SPY1996

SCHEDA FILM

SPY

Anno: 1996 Durata: 115 Origine: USA Colore: C

Genere:GROTTESCO

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:NEW LINE CINEMA - FORGE - STEVE TISCH

Distribuzione:CECCHI GORI GROUP (1997) - CECCHI GORI HOME VIDEO

TRAMA

Samantha Caine fa l'insegnante nella scuola di una cittadina di provincia, e tutti sanno che soffre d'amnesia. Viene aiutata da Mick, detective privato in difficoltà, a ricercare il proprio passato. I due vengono a trovarsi nel bel mezzo di una cospirazione ordita da settori deviati del servizo segreto americano e da un famigerato trafficante d'armi. Così viene a galla che Samantha non è stata sempre la mamma semplice e tranquilla che si è sempre creduto. In passato si chiamava Charly Baltimore ed era un'agente segreto di alto livello coinvolta in affari poco puliti del governo. I ricordi lentamente riaffiorano, e Samantha deve ora convivere con Charly. Mick la aiuta a rimettere insieme i fatti vissuti anni prima, ma intanto il suo recupero di memoria viene segnalato, e la ragazza è fatta bersaglio di attentati, mentre il malvagio Timothy sta preparando un micidiale attentato di terrorismo urbano. Timothy rapisce la figlioletta di Charly, pensando così di poter ricattare la madre. Solo dopo molti pericoli e gravissimi rischi, Charly e Mick riescono a sventare la minaccia e a riportare la tranquillità.

CRITICA

"Contorto, frenetico e violento poliziesco, cosparso di neve, parolacce, umorismo nero e esplosioni infernali, dove il fragore della musica rock si accompagna a vistosi vuoti della sceneggiatura, eppure ha una sua innegabile tensione. La seducente giraffona Geena Davis, diretta dal marito (di allora), il finlandese Renny Herlin, prende più botte di Stallone e ne restituisce il triplo". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 30 gennaio 2003) "Un groviglio di fatti, ma personaggi appena sbozzati, logiche elementari, intrighi nell'ombra che sanno di risaputo e di imitato male, con iperboli in certe azioni ed eventi spinti così violentemente al diapason che, a un certo momento, vien fatto di ritenere quello pseudo-thriller una beffa in cifre di commedia nera; anche qui, però, come per il paragone con 'Nikita', disilludendosi perché presto tutto finisce per pretendere invece di essere preso molto sul serio, perfino quella donna al centro che ci si propone come un duro in confronto del quale la pur decisa Nikita era una gentile mammoletta. Qualcuno seguirà? Non oso mai smentirlo del tutto e comunque non è compito del critico. Per la cronaca, però, possono indicarsi dei momenti in cui ci si pongono degli interrogativi sul prima e il dopo della protagonista sfiorando un'ansia incuriosita, e altri momenti in cui, una volta che l'organizzazione ha scoperto in vita l'ex agente e decide di eliminarla, sorgono certe tensioni e la solita paura tende a farsi avanti. Ma bisogna essere di bocca buona, con un desiderio vivo di voler stare al gioco. In caso contrario si sbadiglia. La spy è Geena Davis incontrata certamente in occasioni migliori." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 13 dicembre 1997) "Ha tutte le carte in regola per diventare un cult. Negli Usa ha fatto flop. Il titolo italiano è ridicolo. La storia mescola azione e commedia, rimembranze hitchcockiane e il genere Stallone-Schwarzenegger, ridicole situazioni-limite e spunti mélo. Humour involontario e gaffes di sceneggiatura come se piovesse. (...) Regia convulsa, circostanze paradossali, autoironia accattivante, imbarazzanti eccessi di ludica spettacolarità." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 16 dicembre 1997) "Sceneggiato da Shane Black ('Arma letale'), 'Spy' (un bel modo per italianizzare il titolo originale 'The long kiss goodnight') comincia configurando un caso di schizofrenia: mentre prende coscienza della sua abilità di assassina professionista, la dolce e bruna insegnante si trasforma in un alter ego bionda e androgina, spietata e implacabile. Ma presto lo psico-thriller infila la strada del film d'azione mirabolante com'è nel gusto del regista Renny Harlin ('Cliffhanger'): con scene di torture, inseguimenti, esplosioni, salti nel vuoto, realizzati in un fuoco d'artificio di effetti speciali. Iperbolico alla James Bond, il risultato sarebbe anche divertente, però contrasta con certe maldestre ambizioni realistico-drammatiche del film. Ben coadiuvata dal bravo Jackson, a convincere è soprattutto Geena Davis che rifacendosi un po' alla sua interpretazione in 'Thelma & Louise' e un po' alla 'Nikita' di Anne Parillaud, incarna con grinta, spirito e plausibilità la maschia eroina." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 7 dicembre 1997)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  6.899.794
    Frozen 2 - Il segreto di Arendelle

    La Regina Elsa e la principessa Anna si spingeranno ancora oltre i confini del loro regno per scoprire qualcosa tenuto a lungo nascosto....

  2. 2. Un giorno di pioggia a New York  1.240.439
  3. 3. Cetto c'è, senzadubbiamente  1.115.564
  4. 4. L'ufficiale e la spia  721.370
  5. 5. Midway  576.769
  6. 7. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  224.251
  7. 8. Parasite  141.341
  8. 9. Il Peccato  136.808
  9. 10. Countdown  132.262

Tutta la classifica