Motel Woodstock2009

SCHEDA FILM

Motel Woodstock

Anno: 2009 Durata: 111 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Ang Lee

Specifiche tecniche:-

Tratto da:libro di memorie "Taking Woodstock: A True Story of a Riot, a Concert, and a Life" di Elliot Tiber con Tom Monte

Produzione:FOCUS FEATURES

Distribuzione:BIM - DVD: BIM/01 DISTRIBUTION (2010)

ATTORI

Demetri Martin nel ruolo di Elliot Tiber/Eliyahu Teichberg
Liev Schreiber nel ruolo di Vilma
Eugene Levy nel ruolo di Max Yasgur
Imelda Staunton nel ruolo di Sig.ra Tiber
Kevin Sussman nel ruolo di Stan
Kevin Chamberlin nel ruolo di Jackson Spiers
Gabriel Sunday nel ruolo di Steve
Jonathan Groff nel ruolo di Michael Lang
Henry Goodman nel ruolo di Sig. Tiber
Mamie Gummer nel ruolo di Assistente di Lang
Dan Fogler nel ruolo di Devon
Emile Hirsch
Jeffrey Dean Morgan
Kelli Garner
Paul Dano
Zoe Kazan
 

SCENEGGIATORE

Schamus, James
 

MUSICHE

Elfman, Danny
 

MONTAGGIO

Squyres, Tim
 

SCENOGRAFIA

Gropman, David
 

COSTUMISTA

Aulisi, Joseph G.

TRAMA

Stati Uniti, 1969. Il giovane Elliot Tiber che gestisce insieme ai suoi genitori un motel ai piedi dei monti Catskills trova una brillante idea per riuscire a racimolare un po' di soldi utili a coprire i debiti di famiglia: utilizzare il permesso ottenuto dalla comunità per un evento culturale e ospitare il festival musicale hippy promosso da Michael Lang e soci. Grazie all'aiuto di Elliot, che vedrà così risollevate le risorse economiche di famiglia ben oltre le sue aspettative, Lang e gli altri organizzeranno il più grande evento della storia del Rock: il concerto di Woodstock.

