Paulette2012

SCHEDA FILM

Paulette

Anno: 2012 Durata: 87 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Jérôme Enrico

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:LÉGENDE FILMS, GAUMONT, FRANCE 2 CINÉMA, CON LA PARTECIPAZIONE DI CANAL +, CINÉ +

Distribuzione:MOVIEMAX (2013)

ATTORI

Bernadette Lafont nel ruolo di Paulette
Carmen Maura nel ruolo di Maria
Dominique Lavanant nel ruolo di Lucienne
Françoise Bertin nel ruolo di Renée
André Penvern nel ruolo di Walter
Ismaël Dramé nel ruolo di Léo a 7 anni
Jean-Baptiste Anoumon nel ruolo di Ousmane
Axelle Laffont nel ruolo di Agnès
Paco Boublard nel ruolo di Vito
Mahamadou Coulibaly nel ruolo di Idriss
Kamel Laadaili nel ruolo di Momo
Aymen Saïdi nel ruolo di Rachid
Soufiane Guerrab nel ruolo di Zak
Samir Trabelsi nel ruolo di Pierrot
Alexandre Aubry nel ruolo di Tit'Yves
Pascal N'Zonzi nel ruolo di Padre Baptiste
Lionel Astier nel ruolo di Fred
Mathias Melloul nel ruolo di Jérémy
Miglen Mirtchev nel ruolo di Taras
Philippe du Janerand nel ruolo di Usciere
 
 

MONTAGGIO

Vareille, Antoine
 

SCENOGRAFIA

Thiollier, Christophe
 

COSTUMISTA

Falque, Agnès

TRAMA

L'anziana Paulette è un'ex pasticcera che vive da sola in un complesso residenziale alla periferia di Parigi, con una pensione così esigua da renderle difficile sbarcare il lunario. Per guadagnare qualcosa extra, sfruttando il suo fiuto per gli affari e il suo talento come cuoca, decide di mettere in piedi un'attività redditizia ma ben poco legale: vendere cannabis. Ma diventare spacciatori non è cosa semplice...

CRITICA

"Ottica del «carino» e finale pieno d'abbracci. Il regista Enrico è più Molinaro che Loach ma la commistione diverte e alla satira della terza età siede anche Carmen Maura." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 6 giugno 2013) "Ispirato a un fatto autentico, un film che ricorda certi titoli inglesi di buona fama ('L'erba di Grace') ma ha il difetto di non riuscire a decidersi sul tono da adottare, mantenendosi sospeso tra il dramma sociale (quello che i francesi chiamano il 'cinema delle periferie') e la commedia alla Ken Loach. Così anche gli spunti più stimolanti restano al palo: vedi l'esplicito razzismo della protagonista, vecchia signora xenofoba che, prima della fine, scopre la tolleranza e l'amore per il prossimo. Al suo secondo lungometraggio, Jérôme Enrico si limita a una regia piattamente 'di servizio'. Merita invece la visita Bernadette Lafont, in anni più verdi attrice per Claude Chabrol e François Truffaut." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 6 giugno 2013) "Jérôme Enrico prende spunto dalla crisi economica e dal pregiudizio razziale per imbastire una piccola black comedy a lieto fine, che molto deve alla spiritosa, torva interpretazione di Bernadette Lafont, storica attrice francese: quasi 200 titoli, fra cui l'acclamato 'La maman et la putain'." (Alessandra Levantesi Kezich, 'la Stampa', 6 giugno 2013) "L'idea non e nuovissima. Già 'L'erba di Grace', piccolo culto inglese del 2000, ci aveva deliziato con l'intraprendenza di un'anziana vedova che dalle orchidee passa alla coltivazione di marijuana per sopravvivere ai debiti ereditati dal marito. Eppure anche 'Paulette' di Jérôme Enrico - presentato allo scorso Bif&st di Bari - in Francia è diventato un piccolo caso e specchio dei tempi. Dalla tranquilla Cornovaglia, infatti, qui si passa alla burrascosa banlieue parigina che il regista condisce con tutti i temi dell'attualità più pressante: le tensioni razziali, la crisi galoppante, la solitudine degli anziani. (...) una irresistibile Bernadette Lafont (...) Il finale, da favola, riporterà la quiete nella vita di tutti. Magari poco graffiante, ma sicuramente divertente." (Gabriella Gallozzi, 'L'Unità', 6 giugno 2013) "Piacerà a coloro che pur trovandosi di fronte a uno spunto non inedito (più o meno lo stesse dell'inglese 'L'erba di Grace') si divertirà davanti a un ritratto di travolgente megera, superbamente interpretata da Bernadette Lafont (chi riconoscerebbe in questa strega la bellona di 'Mica scema la ragazza' di Francois Truffaut?)." (Giorgio Carbone, 'Libero', 6 giugno 2013) "Deliziosa commedia francese, spiritosa cugina di primo grado dell'inglese 'L'erba di Grace', ben fornita di garbo e umorismo. (...) Riecco nel ruolo principale l'arzilla Bernadette Lafont, già musa di Truffaut." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 6 giugno 2013)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica