Monuments Men2013

SCHEDA FILM

Monuments Men

Anno: 2013 Durata: 120 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:George Clooney

Specifiche tecniche:ARRI ALEXA PLUS 4:3/ARRICAM LT, 35 MM, HAWK SCOPE/SUPER 35, DCP (1:2.35)

Tratto da:libro "The Monuments Men: Allied Heroes, Nazi Thieves, and the Greatest Treasure Hunt in History" di Robert M. Edsel

Produzione:GEORGE CLOONEY E GRANT HESLOV PER SMOKEHOUSE PICTURES, IN COPRODUZIONE CON STUDIO BABELSBERG E OBELISK PRODUCTIONS

Distribuzione:20TH CENTURY FOX ITALIA (2014)

ATTORI

George Clooney nel ruolo di Frank Stokes
Matt Damon nel ruolo di James Granger
Bill Murray nel ruolo di Richard Campbell
John Goodman nel ruolo di Walter Garfield
Paul Giamatti
Jean Dujardin nel ruolo di Jean Claude Clermont
Bob Balaban nel ruolo di Preston Savitz
Hugh Bonneville nel ruolo di Donald Jeffries
Dimitri Leonidas nel ruolo di Sam Epstein
Cate Blanchett nel ruolo di Claire Simone
Lee Asquith-Coe nel ruolo di Sergente Drill
Justus von Dohnànyi nel ruolo di Viktor Stahl
Zahary Baharov nel ruolo di Comandante Elya
Sam Hazeldine nel ruolo di Colonnello Langton
Miles Jupp nel ruolo di Maggiore Feilding
Xavier Laurent
Alexandre Desplat nel ruolo di Emile
Diarmaid Murtagh nel ruolo di Capitano Harpen
Serge Hazanavicius nel ruolo di Rene Armand
Udo Kroschwald nel ruolo di Hermann Goering
Grant Heslov nel ruolo di Dottore
Michael Dalton nel ruolo di Presidente Roosevelt
Christian Rodska nel ruolo di Presidente Truman
James Payton nel ruolo di Hitler
Matt Rippy nel ruolo di Colonnello Gregg
Andrew Alexander nel ruolo di Maggiore Piper
Audrey Marnay nel ruolo di Moglie di Jean Claude
Daniel Craig
Holger Handtke nel ruolo di Colonello
Michael Brandner nel ruolo di Dentista
Michael Hofland nel ruolo di Sacerdote
 
 
 

MONTAGGIO


Mirrione, Stephen
 

SCENOGRAFIA

Bissell, James D.
 

COSTUMISTA

Frogley, Louise

TRAMA

Europa, durante la Seconda Guerra Mondiale. Poco tempo dopo lo sbarco in Normandia, Hitler ordina di nascondere o distruggere tutte le opere d'arte trafugate durante il conflitto. Gli alleati, decisi a impedire questo atto barbarico, mettono in piedi una speciale unità militare, composta da esperti e amanti d'arte, il cui compito è quello di mettere in salvo le opere dalle grinfie dei Nazisti. Così, sotto la guida dell'ufficiale dell'esercito americano Frank Stokes , sette direttori di musei, curatori e storici dell'arte, tutti più a loro agio con Michelangelo piuttosto che con le armi, intraprendono la più grande caccia al tesoro della storia in una lotta contro il tempo per evitare la distruzione di 1000 anni di cultura, rischiando le loro stesse vite per proteggere e difendere i più grandi capolavori dell'umanità.

CRITICA

"Date a un attore-regista celebre per il fascino garbato e i modi soavi un soggetto ben poco soave, soprattutto oggi. Il risultato somiglierà a 'The Monuments Men'. Un film che porta su ogni fotogramma i segni degli sforzi fatti per colorire, alleggerire, vivacizzare, rincuorare. Fino a perdere non in credibilità - dopo Tarantino siamo disposti a concedere ben altro, anche a chi maneggia materiali esplosivi come nazismo e Shoah - ma in coerenza. E in consistenza. Peccato perché la storia vera di questi 365 professori, restauratori, direttori di museo, tutti rispettabili signori di mezz'età o poco meno, sguinzagliati da Roosevelt nell'Europa in fiamme del 1944 per salvare tesori d'arte dalla cupidigia nazista (e dagli errori alleati: nell'agosto '43 'L'ultima cena' di Leonardo scampò d'un soffio alle bombe inglesi), meritava un vero sforzo d'invenzione. Invece Clooney e il suo fido sceneggiatore Grant Heslov si contentano di riunire sette campioni di simpatia (più una gran dama, Cate Blanchett). Inanellando episodi divertenti, malinconici, istruttivi, a volte tragici, con un occhio ai classici del genere 'gruppo di simpatiche canaglie in guerra' ('La grande fuga', 'Quella sporca dozzina', etc.). E l'altro al librone di Robert Edsel che ha ispirato il film. Ma senza mai trovare un tono, un collante affettivo, una spinta genuina che tenga insieme i personaggi, i loro sentimenti, e i diversi registri convocati per dar loro vita. Il risultato è nobile e gradevole ma anche fatuo e molto 'old fashion'. Specie oggi che la situazione mondiale impone sgradevoli confronti (quanti inestimabili tesori d'arte ha bruciato la guerra in Iraq? Chiedetelo a Rumsfeld). E i fantasmi del nazismo e dell'antisemitismo, meno remoti che negli anni 60, esigono un approccio meno bonario. Sicché sullo schermo, a episodi felici (...), si alternano personaggi a metà (...); spunti che meritavano ben altro (...); scene belliche di rara goffaggine. E fervorini che tra un'inquadratura e l'altra dei capolavori trafugati, ci ricordano i valori universali dell'arte, il suo ruolo di memoria storica, il senso profondo della missione. Belle parole, ma avremmo preferito un tono più deciso. E meno demagogia. Nel film ci si affanna a dire che nessun capolavoro vale una vita umana. Ma se San Lorenzo fosse stato più vicino ai musei Vaticani, per esempio, le bombe forse sarebbero cadute più in là." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 13 febbraio 2014) "'Monuments Men' è il nomignolo affibbiato al gruppo di circa 350 esperti di area alleata, che fra il 1944 e il 1951 si impegnò a proteggere il patrimonio artistico europeo dallo scempio dei nazisti: i quali avevano dato ordine all'esercito in rotta di distruggere gli immensi tesori da loro trafugati. Per rievocare l'impresa di quanti in nome dell'arte accettarono di mettere a repentaglio la vita - e se tale sacrificio sia più o meno giusto è uno dei temi affrontati dal copione - il film prodotto, diretto, scritto e interpretato da Clooney prende spunto da un libro di Robert M. Edsel, focalizzandosi su un manipolo di sei prodi ispirati a personaggi reali, con l'aggiunta sul campo di un giovane ebreo tedesco e di una curatrice museale parigina (Cate Blanchett). Poiché l'argomento è nobile e i divi, da un Clooney stile David Niven a Matt Damon, da Bill Murray e Jean Dujardin, risultano accattivanti, il film ritagliato sul modello retrò si vede volentieri. E magari gli si perdona una sceneggiatura che non crea mai un vero arco di tensione; e un tono che resta incerto fra commedia e dramma." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 13 febbraio 2014) "'Monuments Men' nasce sotto l'egida del sornione Clooney che ne è lo sceneggiatore, il coproduttore, il regista e l'interprete e con l'ambizione di raccontare la storia di un gruppo di ufficiali alleati incaricati, dopo lo sbarco in Normandia, di salvare le opere d'arte europee dalla distruzione o il trafugamento da parte dei nazisti in rotta. Il classico spunto, insomma, del composito gruppo di militari con una dura missione da compiere, attecchito in territorio hollywoodiano in un ampio e vivido arco che va da 'Quella sporca dozzina' a 'Bastardi senza gloria'. Un senso appagante di avventure già viste ma ben fatte si diffonde, infatti, in platea quando il professore/tenente Clooney forma la sua squadra e seleziona le superaffidabili facce e corporature di Damon, Goodman, Murray e il sempre più bravo Dujardin di 'The Artist'. Purtroppo, però, tutto il resto costituisce un mezzo disastro a causa dei toni indecisissimi tra epica e commedia, le scene d'azione abborracciate, gli omaggi rooseveltiani più sbilenchi che patriottici, le emozioni assenti dietro gli appelli di maniera a favore dell'arte come patrimonio dell'umanità." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 13 febbraio 2014) "Quinta regia di Clooney, è 'Monuments Men', scritto con Grant Heslov sulla scia del saggio di Robert M. Edsel. George & Co. lottano nel nome dell'arte, ma il film è arrendevole: poco spy, poco bellico, non spreme il buon cast - della partita anche Goodman, Murray e Dujardin - e si crogiola sulla retta via, perché l'antinazismo apre al buonismo. Ancora oggi in cronaca la missione recupero, eppure, la Storia non se ne cura: i titoli di coda con le immagini di repertorio dei capolavori ripresi ai nazisti sono la meglio cosa del film. Purtroppo." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 13 febbraio 2014) "George Clooney è coproduttore, cosceneggiatore, regista e protagonista di questa versione bellica di 'Ocean's Eleven'. E, trattandosi di cinema popolar-patriottico, la realtà storica si piega alla necessità di far contenti gli spettatori, che a un film su una guerra ormai lontana, zeppo di star, chiedono le solite cose: azione, eroismo, i buoni (gli angloamericani), i cattivi (i nazisti), i fregati (i sovietici), uno strepitare di marce trionfali e il lieto fine. L'ispirazione deriva dal saggio di Robert M. Edsel e Bret Witter 'Monuments Men', sulla storia della MFAA (Monuments, Fine Arts and Archives), un reparto di specialisti che dal 1943 al 1951 fu assegnato all'esercito angloamericano in Europa, per recuperare le opere trafugate dai nazisti. Le avventure dell'allegro manipolo di intellettuali (Clooney, Matt Damon, Bill Murray, John Goodman, Bob Balaban e Hugh Bonneville) cominciano con lo sbarco in Normandia. Jean Dujardin è nei panni di un artista francese, Kate Blanchett in quelli dell'eroina Rose Valland, che lavorava al museo Jeu de Paume dove i tedeschi ammassavano 'i beni culturali ebrei privi di proprietario'." (Natalia Aspesi, 'la Repubblica', 13 febbraio 2014) "Delle tante missioni della Seconda Guerra Mondiale quella di salvare le opere d'arte di mezz'Europa che Hitler sta razziando per farsi un museo è la meno nota e la più dura da rendere al cinema. Dal supercast agli ordini di George Clooney, regista e capo della squadra di mecenati trasformati in militari ci si aspetta molto. Ma far quadrare kolossal bellico, lezione di storia e umorismo alla 'Mash' è più difficile che ritrovare la Madonna col bambino di Michelangelo." (M. Cav., 'Il Giornale', 13 febbraio 2014) "Piacerà a chi dopo tanti film di sporche dozzine vorrà prendere una boccata di buoni sentimenti. Dopo un avvio a Parigi con uno sconcio Goering che programma il grande furto, c'è solo spazio per la bontà e l'apprezzamento per le cose belle. Solo che con l'edificanza non ci fai i buoni film. 'Monuments' è un'operina accattivante ma ha lo spessore di una recita parrocchiale. Nonostante il budget miliardario." (Giorgio Carbone, 'Libero', 13 febbraio 2014)

Trova Cinema

Box office
dal 28 al 1 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Cetto c'è, senzadubbiamente  2.479.936
    Cetto c'è, senzadubbiamente

    Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque......

  2. 2. L'ufficiale e la spia  1.215.362
  3. 4. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  577.263
  4. 5. Countdown  385.254
  5. 6. La famiglia Addams  379.466
  6. 7. Depeche Mode - Spirits in the Forest  325.788
  7. 8. Sono solo fantasmi  305.527
  8. 9. Parasite  295.915
  9. 10. Il giorno più bello del mondo  290.668

Tutta la classifica