La prima cosa bella2009

SCHEDA FILM

La prima cosa bella

Anno: 2009 Durata: 116 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Paolo Virzì

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:FABRIZIO DONVITO, MARCO COHEN, BENEDETTO HABIB, PAOLO VIRZÌ, CARLO VIRZÌ PER INDIANA PRODUCTION COMPANY, MEDUSA FILM, MOTORINO AMARANTO

Distribuzione:MEDUSA

ATTORI

Valerio Mastandrea nel ruolo di Bruno Michelucci (2009)
Micaela Ramazzotti nel ruolo di Anna Nigiotti in Michelucci (1970-1980)
Stefania Sandrelli nel ruolo di Anna Nigiotti in Michelucci (2009)
Claudia Pandolfi nel ruolo di Valeria Michelucci (2009)
Marco Messeri nel ruolo di Il Nesi
Aurora Frasca nel ruolo di Valeria Michelucci (1970)
Giacomo Bibbiani nel ruolo di Bruno Michelucci (1970)
Giulia Burgalassi nel ruolo di Valeria Michelucci (1980)
Francesco Rapalino nel ruolo di Bruno Michelucci (1980)
Isabella Cecchi nel ruolo di Zia Leda Nigiotti
Sergio Albelli nel ruolo di Mario Michelucci
Fabrizia Sacchi nel ruolo di Sandra
Dario Ballantini nel ruolo di Avvocato Cenerini (1970-1980)
Paolo Ruffini nel ruolo di Cristiano Cenerini
Alessia Innocenti
Emanuele Barresi nel ruolo di Il Lenzi
Fabrizio Brandi nel ruolo di Giancarlo (2009)
Michele Crestacci nel ruolo di Luciano Vallesi
Roberto Rondelli nel ruolo di Armando Mansani Bobo Rondelli
Isabelle Adriani nel ruolo di Giuliana Cenerini 1971-1981
Paolo Giommarelli nel ruolo di Conte Augusto Paoletti
Giorgio Algranti nel ruolo di Vicesindaco
 

MUSICHE

Virzì, Carlo
 

MONTAGGIO

Manetti, Simone
 

SCENOGRAFIA

Zera, Tonino
 

COSTUMISTA

Pescucci, Gabriella

TRAMA

Livorno, anni '70. Anna Nigiotti è una giovane e bellissima mamma ignara delle attenzioni maliziose che le rivolgono gli uomini e che suscitano, invece,i sospetti rabbiosi di suo marito Mario e la vergogna del primogenito Bruno. Anni dopo, Anna è gravemente ammalata ed è giunta al capolinea della sua vivace seppur travagliata esistenza, ma la sua irresistibile e contagiosa vitalità le consente di vivere serenamente questo momento così difficile. Bruno, invece, ha ormai tagliato i ponti con la sua città, la famiglia e il passato tanto che accetta malvolentieri il richiamo di sua sorella Valeria per andare a dare l'ultimo saluto alla madre. Riluttante e senza entusiasmo, Bruno arriva a Livorno, ma l'incontro, dopo tanti anni, con quella mamma esplosiva, ancora bella e vivacissima, che a dispetto delle prognosi mediche sembra non aver nessuna intenzione di morire, costringe Bruno a rievocare le vicissitudini familiari che aveva voluto a tutti i costi dimenticare. Il ricordo delle peripezie vissute insieme alla mamma allegra e incosciente, unito a una serie di matrimoni e separazioni a sorpresa e a una scoperta scioccante, condurranno tutti i protagonisti a una inaspettata quanto necessaria riconciliazione.

