Tatanka2011

SCHEDA FILM

Tatanka

Anno: 2011 Durata: 100 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:BIOGRAFICO, SPORTIVO

Regia:Giuseppe Gagliardi

Specifiche tecniche:-

Tratto da:libro "La bellezza e l'inferno. Scritti 2004-2009" di Roberto Saviano (Ed. Mondadori), European Book Prize 2010-Miglior Libro Europeo 2010

Produzione:MARGHERITA FILM, GIANLUCA CURTI PER MINERVA FILM IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA

Distribuzione:BOLERO FILM

ATTORI

Clemente Russo nel ruolo di Michele
Rade Serbedzija nel ruolo di Vinko
Giorgio Colangeli nel ruolo di Sabatino
Carmine Recano nel ruolo di Rosario
Susanne Wolff nel ruolo di Petra
Raiz nel ruolo di Salvatore Vitiello
Sascha Zacharias nel ruolo di Caroline
Damir Todorovic nel ruolo di Sasha
Claudia Ruffo nel ruolo di Luisella
Lorenzo Scialla nel ruolo di Michele giovane
Vincenzo Pane nel ruolo di Rosario giovane
Luisa Di Natale nel ruolo di Luisella giovane
Enzo Casertano nel ruolo di Ruggiero
Alexander Yassin nel ruolo di Alexander
Luis Molteni
Linda Chang
 

SOGGETTO

Saviano, Roberto
 
 

MONTAGGIO

Manetti, Simone
 

SCENOGRAFIA

Farina, Antonio
 

COSTUMISTA

Cipollone, Fiorenza

TRAMA

La straordinaria avventura di un ragazzo che, grazie all'incontro con la boxe, riuscirà ad emanciparsi e a sfuggire a un destino già segnato tra i feudi della camorra. Il suo sarà un percorso tortuoso che lo porterà dal baratro della periferia di Napoli all'inferno dei ring clandestini di Berlino, fino al decisivo e inaspettato riscatto.

CRITICA

"Tatanka, parola con cui i Lakhota Sioux indicano il bisonte maschio, è il titolo del film, ma è prima di tutto il soprannome di Clemente Russo. Il nome glielo mise uno dei suoi maestri perché combatte abbassando la testa, naso all'altezza del petto, occhi tirati su, fronte bassa e giù a picchiare. Pesante come un bisonte, ma agile e leggero come un ballerino. (...) Quando in qualche modo porti nella tua sfida le speranze di molti, e i pugni che dai e ricevi sul ring smettono di essere solo gesti sportivi e divengono simboli. Divengono i cazzotti di un'intera generazione, i ganci e gli uppercut di chi non ne può più di stare sempre in salita o di chi cerca in qualche modo di rialzarsi. In quel momento smetti di combattere solo per te stesso, per il tuo titolo, per i tuoi allenatori, per i soldi da portare a casa, per la fidanzata che vuoi sposare. E combatti per tutti. Come De La Hoya ha sempre combattuto con tutti i latinos dentro i suoi pugni, o Jake La Motta con la furia che girava nel corpo degli italoamericani. (...) Uno sport epico perché si fonda su regole che mettono l'uomo di fronte alle sue possibilità." (Roberto Saviano, 'La Repubblica', 5 maggio 2011) "La discesa negli inferi della camorra ha le tinte rossastre dei locali notturni malfamati, la palestra della rivincita ha muri scrostati e aria fatiscente, un fortino di legalità accerchiato dalla malavita, l'amico del cuore di 'Tatanka', Rosario (Carmine Recano), ha l'espressione da Lucifero di periferia, e le donne, compreso il primo amore Luisella (Claudia Ruffo), fanno da contorno, perché il mondo della boxe 'è prevalentemente maschile'. L'ombra di 'Gomorra' avvolge tutto, dallo sparo ansiogeno della prima sequenza ai regolamenti di conti su strade lucide di pioggia. La parentesi tedesca, quando Michele sfugge alla vendetta della camorra e precipita nel girone dei ring clandestini di Berlino, è la meno riuscita, ma la potenza della vicenda umana resta intatta." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 5 maggio 2011) "Affermare che 'Tatanka' sia tratto da 'La bellezza e l'inferno' di Saviano (come fa, a caratteri cubitali, il manifesto della pellicola) equivale a realizzare un film su Bin Laden e dire che è tratto da 'La rabbia e l'orgoglio' della Fallaci. (...) Si tratta di un prodotto tecnicamente ben girato, come oggi accade sovente, ma non del tutto compiuto. Giunto al suo secondo lungometraggio, il 34enne Giuseppe Gagliardi sostiene di avere scelto un approccio 'neorealistico' ma, a onor del vero, non si vede dove sia il neorealismo nella sua opera. La prima parte, che si svolge in Campania, è la migliore ed è improntata a un verismo stilizzato che molto deve al 'Gomorra' di Garrone; la seconda, quasi tutta ambientata in Germania, vira in modo poco credibile verso la 'tragedia' scorsesiana." (Giuseppe Pollicelli, 'Libero', 5 maggio 2011) "Lo chiamano 'Tatanka' (per gli indiani d'America, bisonte) perché è uno di quei pugili che va avanti a testa bassa senza paura dei pugni. Insomma un vero duro proprio come il campione di boxe Clemente Russo, più che bravo protagonista del film di Giuseppe Gagliardi, 'Tatanka', ispirato a un racconto tratto da un libro di Roberto Saviano ('La bellezza e l'inferno', Mondadori). (...) Per questo film il campione di boxe ha pagato un caro prezzo, è stato sospeso per sei mesi dalla Polizia di Stato che non ha visto di buon grado la sceneggiatura del film, probabilmente per una scena molto forte in cui un piccolo delinquente viene torturato dalla polizia fino alla morte per soffocamento." (Francesco Gallo, 'La Gazzetta del Mezzogiorno', 5 maggio 2011)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica