La stella che non c'?2006

SCHEDA FILM

La stella che non c'è

Anno: 2006 Durata: 104 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Gianni Amelio

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:liberamente ispirato al romanzo "La dismissione" di Ermanno Rea (ed. Rizzoli)

Produzione:RICCARDO TOZZI, MARCO CHIMENZ, GIOVANNI STABILINI PER CATTLEYA, RAI CINEMA, BABE, CARAC FILM, RTSI, ACHAB FILM

Distribuzione:01 DISTRIBUTION

ATTORI

Sergio Castellitto nel ruolo di Vincenzo Buonavolontà
Tai Ling nel ruolo di Liu Hua
Angelo Costabile nel ruolo di Giovane operaio
Hiu Sun Ha nel ruolo di Chong
Catherine Sng nel ruolo di Segretaria
Enrico Vanigiani nel ruolo di Dirigente acciaieria
Roberto Rossi nel ruolo di Dirigente acciaieria
Xu Chungqing nel ruolo di Direttore ufficio Shanghai
Wang Biao nel ruolo di Commissario di polizia
Zhao Jianyun nel ruolo di Studente
Huang Qinhao nel ruolo di Giovane sfruttatore
Luo Xiufeng nel ruolo di Ragazzo del pullman
Tang Xianbi nel ruolo di Nonna
Wang Lin nel ruolo di Bambino
Guo Yong nel ruolo di Ragazzo al posto di ristoro
Duan Ping nel ruolo di Autista del camoin
Li Zhenduo nel ruolo di Barbiere
Ma Qing nel ruolo di Operaio acciaieria
 
 

MONTAGGIO

Paggi, Simona
 

SCENOGRAFIA

Viti, Attilio
 

COSTUMISTA

Francioni, Cristina

TRAMA

Vincenzo Buonavolontà è stato a lungo responsabile della manutenzione di uno stabilimento siderurgico. Alla chiusura dell'impianto viene incaricato della vendita dell'altoforno ad un'azienda cinese, ma ben presto si rende conto di aver ceduto una macchina difettosa che in passato ha causato degli incidenti. Per rimediare al danno, Vincenzo parte alla volta di Shanghai dove, accompagnato dalla giovane interprete Liu Hua, cercherà di localizzare l'impianto per poter riparare la macchina sostituendo una centralina idraulica.

CRITICA

"Bravissimo, Castellitto offre la radiografia del cuore, conquista la sua tenerezza e guarda senza pregiudizi un altro mondo con l'aiuto di una cinese ragazza madre. Parte in camion la crisi esistenziale e la portata morale, tipica di Amelio, d'una ricerca intrisa di illusioni e delusioni: per ottenere altri valori piangere fa bene. Road movie doppio all'Antonioni con finale di speranza e un discorso che da concreto si fa, per magia di cinema, astratto e interiore, come se il regista filmasse e firmasse con una dolcezza superiore alla sua media sguardi, silenzi, sospensioni di chi ha sprecato la vita e non lo sa. Tema classico, la voglia di paternità. E la stella che manca è l'innocenza, infatti forse è quella di un giocattolo." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 29 settembre 2006) "Una cronaca realistica, ma anche una riflessione, filtrata quasi attraverso l'intimismo, su un personaggio che vede sconfitta una sua ostinatissima ossessione dalla scoperta di valori più quieti, come quelli espressi dai bambini. (...) Questo percorso psicologico Amelio l'ha svolto in due momenti paralleli ma strettamente intrecciati. Uno, il viaggio in una Cina ora supermoderna, ora rurale, ora costellata di bellezze naturali, cui la fotografia splendida di Luca Bigazzi dà risalti magnifici superando, nella descrizione del quotidiano nelle città, perfino quella di Zhang Yimou nella 'Storia di Qui Ju'. L'altro, tessendo di fili sottilissimi il rapporto via via sempre più diretto fra il protagonista e la sua interprete, madre segreta di un bambino che ha dovuto tener nascosto e che finirà per essere la molla del ripensamento psicologico dell'altro, venuto per riparare una acciaieria e pronto, invece, alla fine, ad occuparsi del semplice giocattolo di quel bambino. Facendo confluire questi due momenti, con il commento delle musiche, sempre suggestive di Franco Piersanti, ingemmate da cori cinesi, in un lunghissimo primo piano del protagonista, prima deluso fino alle lacrime, poi virilmente pacificato e mutato. Sublima questo primo piano, preceduto comunque da altri di vitalità quasi pari, l'interpretazione superba di Sergio Castellitto, mai così intenso, mai così vibrante, mai così fortemente segnato. Al suo fianco, in cifre più semplici, l'esordiente cinese Tai Ling." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 5 settembre 2006) "L'impressione che se ne ricava è quella di una storia quasi in fieri, fluida e svariante fin quando, appunto, si esprime nel tocco e nell'abbozzo, nel flash lirico e nel guizzo del dialogo; ma poi svaporata e impalpabile quando l'oscuro malessere dell'approccio dovrebbe secernere una riflessione densa o anche un empito liberatorio. (...) Qualcuno citerà Antonioni - più 'Chung Kuo-Cina' che 'Professione: reporter' -, ma in questo caso Amelio appare un regista del tutto diverso, portato ad accarezzare con sentita tenerezza i corpi ed i paesaggi e, in fondo, a disagio nell'evocare il pathos segreto delle situazioni. L'indubbia forza morale del viandante non aiuta a scalare la montagna della Cina comunista/capitalista, ma, al massimo, ci fa intravedere i suoi insospettati, insondabili, ambivalenti contrafforti. Che ci convivano sacche di povertà spaventose, rampantismo industriale e deliziosi frugoletti, insomma, 'La stella che non c'è' riesce a raccontarlo senza enfasi: quello che manca, però, e gli impedisce di volare molto in alto è un contrappunto psicologico forte, una corposa traiettoria drammaturgica, un 'riscatto' meno telecomandato dell'italiano-brava-gente che nel finale s'abbandona a un pianto irrefrenabile." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 6 settembre 2006) "Serrato nella prima parte, che guarda con dolente curiosità le diversità della terra e del cuore, il film rallenta troppo nel finale, senza sceneggiatura e senza bussola. Eppure il lungo viaggio verso il confine impossibile resta affascinante." (Claudio Carabba, CdS Magazine, 14 settembre 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica