Kippur2000

SCHEDA FILM

Kippur

Anno: 2000 Durata: 120 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:GUERRA

Regia:Amos Gita´

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:AMOS GITAI, MICHEL PROPPER PER AGAV HAFAKOT, M.P. PRODUCTIONS, IN ASSOCIAZIONE CON R&C PRODUZIONI

Distribuzione:MEDUSA VIDEO

ATTORI

Liron Levo nel ruolo di Weinraub
Tomer Ruso nel ruolo di Ruso
Uri Klauzner nel ruolo di Medico Uri Ran-Klausner
Yoram Hattab nel ruolo di Pilota
Guy Amir nel ruolo di Gadassi
Juliano Mer nel ruolo di Capitano
Ran Kauchinsky nel ruolo di Shlomo
Kobi Livne nel ruolo di Kobi
Amiran Amiranashvili nel ruolo di Gadassi
Liat Glick nel ruolo di Dina Liat Glick Levo
Pini Mittleman nel ruolo di Dottore in ospedale
Noach Faran nel ruolo di Comandante
Shai Gani nel ruolo di Medico militare
Keren Gitai nel ruolo di Soldato giovane
 

MUSICHE

Garbarek, Jan
 

SCENOGRAFIA

Mirkin, Miguel
 

COSTUMISTA

Dinolesko, Laura

TRAMA

Il 6 ottobre 1973 in Israele Ŕ la festa di Yom Kippur. All'improvviso ad Haifa, mentre le famiglie stanno andando al mare, risuona un rumore sordo che sembra l'urlo di una sirena: Ŕ la guerra. Egitto e Siria hanno attaccato a sorpresa approfittando del giorno di festa. Richiamati dall'esercito, i due amici Weinraub e Ruso, ansiosi di servire e difendere il paese cercano di raggiungere il loro Quartier Generale a bordo di una vecchia Fiat 124. Quando arrivano il loro battaglione Ŕ giÓ partito, passano la notte in una caserma deserta e decidono di entrare nella forza aerea. Vengono destinati ad un gruppo di soccorso aereo incaricato di raccogliere i feriti caduti durante le battaglie. Le missioni si susseguono senza tregua e noi viviamo il conflitto attraverso gli occhi dei due ragazzi che progressivamente perdono l'entusiasmo e si sentono sempre pi¨ soli. Fino a quando il loro aereo viene abbattuto e loro vengono feriti...

CRITICA

Dalle note dei regia: "Non volevo raccontare soltanto i miei ricordi, e il processo mentale per riaffrontarli Ŕ stato lungo. il mio intento era fare un film di guerra senza tralasciare i volti degli uomini, senza lasciarmi imprigionare dal lato spettacolare." "Dopo tanti film ovvi o consolatori, eccone uno che prende di petto proprio il soggetto: 'Kippur'. Non era facile dire qualcosa di nuovo sulla guerra. Fedele al proprio cinema di tempi lunghi e rivelatori, perchÚ nulla resta ci˛ che sembra a condizione di guardarlo abbastanza da vicino. Amos Gitai dilata le zone morte, le attese, il senso di caos". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 20 ottobre 2000) "Aiutato dalle musiche di Garbarek, Amos dilata con forza ogni azione e riprende i volti compressi dalla paura che aspettano l'inizio di una nuova missione riposando piegati su se stessi, impegnandosi in discussioni astratte e lontanissime dal caos per ammazzare il tempo. E' l'opera pi¨ diretta ed accessibile e meno cerebrale del regista israeliano, che racconta la causalitÓ del terrore che unisce civili e soldati addizionandoli nell'angoscia della perdita e diventa palcoscenico universale, senza sipario, del dolore; un soffocante e brutale assedio dell'animo, che travolge ogni equilibrio di razionalitÓ e trascina nell'oblio i suoni della giovinezza mentre pallottole e bombe costruiscono una dimensione onirica color rosso-sangue". (Domenico Barone, 'Vivilcinema', luglio/agosto 2000) "Scarno quasi pi¨ di un documentario, forte e violento come i kolossal di Spielberg e Coppola, segue in modo ripetitivo, ipnotico i due volontari di un'unitÓ che in elicottero salgono e scendono sui campi di battaglia a recuperare feriti. Senza mai mostrare scontri o nemici, ci fa affondare in quel fango, assorbire l'orrore, l'assurditÓ della guerra." (Liana Messina, D, 24 ottobre 2000).

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica