Zucker!... come diventare ebreo in 7 giorni2004

SCHEDA FILM

Zucker!... come diventare ebreo in 7 giorni

Anno: 2004 Durata: 90 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Dani Levy

Specifiche tecniche:(1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:BAYERISCHER RUNDFUNK (BR), WESTDEUTSCHER RUNDFUNK (WDR), X-FILME CREATIVE POOL, ARTE

Distribuzione:LADY FILM (2005)

ATTORI

Henry Hubchen nel ruolo di Jaeckie Zucker
Hannelore Elsner nel ruolo di Marlene Zucker
Udo Samel nel ruolo di Samuel Zuckermann
Golda Tencer nel ruolo di Golda Zuckermann
Steffen Groth nel ruolo di Thomas
Anja Franke nel ruolo di Jana
Sebastian Blomberg nel ruolo di Joshua Zuckermann
Elena Uhlig nel ruolo di Lilly
Rolf Hoppe nel ruolo di Rabbino Ernst Ginsberg
Inga Busch nel ruolo di Irene
 

SCENEGGIATORE

Franke, Holger
Levy, Dani
 

MUSICHE

Reiser, Niki
 

MONTAGGIO

Bromund, Elena
 
 

COSTUMISTA

Bates, Lucie
 

TRAMA

Nella Berlino post-unificazione, l'ex giornalista Jaecki Zucker, ormai giocatore d'azzardo incallito, dopo la morte di sua madre sta per rincontrare suo fratello Samuel con cui non parla da anni. Nella divertente commedia degli equivoci che ne nasce, Jaeckie dovrÓ inventarsi un'identitÓ ebrea ortodossa per ricevere una fetta dell'ereditÓ materna...

CRITICA

"L'umorismo Ŕ una delle cose pi¨ belle e toccanti quando viene fuori dalla sofferenza e 'Zucker!... come diventare ebreo in sette giorni' di Dani Levy Ŕ esattamente questo: una commedia che mette in scena con pesante leggerezza i disastri della vita e lo scontro fra due culture. Gli sfaceli familiari, d'altronde, spesso danno vita a grandi commedie. In pi¨, il film Ŕ ben scritto, pieno di battute politically uncorrect, sfacciate, appassionate e soprattutto autoironiche. PerchÚ, come dice il regista, 'Dio ride. Ed essendosi sconsideratamente eletti come suo popolo, noi ebrei non possiamo che ridere di noi stessi'." (Roberta Bottari, 'Il Messaggero', 25 novembre 2005) "Naturalmente Ŕ una commedia. Scritta e diretta da un regista, Dani Levy, che, essendo ebreo anche lui, non ha timore di farsi beffe della mentalitÓ e del modo di vivere dei suoi correligionari pi¨ ortodossi. Forse poteva essere meno irriverente, anche perchÚ, in certi passaggi, le sue beffe rischiano di apparire stonate, la caratterizzazione dei vari personaggi, tuttavia Ŕ condotta con una disinvoltura indubbiamente colorita e i risvolti narrativi, pure un po' contorti, i risultati allegri cui tendevano li raggiungono. Qua e lÓ anche con una certa malizia. Gli interpreti per˛ non aiutano molto. Hanno tutti un passato fecondo, sia in teatro, sia in televisione e al cinema, ma qui da noi hanno scarsi richiami. Cito almeno il protagonista Henry Hubchen. Pu˛ divertire, ma si agita molto." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 25 novembre 2005) "Pur nella scelta grottesca, lo sceneggiatore e regista del film Dani Levy, mantiene un tono equilibrato: alterna scene comiche con altre pi¨ serie, senza abbandonarsi alle tentazioni del cinismo. La sua Ŕ una commedia famigliare, non priva di sfumature psicologiche, nella tradizione dell'umorismo ebraico. Che - ce lo hanno dimostrato Lubitsch, Allen e altri grandi - si preoccupa assai meno del politicamente corretto che di rappresentare le debolezze umane in modo diretto, autoironico e, al caso, anche sfacciato." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 25 novembre 2005) "Campione d' incassi tedesco, il film di Dani Levy, che da grande vorrebbe essere Billy Wilder, si concede il lusso di ironizzare sulla religione, mira l'ortodossia ebraica e sta in equilibrio delicato su un tema pericoloso con la sfacciataggine tipica dell'autoironia. ╚ alla fine una divertente commedia-farsa degli equivoci (...) Ne capitano di ogni tipo, finti attacchi di cuore e vere sfide di biliardo, amori casalinghi, un dialogo spiritoso sul filo dell'understatement da Woody Allen, critica politica sulle due Germanie e un cast variopinto in cui nessuno Ŕ un vero ebreo. Importante era rompere il tab¨ con intelligenza, misura, affettuosa complicitÓ: fatto!" (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 26 novembre 2005)

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica