Joyeux No?l - Una verit? dimenticata dalla storia2005

SCHEDA FILM

Joyeux Noël - Una verità dimenticata dalla storia

Anno: 2005 Durata: 113 Origine: BELGIO Colore: C

Genere:COMMEDIA, GUERRA

Regia:Christian Carion

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:NORD-OUEST PRODUCTION, SENATOR FILM PRODUKTION, ARTEMIS FILMS PRODUCTION, THE BUREAU, MEDIA PRO PICTURES

Distribuzione:SONY PICTURES RELEASING ITALIA (2006)

ATTORI

Diane Kruger nel ruolo di Anna
Benno Fürmann nel ruolo di Nikolaus
Guillaume Canet nel ruolo di Audebert
Gary Lewis nel ruolo di Palmer
Dany Boon nel ruolo di Ponchel
Daniel Brühl nel ruolo di Horstmayer
Alex Ferns nel ruolo di Gordon
Steven Robertson nel ruolo di Jonathan
Lucas Belvaux nel ruolo di Gueusselin
Bernard Le Coq nel ruolo di Generale
Ian Richardson nel ruolo di Vescovo
Frank Witter nel ruolo di Jorg
Thomas Schmauser nel ruolo di Principe ereditario
Joachim Bissmeier nel ruolo di Zimmermann
Robin Laing nel ruolo di William
Suzanne Flon nel ruolo di La castellana
Michel Serrault nel ruolo di Il castellano
Christopher Fulford nel ruolo di Maggiore
Friedemann Thiele nel ruolo di Karl
Johannes Richard Voelkel nel ruolo di Gunther
Marc Robert nel ruolo di Guimond
 

SCENEGGIATORE

Carion, Christian
 

MUSICHE

Rombi, Philippe
 
 

SCENOGRAFIA

Simonet, Jean-Michel
 

TRAMA

Ispirato ad un fatto realmente accaduto, il film narra una vera e propria 'favola di Natale'. Sul fronte della I Guerra Mondiale nella notte di Natale del 1914, i soldati accampati dietro le trincee francesi, scozzesi e tedesche, improvvisamente decidono di deporre le armi e di scambiarsi auguri, sigarette, cioccolata e calorose strette di mano. Questo avvenimento sconvolgerà le vite di quattro personaggi : un pastore scozzese, un tenente francese, un tenore tedesco e una soprano danese...

CRITICA

"L'impatto di oggi non è lo stesso che ebbero in passato altri film antimilitaristi sulla prima guerra mondiale come 'Orizzonti di Gloria' e 'La grande guerra', quando era ancora viva la generazione combattente. Quando i numerosissimi episodi di rifiuto erano ancora censurati e stigmatizzati. (...) Questo film bisognerebbe portarlo a chi oggi vive ancora quegli stessi irriducibili odii. Purtroppo Carion non è Kubrick e la sua occasione non la sa sfruttare al massimo." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 20 gennaio 2006) "Campione d'incassi in patria, il candidato francese alla cinquina degli Oscar, 'Joyeux Noël', parte bene ma si spegne subito come un petardo. Per rievocare questa pagina a lungo censurata, Carion usa infatti gli ingredienti più ovvi. Estetica paratelevisiva, trama da soap, personaggi rigidi come figurine. Sul fronte tedesco troviamo un tenore e sua moglie, soprano, riuniti al fronte per le feste. Su quello anglo-francese domina un pastore anglicano che suona la cornamusa (ma questo non basterà a salvare suo fratello). Il messaggio pacifista, allusioni al presente incluse, è nobile e scritto in maiuscole: in tv farà un figurone. Da antologia dell'assurdo il doppiaggio che cancella lingue e differenze facendo parlare tutti italiano." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 21 gennaio 2006) "Qualcosa di nuovo sul fronte occidentale con questo film tragicamente ottimista e ottimisticamente tragico sulla possibilità di fratellanza al fronte: la piccola illusione. (...) Una verità dimenticata dalla storia, dice il sottotitolo, più la santa Messa e l'ugola d'oro di un tenore tedesco e della sua amata. Fango, sudore, polvere da sparo ed anche grandi traumi per un prete anglicano che non sopporta più l'incitazione alla morte e un tenente francese. Il tutto è gestito da Christian Carion, cresciuto in una zona occupata dai tedeschi, nel rispetto di una commozione obbligatoria che non toglie al film la sua verità e la sua nobiltà morale. (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 21 gennaio 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica