L'enfer2005

SCHEDA FILM

L'enfer

Anno: 2005 Durata: 98 Origine: BELGIO Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Danis Tanovic

Specifiche tecniche:-

Tratto da:dalla trilogia "Il Paradiso, l'Inferno, il Purgatorio" di Krzysztof Kieslowski e Krzysztof Piesiewicz

Produzione:A.S.A.P. FILMS, SINTRA, MAN'S FILMS PRODUCTION, BITTERS END, FRANCE 2 CINEMA, D.D. PRODUCTION, RTL - TVI, RAI CINEMA, CON IL SOSTEGNO DI EURIMAGES

Distribuzione:01 DISTRIBUTION (2006)

ATTORI

Emmanuelle Béart nel ruolo di Sophie
Karin Viard nel ruolo di Céline
Marie Gillain nel ruolo di Anne
Carole Bouquet nel ruolo di La madre
Guillaume Canet nel ruolo di Sébastien
Jacques Gamblin nel ruolo di Pierre
Jacques Perrin nel ruolo di Frédéric
Miki Manojlovic nel ruolo di Il padre
Jean Rochefort nel ruolo di Luis
Maryam D'Abo nel ruolo di Julie
Gaëlle Bona nel ruolo di Josephine
Georges Siatidis nel ruolo di Controllore del treno
Serge-Henri Valcke nel ruolo di Il libraio
Tiffany Tougard nel ruolo di Céline da bambina
Marie Loboda nel ruolo di Sophie da bambina
Emma Cuzon nel ruolo di Anne da bambina
Julian Ciais nel ruolo di Sébastien da bambino
Dominique Reymond nel ruolo di Michelle
Louis-Marie Audubert nel ruolo di Addetto alla réception hotel
Marion Aydalot Lunsky nel ruolo di Donna nel letto dell'hotel Marion Aydalot
Jean-Louis Barcelona nel ruolo di Venditore di giornali
Brigitte Belle nel ruolo di Donna di servizio dell'hotel
Yvon Bernard nel ruolo di Sposo
Françoise Bertin nel ruolo di La vicina
Jean-Marc Bihour nel ruolo di Proprietario del Bar Céline
Thomas Broustet nel ruolo di Primogenito di Frédéric
Arnaud Churin nel ruolo di Uomo di servizio dell'hotel
Olivier Claverie nel ruolo di Professore
Elisabeth Colony nel ruolo di Indossatrice
Emmanuelle Cosso nel ruolo di Segretaria del ginecologo
Tatiana Gontcharova nel ruolo di Donna della cabina telefonica
Luc Favrou nel ruolo di Sacerdote
Esther Gorintin nel ruolo di Donna anziana
Florent Guillaume nel ruolo di Infermiere
Elodie Hesme nel ruolo di Venditrice
Benoît Lahoz nel ruolo di Infermiere
Jerome Le Paulmier nel ruolo di Proprietario del bar della scuola
Eric Naggar nel ruolo di Professore
Cathy Neimark nel ruolo di Sposa
Paula Onclin nel ruolo di Viaggiatrice in treno
Patrick Paroux nel ruolo di Tassista
Charlotte Poutrel nel ruolo di Indossatrice
Isidore Renting nel ruolo di Secondogenito di Frédéric
Jean-Claude Roger nel ruolo di Uomo con giornale al bar Anne
Clara Tissandier nel ruolo di Claire
Véronique Barrault nel ruolo di Professore
Neil Ounais nel ruolo di Philippe
Amandine Decroix
Camille Roche
Candide Sanchez
Cyril Ryckermen
Elodie Rousseau
Francesca Stirbu
Joel Templeur
Margaux Roche
Pauline Reinert
 
 

SCENOGRAFIA

Bonetto, Aline
 

TRAMA

Sophie, Céline e Anne sono tre sorelle che portano sulle spalle il peso di una tragedia familiare che ha segnato la loro infanzia e che non sono riuscite a dimenticare. Negli anni Ottanta il loro padre, un insegnante finito in prigione, quando torna in libertà viene rifiutato decisamente dalla loro madre che gli impedisce di vedere le tre giovani figlie che ha chiuso nella loro stanza. Poi, dopo uno scontro violento con la moglie che cade in terra esanime, si getta dalla finestra. Ormai adulte, le tre sorelle si sono allontanate tra di loro e hanno costruito ognuna una propria vita. Sophie ha sposato Pierre, un fotografo, con cui ha avuto due figli, ma la loro unione vacilla. Céline, rimasta nubile, è l'unica ad occuparsi della madre che è ricoverata in una casa di riposo. Anne, la più giovane, ha una passionale storia d'amore con Frédéric, un suo professore universitario sposato. Sarà l'arrivo di Sébastien nella vita di Céline a sconvolgere le loro esistenze, a dare loro l'occasione di ritrovarsi, confrontarsi tra loro e con il passato, rivelando loro una lontana verità...

CRITICA

"Nella storia si ritrovano molti dei temi cari al cinema di Kieslowski: l'inevitabilità del destino, il dovere della responsabilità, la contraddittorietà dei sentimenti, lo svelamento di una verità sconosciuta ed imprevedibile. E ancora l'idea che l'inferno faccia parte della vita di tutti i giorni, senza bisogno di essere necessariamente immersi in una tragedia come quella dei Balcani. Forse proprio questa constatazione è stata la molla che ha spinto Tanovic a realizzare il film." (Franco Montini, 'cinematografo, it', 9 giugno 2006) "Dopo il successo di 'No man's land', Danis Tanovic cambia registro, scende dalla guerra e va in pace a Parigi dove trova il suo inferno sentimentale osservando i bilanci affettivi di tre sorelle col padre suicida e mamma Bouquet. Ci sono corsi e ricorsi anche nel cuore, ricatti e rimorsi di famiglia, inquieti destini. Il copione del compianto Kieslowski e di Piesiewicz lascia presagire poca felicità per tutti, ma il film traduce l' 11° comandamento con una certa banalità (l'inferno sartriano...) e troppo melò. Restano le bravi attrici che rinunciano perfino alla beltà: Emmanuelle Béart, trucco o no, rifulge di luce propria." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 9 giugno 2006) "Chi si aspetta il pendant ultradrammatico di 'Volvér', la formidabile tragicommedia di Almodòvar tutta declinata al femminile, rimarrà deluso: 'L'enfer', opera seconda di Danis Tanovic basata su una sceneggiatura di Kieslowski, non convince. Poco pathos, nessun mistero, personaggi senza sfumature, metafore ridondanti penalizzano il film che si trascina in un clima volutamente da tragedia greca (con rimandi "telefonati" a Medea) e finisce per annegare nella pesantezza e nella retorica. Emmanuelle Béart con le labbra sempre più gonfie, risultato evidente di interventi estetici devastanti, si conferma una delle attrici più sopravvalutate degli ultimi anni: qualcuno le spieghi che viso senza trucco & capelli scarmigliati non sono sinonimo automatico di grande interpretazione. Karin Viard, la sorella sola, non abbandona mai l'espressione stralunata, nemmeno quando scambia per grande amore l'omosessuale che le rivela di aver inguaiato il padre. Mentre Marie Gillain impazzisce di passione per il professore charmant Jacques Perrin che però non molla la famiglia ma morirà tragicamente lasciandola incinta. E Carole Bouquet, truccata da ottantenne, muta e paralizzata, con le sue occhiate di fuoco risulta tutto sommato la più convincente del gruppo al quale si aggiunge un cameo del grande Jean Rochefort, nella parte di un ospite della casa di riposo. Passato dall'inferno della guerra nei Balcani all'inferno privato di una famiglia borghese, sostenuto da una mega-coproduzione italo-francese-belga-giapponese e fornito di un cast stellare, il regista-Oscar di 'No man's land' questa volta sbaglia film e va a ingrossare l'elenco delle opere seconde non riuscite. Un vero peccato, dato il talento innegabile, molto originale del trentasettenne cineasta di origine bosniaca. 'L'enfer' appartiene alla trilogia 'Inferno, Paradiso, Purgatorio' scritta da Kieslowski con il fido sceneggiatore Piesiewicz prima di morire e destinata a tre giovani registi europei. Il deludente film di Tanovic arriva dopo il flop del 'Paradiso', portato sullo schermo dal tedesco Tykwer. Con questi precedenti, c'è da augurarsi che nessuno sia così temerario da imbarcarsi nel 'Purgatorio'." (Gloria Satta, 'Il Messaggero', 9 giugno 2006) "Da una sceneggiatura del compianto Kieslowski, l'emergente regista bosniaco Danis Tanovic ha tratto un film algido e tormentoso, elegante e ridondante, probabilmente estraneo alle sue corde. 'L'enfer', infatti, non ha nulla a che vedere con i toni cronachistici, caustici e beffardi di 'No Man's Land' e s'immerge in un purgatorio di sentimenti tutto al femminile senza beneficiare di una particolare ispirazione né di un vero slancio stilistico. (...) È chiaro che i classici leit-motiv kieslowskiani (esaltati dal celebre 'Decalogo') si ritrovino diligentemente sciorinati, dall'inevitabilità funesta del destino alla natura che è sempre matrigna, dall'enigma delle coincidenze che cambiano la vita alle tare psicologiche dovute ai traumi familiari e all'ipotetica circolarità del peccato e della colpa. La grandezza di Kieslowski sta, però, nel saper modificare il corso anche banale di una trama con uno svelamento metafisico capace di ribaltare il senso delle cose. Il discepolo (improvvisato) Tanovic, al contrario, non sembra interessato a scandagliare le risonanze profonde di rimorsi, ricatti e agnizioni e finisce con l'accompagnare come un notaio fatti e interpreti limitandosi a garantire la correttezza delle inquadrature e a manipolare i tagli temporali del montaggio. Così 'L'enfer' non decolla mai, neppure quando fra le donne s'insinua l'uomo che fornirà la chiave per comprendere meglio il passato e, soprattutto, le costringerà a fare finalmente i conti con il suicidio del padre. Certo le attrici sono tutte tecnicamente smaliziate, ma la regia non riesce a restituire in termini di pathos ciò che toglie in avvenenza: un'opzione penitenziale che rasenta il ridicolo nel caso di Emmanuelle Béart, la pasionaria del cinema francese già punita a sufficienza da un lifting devastante." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 10 giugno 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 23 al 26 gennaio

Incasso in euro

  1. 1. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  5.438.128
    Me contro te il film - La Vendetta del Signor S

    ...

  2. 2. Tolo Tolo  2.164.815
  3. 3. Hammamet  1.514.093
  4. 4. Piccole Donne  1.403.099
  5. 5. Richard Jewell  1.169.569
  6. 6. Jojo Rabbit  827.158
  7. 7. 18 Regali  456.191
  8. 8. Jumanji: The Next Level  425.718
  9. 9. La Dea Fortuna  261.830
  10. 10. City of Crime  216.138

Tutta la classifica