CRITICA

"Tre giorni di pace, amore e musica visti da Ang Lee, un cinese che ha imparato a fare l'americano. Racconta i bei tempi dell'utopia hippie ma ne annuncia anche la fine." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica' 18 maggio 2009) "Il bilancio di 'Taking Woodstock' arriva all' ultimo minuto, dopo che per due ore Ang Lee si è come perso nel mare di folla e di utopie che hanno accompagnato la nascita di quel celebre concerto. È quando Elliott, il giovane che forse senza ben capire la portata delle proprie azioni ha permesso di organizzare tre giorni di pace e di musica sui prati di una tranquilla cittadina di provincia, si pone l'inevitabile domanda: 'E ora?'. (...) Giocando così il film tutto sui contrasti tra le idee conservatrici degli adulti e lo spirito libertario dei giovani, concedendo «diritto di parola» ai precursori del travestitismo (come il marine in gonnella interpretato da Liev Schreiber) o ai paladini delle droghe e raccontando soprattutto la gloria un sogno destinato ben presto a perdersi tra compromessi e sconfitte." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 16 maggio 2009) "L'eclettico regista di origini taiwanesi, due Oscar e innumerevoli premi vinti, torna alla commedia per raccontare la storia di Tiber, l'uomo che nell'agosto 1969 al grido di 'Peace and love' organizzò la leggendaria tre giorni di pace, amore e musica radunando a nord dello stato di New York mezzo milione di persone. (...) Ricostruire Woodstock sullo schermo: una scommessa affascinante ma difficile, già oggetto nel 1970 del lungo documentario di Michael Wadleigh, premiato con l'Oscar. Ang Lee ha scelto un'altra prospettiva: (...) Il film, interpretato dagli attori poco conosciuti Demetri Martin, Dan Fogler e Henry Goodman, secondo il regista è anche 'la storia di una liberazione, una storia di onestà e tolleranza. E sull'ingenuità che non possiamo e non dobbiamo perdere'". (Gloria Satta, 'Il Messaggero', 16 maggio 2009) "Dopo i cowboy amanti di 'Brokeback Mountain' (2005) eccolo alle prese con la cultura hippie nel film che rifà il verso al celebre documentario di Michael Waldeigh 'Woodstock - Tre giorni pace, di amore e musica' ('70), realizzato sul concerto-evento del '69. Split screen e valanghe di deja-vu, effetti speciali acidi con alterazioni visive pop, figli dei fiori nudi, cartelli anti-guerra in Vietnam, libertà (omo)sessuale, poliziotti che fanno il segno della pace, prati e tende, birre e spinelli... Ma meglio Woodstock del West. Ang Lee, che ha tratto un film senza rock dal romanzo autobiografico di Elliot Tiber (interpretato da Demetri Martin), si diverte a seguire lo spilungone ebreo che offre agli organizzatori del concerto, espulsi dalla cittadina di Wallkill, un luogo alternativo. Centro propulsivo, uno scassato motel in località di El Monaco, gestito da due vecchi genitori, padre succube e madre infernalmente avida. Si scatenerà l'improbabile e succederà il prevedibile, migliaia di macchine e di ragazzi affluiranno nella zona, affari d'oro per tutti e caos, i prati si trasformeranno in un piacevole e giocherellone deserto fangoso. E, nonostante, la mediocrità del film, Ang Lee, che lascia il concerto in fuori campo, sa comunicare quell'aria di libertà e di indisciplina alla legge di una stagione felice che mai sarà cancellata. Un'euforia che lo prende e libera anche lui dagli stereotipi del suo cinema." (Mariuccia Ciotta, 'Il Manifesto', 17 maggio 2009) "Trio eccelso: Demetri Martin, Henry Goodman, Imelda Staunton. Il ragazzo accoglie e accampa gli organizzatori, ospita nel fienile teatranti d'avanguardia (nudista), è odiato da concittadini sicuri che la marmaglia stuprerà il loro bestiame, vive un leggendario passaggio all'età adulta con sfondo di happening (e in acido). Come sempre, il taiwanese yankee Ang Lee commuove e diverte facendo il tifo per la controcultura. Mette il tocco pastello di 'Brokeback Mountain' in un affresco che non ha bisogno di immagini d'epoca (né del concerto!) per evocare una galassia umana: gli basta una variopinta marcia verso il palco. Figure simbolo: lo skizzato Emile Hirsch vuole tornare in Vietnam per sentirsi 'normale', il marine/trave Liev Schreiber ha la pistola nella giarrettiera." (Alessio Guzzano, 'City', 09 ottobre 2009) "Il film oscilla tra toni da commedia e lessico da documentario, con abbondanti citazioni dell'originale di Michael Waldeigh, vedi lo schermo che si scompone in due o tre visuali differenti, o il celeberrimo passaggio delle tre giovani suore. E poi il fango, i ragazzi 'in viaggio'. Woodstock c'è tutta, ma vissuta ai margini di quello che accadeva sul palco, e diventa una travolgente iniziazione alla vita, quando questo significava vedere un mondo migliore, a portata di mano." (Gino Castaldo, 'la Repubblica', 09 ottobre 2009) "Da qualunque parte lo si prenda, sociologica o romantica o sessuale, il film di Ang Lee è bello divertente, originale. Racconta il ciclone Woodstock senza mostrarne il concerto, ci fa assistere ai preparativi del raduno rock del '69 che sconvolse la vecchia America, col popolo hippy che prese d'assalto la zona sconvolgendo morale e salvadanaio della famiglia (mamma yiddish) col motel il cui ragazzo intanto diventa grande. E quando si plana sul quotidiano, qualcosa è cambiato. Bel cinema, che rispetta la privacy del mondo." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 09 ottobre 2009)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica