Ritorno a casa Gori1996

SCHEDA FILM

Ritorno a casa Gori

Anno: 1996 Durata: 97 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Alessandro Benvenuti

Specifiche tecniche:PANORAMICA

Tratto da:-

Produzione:VITTORIO E RITA CECCHI GORI PER CECCHI GORI GROUP, TIGER CINEMATOGRAFICA

Distribuzione:CECCHI GORI DISTRIBUZIONE - CECCHI GORI HOME VIDEO

ATTORI

Alessandro Benvenuti nel ruolo di Luciano
Sabrina Ferilli nel ruolo di Sandra
Athina Cenci nel ruolo di Bruna
Alessandro Haber nel ruolo di Libero
Carlo Monni nel ruolo di Gino Gori
Novello Novelli nel ruolo di Nonno Annibale
Massimo Ceccherini nel ruolo di Danilo
Barbara Enrichi nel ruolo di Cinzia
Gianna Giachetti nel ruolo di Fosca
Vito nel ruolo di Faustino
Gerardo Amato nel ruolo di Flavio
Nicoletta Boris nel ruolo di Milena
Andrea Buscemi nel ruolo di Uomo della Misericordia
Sandro Ghiani nel ruolo di Uomo della Misericordia
Daniele Ferretti nel ruolo di Uomo della Misericordia
Guerrino Crivello nel ruolo di Marcellino
Lily Tirinnanzi nel ruolo di Palmira
Livia Venturini nel ruolo di Ida
Stefano Abbati nel ruolo di Maresciallo De Rosa
Umberto Balli nel ruolo di Pier Silvio
Monica Bauco nel ruolo di Angela
Lina Bernardi nel ruolo di Leda
Alessandro Paci nel ruolo di Tikketturaid
Andrea Muzzi nel ruolo di Fioraio
 
 

MONTAGGIO

Simoncelli, Carla
 

SCENOGRAFIA

Liverani, Eugenio
 

COSTUMISTA

Liverani, Eugenio

TRAMA

La famiglia Gori si riunisce per una triste circostanza, la morte di Adele Papini, coniugata Gori. Il fatto ha colto quasi tutti di sorpresa, e così si verificano ritorni affrettati, senza preparazione. Dall'Africa tornano la nipote Sandra con il marito Luciano, mentre la sorella Bruna vede apparire una vecchia passione amorosa e deve contenere i propri slanci e la nostalgia per il passato. Il figlio un po' debosciato Danilo torna da una rapina e ha i suoi problemi a far finta di niente con i familiari, finché a rendere omaggio alla salma non si presenta un ufficiale dei carabinieri e la situazione si fa delicata. Intanto il vedovo Gino minaccia più volte di suicidarsi e si riprende solo per continuare l'antica rivalità con il vecchio nonno Annibale. Intorno c'è un viavai continuo di amici e conoscenti che entrano ed escono più volte per spettegolare attorno alla cara estinta. Sandra e Luciano, che erano in crisi coniugale, ritrovano la convinzione per ridare un senso al loro matrimonio, anche Danilo, di solito scorbutico e insicuro, si lascia andare al conforto della moglie trascurata; Faustino, figlio ritardato di un'amica di famiglia, porta scompiglio con la sua folle innocenza tra i vari presenti. Dall'alto la defunta sembra sorvegliare tutti, sorridendo dei piccoli-grandi guai che ciascuno si porta dentro. E sulle note del Bel Danubio blu, i contrasti si stemperano e prevale il rispetto per il mistero della morte.

CRITICA

"Benvenuti riesce a far diventare cinema - cioè movimento - una piéce teatrale quasi tutta collocata all'interno dell'appartamento dei Gori (stridore fiabesco provocano, in un contesto acidulo, le acquose apparizioni della defunta)." (L'Eco di Bergamo, Franco Colombo, 7/12/96) "Diamo a Cesare quel che è di Cesare: tolto Moretti, che è un caso a parte. Alessandro Benvenuti è oggi il miglior regista-attore su piazza in Italia. E lo è per diverse ragioni. La prima è la lingua, un toscano schietto e saporoso che è musica per orecchie ferite dal doppiaggio e dal neo-birignao in cui talvolta cadono anche i migliori. La seconda è la scrittura: teatrante oltre che cineasta, Benvenuti calibra ogni battuta, ogni scena, ogni psicologia, e le traduce in cinema, ovvero in spazi, tempi, volti, e "soggettive". La terza ragione è l'umiltà, parola che scrostata dalla retorica indica la capacità artigianale di affrontare i problemi uno per uno, su tutti i fronti. Con risultati discontinui, ma non è questo che conta. Conta la tensione, la generosità: e difatti Benvenuti è l'unico a saper orchestrare a dovere una vera e propria folla di personaggi." (Il Messaggero, Fabio Ferzetti, 4/11/96)

Trova Cinema

Box office
dal 2 al 5 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica