RECENSIONE FILM a cura di Cinematografo.it

<i>Genitori &amp; figli agitare bene prima dell'uso</i>

26 febbraio 2010

Genitori & figli...

Manuale (inter)generazionale per Veronesi: risa e pianto, enfasi e realismo, per un cocktail micidiale...

Dopo la co-sceneggiatura dell'introverso Io & Marilyn per l'amico Pieraccioni, Giovanni Veronesi torna alla regia con il manuale (inter)generazionale Genitori & figli agitare bene prima dell'uso: il confronto tra adulti e giovani filtra dallo sguardo non allineato della 14enne Nina (Chiara Passarelli), di cui conosciamo i genitori separati - il padre "senza spina dorsale" (Silvio Orlando) e la madre nevrotica (Luciana Littizzetto) - il fratellino razzista (Matteo Amata) e la nonna maudit (Piera Degli Esposti), il suo primo amore (Emanuele Propizio) e il suo professore d'italiano (Michele Placido), con la moglie (Margherita Buy) e un figlio (Andrea Fachinetti) che vorrebbe partecipare al Grande Fratello. Nel cast anche Max Tortora ed Elena Sofia Ricci, scritto a sei mani dal regista con Ugo Chiti e Andrea Agnello, il film si scaglia con qualche incertezza e plurime incongruenze contro la famiglia allargata e in favore del branco: Veronesi tifa per il legame di sangue, istintuale, "meccanico" che tra genitori e figli non si sfilaccia mai del tutto, succeda quel che succeda.E va pure contro il politically correct, ma anche qui l'affondo pare estemporaneo: se un cinese è eletto a "sverginatore! della scuola di Nina, un rom sfila un centone alla piccolo borghese Littizzetto, che chiede scusa per le botte date dal figlio xenofobo e violento.Dal cocktail di Veronesi, a uscire è una sola certezza: gli anni passano per tutti, e pure le risate cadono in prescrizione, come attesta un non inedito Manuale che non sa decidersi tra lacrime  e riso, analisi sociale e le solite corna, recitazione enfatica – Littizzetto e Orlando oltre il limite, così da far sembrare il buon Placido quasi in sottrazione – e volontà "realistica", soprattutto nei confronti dei giovani, viceversa incompresi da preservativi sulle carote, schermaglie amorose di cent'anni fa, orche poco assassine e filmati su Youtube. Allora forza, Veronesi, il drammatico non è un dramma e il rischio è calcolato: respirare in Italia un cinema europeo, almeno nelle intenzioni. Se non sappiamo più ridere, proviamo a (far) piangere. 

Trova Cinema

Box Office

dal 21 al 24 maggio

Incasso in

1 Gli anni più belli   1.196.456
2 Bad Boys for Life   882.185
3 Il richiamo della foresta   680.273
4 Parasite   605.719
5 Sonic. Il film   499.216
6 Odio l'estate   264.761
7 Cattive acque   263.009
8 La mia banda suona il pop   240.521
9 Dolittle   123.234
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)   121.947