o sul 'set', 'fare il duro' sopra le righe e in questo riuscire, giubbotti e sgommate aiutando: non si può invece 'fare il comico'. A 'Troppo forte' è stata assicurata la partecipazione straordinaria di Alberto Sordi, che interpreta lo pseudo-avvocato di Oscar. Come tutti gli italiani, a Sordi ed ai suoi impagabili personaggi siamo sinceramente affezionati, ma la sua partecipazione, per straordinaria che sia, ci appare penosa ed irritante. Va da sé che quel 'paglietta' d'accatto non è che un uomo bislacco e una macchietta ridicola, a cui bisognava pur dare corpo e vita. Però i tempi, le mossette e perfino la voce alla Mario Pio sono, via, assai lontani; certi tic e ammiccamenti, certa maniera di guardare e sbarrare occhi allucinati, troppo ripetitivi ed insistiti. Ad un attore comico della stoffa dell'Alberto nazionale, i panni, il cappelluccio e lo stile di quell'azzeccagarbugli vanno visibilmente strettissimi." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 100, 1986) "Gli storici futuri, che vorranno usare le maschere del cinema italiano per uno studio comparato del costume, divideranno i decenni con qualche bruscheria: di là un Sordi cinico, arrogante, vile al bisogno, ma soddisfatto di sé (l'Italia rampante alla conquista di privilegi e status); di qua Verdone, timido, ironico, disilluso, imitatore per darsi sicurezza come lo Zelig di Woody Allen (l'Italia della crisi corporativa e del mascilismo sconfitto). Quando sono insieme i due attori tendono magari inconsapevolmente a esagerare, come in 'Troppo forte', i loro ruoli simbolici: Verdone sempre più intimidito e lunare, sospettoso persino delle proprie imitazioni; Sodi incanaglito e sopraffattore, nostalgico del suo passato e violento nel suo presente, un grande gigione, un'inquietante macchietta." (Sergio Reggiani, "La Stampa", 8 febbraio 1986).

Trova Cinema

Box office
dal 18 al 21 gennaio

Incasso in euro

  1. 1. Benedetta follia  3.533.891
    Benedetta follia

    Lui è Guglielmo, uomo di specchiata virtù e fedina cristiana immacolata, proprietario di un negozio di articoli religiosi e alta moda per vescovi e cardinali. Uno di quelli che "una moglie è per sempre". Se non fosse che la...

  2. 2. Jumanji - Benvenuti nella giungla  1.628.979
  3. 3. Come un Gatto in Tangenziale  1.190.582
  4. 4. Wonder  1.114.531
  5. 5. Coco  1.059.244
  6. 6. Tre manifesti a Ebbing, Missouri  862.079
  7. 7. Tutti i soldi del mondo  668.294
  8. 8. The Midnight Man  650.063
  9. 9. Napoli velata  621.468
  10. 10. Il Ragazzo Invisibile - Seconda generazione  301.274

Tutta la classifica