CRITICA

"Si ride e si piange, spesso contemporaneamente. Il copione (di Virzì, Francesco Bruni e Francesco Piccolo) è benissimo calibrato e gli attori sono tutti super." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 15 gennaio 2010) "Perdutamente innamorato della moglie Micaela Ramazzotti e della propria città Livorno, il regista toscano mette a punto la sua opera più intima e insieme universale, La 'prima cosa bella' è la mamma, quella splendida ed esuberante che ha condizionato le vite dei due fratelli protagonisti. La briosa Valeria (Claudia Pandolfi) e l'infelicissimo Bruno (Valerio Mastandrea). Dal 1971 a oggi, passioni, turbamenti, gioie e dolori di una famiglia livornese, fino all'inevitabile e commovente riconciliazione." (Diego Carmignani, 'Terra', 15 gennaio 2009) "Il papà Stato non c'è, con la sua politica che delude gli individui, ma in compenso c'è tanta madre famiglia, pure con i suoi risvolti violenti, nel nuovo film di Paolo Virzì, 'La prima cosa bella' (...) quando si affonda il piede nel terreno familiare, cercando di tirarsi fuori da odio e melassa, cose non dette e segreti rimossi, madri devastanti e padri incolori, è bello scoprire quanto pesino, nel bene e nel male, gli affetti più profondi. Se poi c'è dimezzo un cast formidabile, con una Micaela Ramazzotti che sbalza, allegra e precisa, la figuretta carnale di Anna Nigiotti in Michelucci una mamma (...) nella Livorno degli anni Settanta, misurandosi con la navigata Stefania Sandrelli, che fa Anna nella terza età, mentre Claudia Pandolfi e Valerio Mastandrea impersonano i problematici figli di lei, in un corifeo di colleghi ugualmente bravi (da Marco Messeri a Dario Ballantini, lontano dal suo «Valentino» tv), il dado è tratto: si fa vero cinema. Tanto più gradito quanto più a ruota dei commerciali film natalizi. (...) E cade molto, questa mamma sui generis, picchiata e strattonata dal marito carabiniere (il padre del regista lo fu), perché altri maschi la guardano, o le pizzicano il sedere, mentre lei, desiderata suo malgrado, «è di molto bona». (...) Ma che c'è di struggente in questa ballata, che ha nel titolola celebre canzone di Nicola Di Bari, successo sanremese 1970. Praticamente tutto: gli interni di certe case livornesi povere, ma calde di memoria; lo zucchero filato, che Anna-Sandrelli, malata terminale, mangia di rapina, insieme al figlio, tossico occasionale, durante una fiera cittadina; la musica d'epoca, un matrimonio in articulo mortis, un figlio illegittimo, che spunta dal nulla e ama subito quella madre svitata, quei fratelli spaesati." (Cinzia Romani, 'Il Giornale', 13 gennaio 2010) "Virzì è per Livorno quel che Marcel Pagnol è stato e Rohert Guédiguian è tuttora per Marsiglia. Descrive cioè la sua città anche in ciò che non gli piace. A priori è ostile - s'è già visto con 'Ovosodo' - solo ai ricchi e qui anche a un nobile, «fascistone», nel quale s'intravvede Marzio Ciano. Mastandrea e la Pandolfi somigliano ai bambini e ai ragazzi che li precedono nel ruolo, ma la Sandrelli ha un volto completamente diverso da quello della Ramazzotti. Se preso dalla storia, come è probabile, il pubblico ci passerà sopra. Paolo Ruffini, nel terzo figlio, quello «venduto», porta la bandiera dei livornesi doc." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 16 gennaio 2010) "'La prima cosa' bella di Paolo Virzì si muove agli antipodi della forma-racconto, ma tocca le stesse radici. Ovvero, ci ricorda il meglio della nostra storia di Italiani e di autori cinematografici, crea personaggi (la madre. Quella di Sandrelli rimane nel suo curriculum come la stella più brillante, quella di Ramazzotti come una delle grandi figure femminili del cine-novecento) indelebili, fa correre la sua macchina da presa in perfetto tempo musicale. E in fondo, anche lui ci regala una forma di 3D, quella che fa delle emozioni dei suoi personaggi qualcosa che 'si collega' alle nostre, oltre la bidimensionalità nelle profondità dei nostri vissuti più segreti. Difetto: una parte centrale più stanca e scontata, condotta da una scrittura seduta e professionale. Ma il miracolo del contatto tra autore e pubblico ne esce indenne." (Roberta Ronconi, 'Liberazione', 15 gennaio 2010)

Trova Cinema

Box office
dal 11 al 14 luglio

Incasso in euro

  1. 1. Arrivederci professore  515.484
    Arrivederci professore

    Quando Richard, professore universitario di mezz'età, scopre di avere un cancro allo stadio terminale, decide di rivoluzionare la sua vita e godersi a pieno il tempo che gli rimane. La sua complicata relazione sentimentale ...

  2. 2. Pets 2 - Vita Da Animali  478.576
  3. 3. Aladdin  370.377
  4. 4. La Bambola Assassina  302.746
  5. 5. X-Men: Dark Phoenix  283.069
  6. 6. Il traditore  145.432
  7. 7. I morti non muoiono  137.394
  8. 8. Rapina a Stoccolma  95.631
  9. 9. Godzilla 2  91.006
  10. 10. Il grande salto  54.683

Tutta la classifica