Non ti muovere2004

SCHEDA FILM

Non ti muovere

Anno: 2004 Durata: 120 Origine: SPAGNA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Sergio Castellitto

Specifiche tecniche:-

Tratto da:Romanzo omonimo di Margaret Mazzantini - Premio Strega 2002 - Edizione Mondadori

Produzione:RICCARDO TOZZI, GIOVANNI STABILINI, MARCO CHIMENZ PER CATTLEYA, MEDUSA FILM, FRANCISCO RAMOS PER ALQUIMIA

Distribuzione:MEDUSA

ATTORI

Sergio Castellitto nel ruolo di Timoteo
Penélope Cruz nel ruolo di Italia
Claudia Gerini nel ruolo di Elsa
Angela Finocchiaro nel ruolo di Ada
Marco Giallini nel ruolo di Manlio
Pietro De Silva nel ruolo di Alfredo
Vittoria Piancastelli nel ruolo di Raffaella
Elena Perino nel ruolo di Angela
Renato Marchetti nel ruolo di Pino Il Barista
Lina Bernardi nel ruolo di Nora, Madre Di Elsa
Gianni Musy Glori nel ruolo di Duilio, Padre Di Elsa
 
 

MUSICHE

Godoy, Lucio
 

MONTAGGIO

Marone, Patrizio
 

SCENOGRAFIA

Frigeri, Francesco
 

COSTUMISTA

Rizza, Isabella
 

EFFETTI

Infurna, Giulia

TRAMA

Per uno stop non rispettato da un automobilista una ragazza di quindici anni sbalzata dal motorino viene portata in ambulanza all'ospedale. Il medico di guardia capisce che è la figlia di un loro chirurgo, Timoteo. Mentre un collega la opera, il padre ripercorre la sua vita e getta la maschera di uomo perfetto e sicuro di sè. Nella speranza di avere risposta dalla figlia in coma, le racconta la storia di un suo appassionato amore extraconiugale, di tanti anni prima, per una donna derelitta e del tutto lontana dal loro ambiente, Italia.

CRITICA

"C'è un nucleo incandescente in 'Non ti muovere', che Sergio Castellitto ha tratto dal romanzo premio Strega di sua moglie Margaret Mazzantini. Incandescente e sfacciatamente simbolico, ma non adeguatamente sviluppato sullo schermo. La reietta infatti si chiama Italia. E l'amore disperato, inspiegabile che finirà per legare il chirurgo alla devota Italia, è così forte da relegare sullo sfondo tutto il resto, la moglie, la figlia in coma, il Timoteo arrivato che non riesce mai a interessarci. Mentre il film fa la spola fra i due mondi e insiste proprio su questo, sulla duplicità del protagonista, sul suo non saper (non poter) scegliere. Che avrà conseguenze tragiche quando sia la preborghese e premoderna Italia che la moglie fredda e rampante (Claudia Gerini) si scopriranno incinte. In breve, e senza raccontar oltre: fino a che punto possiamo mentire a noi stessi? Quanto tempo si può vivere in letargo? Domande poste con insistita sgradevolezza. Col risultato di mandare cattolicamente assolto questo personaggio capace di riconoscere il cuore pulsante della vita, ma non di rispettarlo e proteggerlo. Per odioso che sia, è facile capire Timoteo, le sue rabbie, le sue viltà. Più arduo accettare che il fantasma di Italia benedica il ritorno all'ordine finale. A meno di prendere la metafora alla lettera. Allora però nella bara non finisce solo una poveraccia, ma una parte essenziale di noi. Ed è questo, dopo tanto furore, a lasciare turbati e irritati." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 13 marzo 2004) "Era una sfida coi fiocchi portare sullo schermo 'Non ti muovere', restituirne in pieno la ricchezza di pieghe e di sfumature. Quali imperscrutabili strade possa scegliere l'amore per esprimersi, quali terribili prove e scolte la vita possa riservare. Contro Sergio Castellitto aveva un solo tentativo di regia ('Libero Burro') generoso ma claudicante. A favore: un'autorevolezza come interprete che fa ormai di lui l'erede di Mastroianni. Chissà se a favore o contro, il fatto che il romanzo lo ha scritto sua moglie: complice sicuramente, ma anche guardiana ravvicinata. Il libro è molto famoso e sarà fatale la sorveglianza di chi l'ha letto, apprezzato, amato, su quanto si ritrovi il giusto clima del primo incontro tra Timoteo e Italia, sotto una cappa di caldo soffocante, in una specie di squallida bidonville ai margini della città. (...) Sì, c'è riuscito in pieno Castellitto e auguriamo a questo suo film intenso e ispirato - fino nella scelta delle canzoni: da Cutugno a Vasco, da Leonard Cohen a Lennie Tristano - la meritata fortuna." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 14 marzo 2004)

Trova Cinema

Box office
dal 10 al 13 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica