Gallo Cedrone1998

SCHEDA FILM

Gallo Cedrone

Anno: 1998 Durata: 98 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMICO

Regia:Carlo Verdone

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:VITTORIO E RITA CECCHI GORI PER CECCHI GORI GROUP - TIGER CINEMATOGRAFICA

Distribuzione:CECCHI GORI DISTRIBUZIONE - CECCHI GORI VIDEO.

ATTORI

Carlo Verdone nel ruolo di Armando Feroci
Regina Orioli nel ruolo di Martina
Ines Nobili nel ruolo di Marcella Feroci
Paolo Triestino nel ruolo di Franco Feroci
Giorgia Brugnoli nel ruolo di Morena Feroci
Alessia Bruno nel ruolo di Morena Feroci a 7 anni
Enrica Rosso nel ruolo di Egle
Anna Cerreto nel ruolo di La domestica Anny Cerreto
Roberto Mincuzzi nel ruolo di Quinto
Ernesto Fioretti nel ruolo di Attilio
Gloria Sirabella nel ruolo di La parrucchiera
Tony Brennero nel ruolo di Severiano
Alessandro Caroppo nel ruolo di Tiziano
Marcello Magnelli nel ruolo di Dante
Mimmo Petrelli nel ruolo di Romano
Costantino Valente nel ruolo di Delio
Paolo Fiorelli nel ruolo di Presidente del fan club
Mario Granato nel ruolo di Giudice conciliatore
Piero Di Carlo nel ruolo di Presentatore quiz televisivo
Maria Luisa Busi nel ruolo di Se stessa
 
 

MONTAGGIO

Siciliano, Antonio
 

SCENOGRAFIA

Marchitelli, Maurizio
 

COSTUMISTA

Romanoff, Tatiana

TRAMA

Armando Feroci, un italiano partito volontario con la Croce Rossa in un paese arabo, viene fatto prigioniero e condannato a morte da un gruppo di ribelli islamici per motivi ancora sconosciuti. La notizia arriva in Italia e giornali e televisioni cominciano ad indagare per conoscere di più sulla sua vita. Attraverso le testimonianze della ex-moglie, degli amici e di altri che l'hanno conosciuto vengono ricostruiti gli eventi capitati a Feroci in un arco di 17 anni. Armando rimorchia, in macchina, le donne per strada con coloriti complimenti; si è sposato e poi separato con una donna conosciuta nel periodo in cui faceva l'agente immobiliare; ha una figlia che, bambina, coinvolge in una riunione di ammiratori di Elvis Presley. Ma soprattutto un giorno, tornato a far visita al fratello dentista, ne ha conosciuto la giovane moglie Martina, una non-vedente, per la quale prova attrazione e decide di portarla via. Insieme cominciano un viaggio in macchina, che dall'Etna li porta fino in Veneto, dove Armando fa partecipare Martina ad una gara di streap-tease per casalinghe. Ma i soldi finiscono, e Armando vuole esaudire l'ultimo desiderio di Martina: guidare la macchina. Viene però investito da lei, è ricoverato in coma in ospedale, e qui è seguito da Egle, fervente religiosa, che lo aiuta a guarire. Ripresosi, accetta di seguire la Croce Rossa e parte. Si torna all'inizio, quando il console italiano nel paese arabo informa che Feroci è stato liberato: aveva avvicinato una donna nel deserto, invitandola a salire sulla macchina. Tempo dopo Feroci tiene un comizio: si candida per le imminenti elezioni a sindaco di Roma.

CRITICA

"Dal ben rifornito guardaroba dell'erede degli artisti dell'avanspettacolo, Verdone tira fuori le camicie colorate, le casacche, gli occhialoni di tutti i tipi che si adattano a un estroso intrattenitore capace, con una battuta e una smorfia, di catturare e di divertire la più distratta delle platee. Stavolta, Verdone vuole proprio averla in pugno e, per dominarla del tutto, le offre un'allegra commedia - non propriamente all'italiana - simile a quelle in voga fra il 1950 e il 1960, una commedia, semmai, meglio calcolata nel susseguirsi degli episodi [...] e meglio girata di quando, a Cinecittà e dintorni, si tirava un po' via. [...] Aiutato dagli sceneggiatori che lo hanno aiutato ai suoi esordi (Leo Benvenuti e Piero De Bernardi ai quali si è aggiunto Pasquale Plastino) Verdone colora a vivacità le metamorfosi del personaggio. Gli effetti comici da lui desiderati li ottiene, manda così contento un pubblico desideroso di occasioni per ridere." (Francesco Bolzoni, "Avvenire", 17 ottobre 1998) "Divertente, sboccata e ultrascucita commedia sociale di Carlo Verdone, che riempie lo schermo di flashback e romanesco in una storiellina esilissima in cui le macchiette soffocano i personaggi. Nulla da dire sul Verdone attore, strepitoso nel ritratto del vitellone vanitoso, ma il regista fa un preoccupante salto all'indietro". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 8 marzo 2001)

Trova Cinema

Box office
dal 19 al 22 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Rampage - Furia animale  1.255.042
    Rampage - Furia animale

    Il primatologo Davis Okoye è un uomo schivo. Condivide un legame indissolubile con George, un gorilla silverback straordinariamente intelligente di cui si occupa dalla nascita. Un esperimento genetico scorretto e dai risult...

  2. 1. Escobar - Il fascino del male  956.710
  3. 2. Io sono Tempesta  790.335
  4. 3. Nella tana dei lupi  540.006
  5. 4. Ready Player One  494.938
  6. 4. Il tuttofare  189.088
  7. 5. I segreti di Wind River  366.814
  8. 5. Ghost Stories  185.792
  9. 6. Sherlock Gnomes  311.330
  10. 7. A Quiet Place - Un posto tranquillo  307.704
  11. 8. The Silent Man  270.439
  12. 8. Molly's Game  159.136
  13. 9. Il sole a mezzanotte - Midnight Sun  218.487
  14. 10. The Happy Prince - L'ultimo ritratto di Oscar Wilde  208.502

Tutta la classifica