SCHEDA FILM

L'amore di una grande regina

Anno: 1954 Durata: 109 Origine: AUSTRIA Colore: C

Genere:BIOGRAFICO

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM, CINEMASCOPE, AGFACOLOR

Tratto da:-

Produzione:ERMA FILM, SIE VERLING

Distribuzione:MANENTI FILM - GENERAL VIDEO (DIAMANTI)

TRAMA

La giovane principessa Vittoria, alla quale spetta la successione al trono, viene a conoscenza degli intrighi della corte, che però non hanno il potere di distrarla dai suoi studi, né di allontanarla dai suoi svaghi giovanili. Improvvisamente, in seguito alla morte del Re, suo zio, diviene Regina del più potente Stato del mondo e subito afferma, con i suoi primi atti, la sua forte personalità, prendendo posizione contro gli intrighi ed impartendo direttive al governo. Mentre i suoi consiglieri si preoccupano di trovarle un marito tra i principi di sangue reale, la Regina sparisce improvvisamente con la sua governante. Sottraendosi alla pesante etichetta della corte, la giovanissima sovrana va in cerca di un po' di libertà, di qualche semplice svago. Durante un temporale la Regina si rifugia in un piccolo albergo, dove fa la conoscenza di un giovane, che dice d'essere uno studente, e con lui balla al suono d'una orchestra diretta dal maestro Strauss, lì di passaggio. La sovrana ritorna poi al palazzo reale, dove si fanno i preparativi per un gran ballo, al quale partecipano i principi, che aspirano alla sua mano. Ultimo tra questi compare il presunto studente, il quale altri non è che il Principe Alberto di Sassonia. L'idillio, di cui è stato testimone il piccolo albergo remoto, ha dato origine all'amore, all'unico amore della Grande Regina per il suo sposo.

CRITICA

"E' una commediola, che si propone soltanto di offrire un semplice e facile svago e riesce nell'intento. Discreta la regia, buone la recitazione e la fotografia; ambientazione e costumi appropriati." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 39, 1956) "La sedicenne e bellissima Romy Shneider ha addirittura tre anni meno del suo giovanissimo personaggio, ma ha già un carattere che promette scintille. Diretta dal fido Ernst Marischka, si allena a portare la corona in attesa della caramellosa e infinita Sissi-story, sempre sotto la stretta sorveglianza di mamma Magda. Non si sa mai con certi principi che ci sono in giro". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 30 agosto 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 2 al 5 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica