Transformers - La vendetta del caduto2009

SCHEDA FILM

Transformers - La vendetta del caduto

Anno: 2009 Durata: 147 Origine: USA Colore: C

Genere:AVVENTURA, FANTASCIENZA

Regia:Michael Bay

Specifiche tecniche:-

Tratto da:basato sui "Transformers" Action Figures della Hasbro

Produzione:DI BONAVENTURA PICTURES, DREAMWORKS SKG, HASBRO, PARAMOUNT PICTURES, TOM DESANTO/DON MURPHY PRODUCTION

Distribuzione:UNIVERSAL

ATTORI

Shia LaBeouf nel ruolo di Sam Witwicky
Megan Fox nel ruolo di Mikaela Banes
Kevin Dunn nel ruolo di Ron Witwicky
Julie White nel ruolo di Judy Witwicky
John Turturro nel ruolo di Agente Simmons
Josh Duhamel nel ruolo di Capitano Lennox
Tyrese Gibson nel ruolo di Sergente Epps
John Benjamin Hickey nel ruolo di Galloway
Ramon Rodriguez nel ruolo di Leo
Isabel Lucas nel ruolo di Alice
Matthew Marsden nel ruolo di Graham
Michael Papajohn nel ruolo di Cal
Samantha Smith nel ruolo di Sarah Lennox
Jonathon Trent nel ruolo di Fasbinder
 
 

SCENOGRAFIA

Phelps, Nigel
 

COSTUMISTA

Scott, Deborah Lynn

TRAMA

Nonostante sia l'eroe della battaglia di Mission City fra Autobots e Decepticons, il giovane Sam Witwicky deve fare i conti con i problemi comuni a tutti i ragazzi della sua età. Ad esempio trasferirsi in un'altra città per frequentare l'università, allontanandosi così da tutti i suoi affetti e dagli amici più cari. Nel frattempo, il Sector 7 è stato smantellato, l'Agente Simmons è stato liquidato senza troppi convenevoli e al suo posto è nata una nuova agenzia, la NEST, che si avvale di esperti comandanti di campo che lavorano al fianco degli Autobots al fine di evitare un ennesimo confronto fatale con i Decepticons. Il destino di Sam è però sempre in agguato. Improvvisamente verrà colto da visioni in cui messaggi e simboli si faranno strada nella sua mente finché si troverà nuovamente coinvolto a salvare l'universo dall'infinita lotta tra Autobots e Decepticons.

CRITICA

"Sarà da poveri babbioni lamentarsi per lo scarso appeal di 'Transformes, la vendetta del caduto?' (...) Siamo davanti all'esempio più estremo di come il cinema della grandiosità spettacolare tecnologica derivata da altre fonti creative o di consumo stia tentando, per la gioia di chi grazie a loro porta a casa tanto soldi (malgrado la pirateria) e purtroppo anche per quella di chi non conosce altro, di mortificare per sempre il cinema vero." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 26 giugno 2009) "Vietato indignarsi: in un vecchio film di Tsui Hark, Van Damme radeva al suolo il Colosseo, e in 'Angeli e demoni' avrebbero tranquillamente devastato il Vaticano se Sua Santità non avesse negato i permessi. Un altro trucco propagandistico subliminale di questo tipo di cinema è la totale negazione della Storia. Era più grave quando Bay lo faceva in 'Peral Harbour', riscrivendo allegramente una guerra vera. Ma il senso del suo cinema è sempre la chiamata alle armi. Lo faceva sotto Bush e continua a farlo sotto Obama. Per certi registi, al di fuori del box-office, non succede nulla nel mondo." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 26 giugno 2009) "Transformers - la vendetta del caduto' ha un instancabilità e una attitudine onnivora che comunicano un certo tipo di autentica passione per il cinema. Ed è un giocattolo gigantesco e divertente, proprio anche per il suo anacronismo e la sua mancanza di ironia." (Giulia D'Agnolo Vallan, 'Il Manifesto', 26 giugno 2009) "Il secondo dei 'Transformers, La vendetta del caduto', allude a Lucifero, angelo ribelle e caduto. Infatti presto il polpettone meccanico si vena di religioso, per arenarsi nel deserto, culla dei monoteismi. (...) Figlio dell'ultima fase di Bush e della prima di Obama, il film condanna la prima nel personaggio del guerrafondaio e cita la seconda, evocando il nome del presidente. Distogliete i figlioletti da questo film, loro ci andranno lo stesso, ma, poi, vi saranno grati d'averci provato." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 26 giugno 2009) "Il film è divertente per almeno due ore; anche se il soggetto sfugge, l'andamento dell'avventura ha una grandiosità e un fragore ai quali è impossibile rimanere indifferenti." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 26 giugno 2009)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica