Ladri di biciclette1948

SCHEDA FILM

Ladri di biciclette

Anno: 1948 Durata: 93 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:Vittorio De Sica

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.37)

Tratto da:basato sul romanzo omonimo di Luigi Bartolini

Produzione:PRODUZIONI DE SICA (1947)

Distribuzione:ENIC (1948), NUOVA ERI, RICORDI VIDEO, SAN PAOLO AUDIOVISIVI, 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT, GRUPPO EDITORIALE BRAMANTE, DVD: MONDO HOME ENTERTAINMENT (2002), CINETECA DI BOLOGNA (2019)

ATTORI

Lamberto Maggiorani nel ruolo di Antonio Ricci
Enzo Staiola nel ruolo di Bruno, il figlio di Antonio
Lianella Carell nel ruolo di Maria Ricci
Elena Altieri nel ruolo di Signora benefattrice
Gino Saltamerenda nel ruolo di Baiocco
Vittorio Antonucci nel ruolo di Il ladro
Michele Sakara nel ruolo di Il segretario alla Beneficenza
Fausto Guerzoni nel ruolo di Un filodrammatico
Carlo Jachino nel ruolo di Mendicante
Massimo Randisi nel ruolo di Il ragazzetto borghese in trattoria
Ida Bracci Dorati nel ruolo di La "santona"
Peppino Spadaro nel ruolo di Il brigadiere
Mario Meniconi nel ruolo di Meniconi, lo spazzino
Checco Rissone nel ruolo di Il vigile in piazza Vittorio
Giulio Battiferri nel ruolo di Un cittadino che difende il vero ladro
Giulio Chiari nel ruolo di Un attacchino
Sergio Leone nel ruolo di Un seminarista
Emma Druetti
Eolo Capritti
Giovanni Corporale
Memmo Carotenuto
Nando Bruno
 

MONTAGGIO

Da Roma, Eraldo
 

SCENOGRAFIA

Traverso, Antonio

TRAMA

Antonio, un operaio disoccupato, trova impiego come attacchino municipale, ma la bicicletta di cui ha bisogno per lavorare, al momento si trova al Monte di Pietà e, per riscattarla, sua moglie Maria impegna le lenzuola. Dopo meno di un'ora di attacchinaggio, però, un ladruncolo ruba la preziosa bicicletta. Antonio tenta un inseguimento, ma non riesce a prenderlo e non gli resta che ritornare a casa in preda alla disperazione. Anche al Commissariato, dove denuncia il furto, non gli danno alcuna speranza. Nessuno si interessa al suo caso e Antonio inizia a vagare tra i rivenditori di biciclette accompagnato da suo figlio Bruno, un bambino di sei anni. Quando tra la folla intravedono il ladro, Antonio e Bruno iniziano a inseguirlo. In una Roma domenicale, i due trovano soltanto indifferenza e ostilità e alla fine, in preda alla disperazione, ad Antonio non rimane che tentare il furto. Sarà solo il pianto del suo bambino a salvarlo dalla polizia.

CRITICA

"L'aneddoto è debole specie alla partenza: una bicicletta di terza mano non è poi difficile da ottenere in Italia. Superato il piccolo impaccio iniziale, il racconto corre via geniale e felice. E' un capolavoro fatto di nulla, tra il primo Clair e il secondo Chaplin, pieno di delicate osservazioni d'ambiente, di trovate d'atmosfera: un'elegia nata sotto il segno della grazia, e che sarà difficile ripetere [...]". (Piero Bianchi, "Filmcritica", 6/7, giugno/luglio 1951)

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica