Accadde al penitenziario1955

SCHEDA FILM

Accadde al penitenziario

Anno: 1955 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Giorgio Bianchi

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:FELICE ZAPPULLA PER FORTUNIA FILM

Distribuzione:TITANUS - FONIT CETRA VIDEO

ATTORI

Aldo Fabrizi nel ruolo di Cesare Cantelli, agente di custodia
Alberto Sordi nel ruolo di Giulio Parmitoni
Mara Berni nel ruolo di La truffatrice
Walter Chiari nel ruolo di Walter Polacchi
Peppino De Filippo nel ruolo di Peppino
Nino Besozzi nel ruolo di Prof. Zaccanti
Mario Riva nel ruolo di Detenuto n. 77
Riccardo Billi nel ruolo di Detenuto siciliano
Turi Pandolfini nel ruolo di Un detenuto
Enrico Luzi nel ruolo di Un detenuto
Carlo Romano nel ruolo di Capo degli agenti di custodia
Memmo Carotenuto nel ruolo di Vigile urbano
Ciccio Barbi nel ruolo di Automobilista in lite
Mino Doro nel ruolo di Automobilista in lite
Ignazio Balsamo nel ruolo di Detenuto mafioso
Antonio Nicotra
Attilio Bosisio
Attilio Rapisarda
Augusto Di Giovanni
Eugenio Galadini
Flora Lillo
Lianella Carell
Natale Cirino
 

SOGGETTO

Zappulla, Felice
 

MUSICHE

Rota, Nino
 

MONTAGGIO

Novelli, Adriana
 

SCENOGRAFIA

Piccolo, Peppino

TRAMA

Cesare, secondino in un penitenziario, è un uomo bonario, che cerca di aiutare i detenuti. La sua bontà gli procura spesso dei guai, ma Cesare non se ne preoccupa e si consola tenendo una specie di diario, nel quale vengono annotate le vicende dei prigionieri a lui più cari. Tra questi c'è Walter, il giovane ed elegante commesso di una gioielleria, che per il suo temperamento romantico e il suo carattere, si lascia raggirare da una bella truffatrice. Questa, con uno stratagemma, gli sottrae un gioiello prezioso. La buona fede del giovane però non viene riconosciuta e finisce in prigione. Più tardi la donna, pentita, restituisce il gioiello. L'innocenza di Walter non può più essere messa in dubbio: per i due protagonisti della vicenda si prospetta un futuro roseo. C'è poi il caso di Peppino, uno spostato, per il quale il carcere è un soggiorno ideale dove può condurre una vita tranquilla e spensierata: per conquistarselo architetta un divertente imbroglio. Diversa è la vicenda di Giulio, un fannullone, che alza volentieri il gomito. Essendo in preda ai fumi del vino, viene coinvolto, senza saperlo, nell'impresa notturna di una banda di ladri, di cui si pensa sia un componente. Anche per lui scoccherà l'ora della giusta liberazione; ma la lezione non gli è servita e Cesare se lo troverà una sera di nuovo ubriaco in un autobus e dovrà nuovamente prendersene cura.

CRITICA

"Cinematograficamente è un lavoro slegato e mal fatto; anche come sceneggiatura il film è trascurato. Tuttavia nell'insieme, per alcune indovinate battute di dialogo, per alcuni sketch divertenti, per alcune scenette sufficientemente e principalmente per il folto gruppo di noti attori, il film regge e fa quattrini". (Ettore Fecchi, "Intermezzo", 22, 30 novembre 1955)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica