SCHEDA FILM

Yuppi Du

Anno: 1975 Durata: 125 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Adriano Celentano

Specifiche tecniche:35 MM, PANORAMICA - EASTMANCOLOR, TELECOLOR

Tratto da:-

Produzione:ADRIANO CELENTANO PER CLAN CELENTANO FILM

Distribuzione:ALPHERAT

ATTORI

Adriano Celentano nel ruolo di Felice Della Pietà
Claudia Mori nel ruolo di Adelaide, la seconda moglie
Charlotte Rampling nel ruolo di Silvia, la prima moglie
Lino Toffolo nel ruolo di Nane
Gino Santercole nel ruolo di Napoleone
Memmo Dittongo nel ruolo di Scognamillo
Rosita Celentano nel ruolo di Monica Jon Lei
Carla Brait nel ruolo di Cameriera del Bar '3 Ponti'
Pippo Starnazza nel ruolo di Marito abbandonato
Sonia Viviani
Patrizia Pochintesta
Paolo Perini
Bruno Perini
Domenico Seren Gay
Ugo Frisoli
Carla Mancini
Jack La Cayenne
Jo Neal
Leona Laviscount
Luigi Radaelli
Mariano Detto
 
 
 

MONTAGGIO

Celentano, Adriano
 
 

COSTUMISTA

Mannini, Elena
 

EFFETTI

Baracca, Andrea

TRAMA

Il suicidio della moglie Silvia induce Felice Della Pietà a sposare Adelaide, anche per dare una seconda madre a Monica, la figlia nata dalle prime nozze. Un giorno, tuttavia, il protagonista scopre che Silvia è viva e che ha architettato il finto suicidio per lasciare il marito nella miseria a Venezia e unirsi con un uomo di Milano che le ha offerto agi e ricchezza. Tornati insieme, Felice e Silvia ritrovano l'amore di un tempo, ma lei è ancora alla ricerca di denaro e lusso, per cui parte nuovamente per Milano portando con sé Monica così da assicurarle un'educazione e un'esistenza diversa. Felice, abbandonato ovviamente anche da Adelaide, fa una scappata a Milano e si fa pagare a peso la figlia. Però, tornando a Venezia con il fagotto dei 45 milioni ricevuti, medita amaramente sulla possibilità dell'amore e dubita che il denaro sia fonte di felicità.

CRITICA

"'Yuppi Du' è un film aggressivo, colorito, vivacissimo, che si affida ad una girandola di invenzioni espressive: certi scorci della vita veneziana sono degni di un musical alla Minnelli; e la visione di una Milano in grigio, percorsa da folle coperte di smog, si rifà alla vena protoecologica di 'Il ragazzo della via Gluck'". (Tullio Kezich - 'Il millefilm') "Il film, concepito come una ballata e realizzato mescolando fantasiosamente numerosi ingredienti (sogni, visioni, realtà, colori, canzoni e balletti), è un po' confuso e ridondante, ma anche pieno di vivacità, di estro, di momenti poetici e di suggestioni sull'esistenza umana. Non sempre limpido nelle singole raffigurazioni emblematiche, sembra avere la sua tematica di base nel contrapposto tra Felice pago della sua modestia e Silvia bramosa di benessere o in quello tra la Venezia poetica nonché umana dei poveracci e la Milano alienante, babelica, popolata di maschere senza autenticità. Si tratta in fondo di una proposta romantica e paradossale; sostanzialmente evangelica, comunque." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 78, 1975)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica