Cut2011

SCHEDA FILM

Cut

Anno: 2011 Durata: 132 Origine: GIAPPONE Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Amir Naderi

Specifiche tecniche:DCP (1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:TOKYO STORY, BITTERS END

Distribuzione:-

ATTORI

Hidetoshi Nishijima nel ruolo di Shuji
Takako Tokiwa nel ruolo di Yoko
Takashi Sasano nel ruolo di Hiroshi
Shun Sugata nel ruolo di Masaki
Sei Ashina nel ruolo di Akiko
Denden nel ruolo di Takagaki
Takuji Suzuki nel ruolo di Nakamichi
Satoshi Nikaido nel ruolo di Shingo
Ikuji Nakamura
 

SOGGETTO

Naderi, Amir
 

MONTAGGIO

Naderi, Amir
 

SCENOGRAFIA

Isomi, Toshihiro
 

COSTUMISTA

Baba, Kyoko

TRAMA

Shuji è un giovane regista giapponese impegnato a dedicare tutto se stesso nella realizzazione di un cinema di qualità. Un giorno, il ragazzo viene catturato da alcuni esponenti della yakuza a causa di un forte debito contratto da suo fratello Shingo, uno strozzino che ha contribuito a finanziare i suoi film e che è stato giustiziato dalla banda per non aver pagato i propri debiti. Venuto a mancare Shingo, la responsabilità del debito ora è di Shuji, che trova un bizzarro espediente per racimolare il denaro necessario: decide infatti di trasformarsi in 'sacco umano' a pagamento per coloro che vogliono allenarsi a tirare pugni nel bagno della palestra della yakuza. L'iniziativa ottiene subito successo tra i criminali della banda e Shuji inizia a mettere da parte un po' di soldi. Tuttavia, quando il debito sembra quasi sul punto di essere saldato, i capi della banda decidono di rendere le cose per Shuji ancora più complicate...

CRITICA

"Inspiegabilmente fuori concorso, anzi film d'apertura della sezione più sperimentale, Orizzonti, il bellissimo, dark, militante, cinefilo e sconvolgente poema bellico 'Cut' dell'iraniano Amir Naderi (sottotitolo immaginario 'Uppercut', perché i pugni imperano), questa volta in Giappone, dopo 5 film Usa, e all'opera 17, ha il dono di semplificare le questioni, di dire due o tre cose fondamentali e chiare sul senso del cinema, la più ibrida delle arti di combattimento, così promiscuamente legata alla vita come è e, un po' come la nobile arte, il pugilato, forse un'arte ormai defunta. (...) 'Cut' che di questo tratta, è un grande elogio al cinema giapponese classico, cosi 'studiato' e rituale tanto istintivo e commuovente (e ci condurrà in pellegrinaggio sulle tombe di Ozu, Mizoghuci e Kurosawa, e sulla lapide di Ozu rileggeremo la parola zen più densa di significati: «nulla») e ai capolavori universalmente riconosciuti della settima arte, che hanno nutrito le immagini visive e sonore di Naderi, 'realiste' ed espressioniste allo stesso tempo, complesse formalmente ma anche dirette, telluriche e vulcaniche." (Roberto Silvestri, 'Il Manifesto', 3 settembre 2011) "Cento pugni per cento film. E' questo il prezzo finale che deve pagare Shuji per avere salva la vita e difendere i suoi ideali. (...) E dello stesso spirito, opposto a un cinema 'avvelenato', è pervaso anche il regista iraniano Amir Naderi, emigrato negli Stati Uniti, che apre la sezione Orizzonti con 'CUT', girato interamente nel Giappone contemporaneo, pur senza lui parlare una sola parola di giapponese. Ma contano le immagini, la sceneggiatura, le metafore, la ricchezza delle citazioni. Shuji, interpretato da Hidetoshi Nishijima, sulla cui personalità e fisicità è stato scritto il film, è come l'ultimo samurai del cinema che fu: la somma pattuita per ogni pugno ricevuto, lui che diventa un sacco da boxe umano sanguinante, non è soltanto per aver siglato un patto d'onore che salva quello della famiglia. Il pugno diventa il personale sacrificio sull'altare di un'arte scomparsa, la lotta per far sopravvivere in lui e negli altri la memoria dei suoi maestri, le cui tombe visita in preghiera silenziosa: Ozu, Kurosawa, Ichikawa, Shindo, Mizoguchi." (Alessandra De Luca, 3 settembre 2011)

Trova Cinema

Box office
dal 14 al 17 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica