JAKOB IL BUGIARDO1999

SCHEDA FILM

JAKOB IL BUGIARDO

Anno: 1999 Durata: 114 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:TRATTO DAL ROMANZO OMONIMO DI JUREK BECKER (EDIZIONI FELTRINELLI)

Produzione:MARSHA GARCES, STEVEN HAFT PER LA BLUE WOLF PRODUCTION/KASSO INC. PRODUCTION

Distribuzione:COLUMBIA TRISTAR FILMS ITALIA (1999)

TRAMA

Durante la seconda guerra mondiale, in un piccolo ghetto ebraico della Polonia occupata, Jakob Heim, proprietario di un caffè chiuso da tempo, ascolta per caso un bollettino radio proibito che annuncia alcuni successi dell'esercito sovietico sui nazisti. Il giorno dopo comunica queste notizie a due amici ormai in preda allo sconforto. Le voci si allargano anche agli altri e ben presto circola la notizia che Jacob possieda un radio, crimine grave punibile anche con la morte. Tuttavia la voglia di speranza prevale sulla paura, e ogni mattina gli abitanti del ghetto chiedono di conoscere le novità. Jakob, incapace di deluderli, fa trapelare finti bollettini di guerra, inventa avvenimenti e situazioni incoraggianti. Anche i tedeschi infine vengono a sapere dell'esistenza di questa radio. Non trovando però niente, il generale fa radunare tutti in piazza e minaccia di uccidere dieci persone, se il possessore della radio non si costituisce. Jakob avanza, sale sul palco, confessa che la radio non è mai esistita. Gli intimano di dire la verità. Lui non lo fa, e viene ucciso.

CRITICA

"Se fino a poco tempo fa la tragicommedia era un genere interdetto quando si trattava della Shoah, in un solo anno ne sono uscite tre di seguito. Dopo Benigni e Mihaileanu arriva 'Jakob il bugiardo' di Peter Kassovitz, interpretato da un Robin Williams in pieno delirio masochistico: oltre a mescolare come al solito lacrima e sorriso, intreccia paura e eroismo, si fa seviziare, parla con la moglie morta, rinuncia al cibo per darlo agli altri e si sacrifica in mille modi. Spiace essere severi, sapendo che il film si riferisce a esperienze semi-autobiografiche sia di Jurek Becker, l'autore del romanzo (Feltrinelli) da cui è tratto, sia del regista: però 'Jakob il bugiardo' è artificioso, manierato, irritante nel doppio finale consolatorio. Diversamente dalla 'Vita è bella' e da 'Train de vie', che sceglievano la poesia surreale o l'assurdo, Kassovitz adotta una certa verosimiglianza storica. Ma, fatto salvo il realismo degli ambienti, tutto è enfatizzato e sottolineato con mano pesante: a partire dai personaggi, caricaturali o messi lì (vedi la bambina fuggita dal treno) per strappare una lacrima in più". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 20 novembre 1999) "Il film, rifacimento di un omonimo tedesco del '75 premiato al Festival di Berlino, basato sul romanzo di Jurek Becker pubblicato da Feltrinelli, a sua volta nato sulle ceneri di una sceneggiatura televisiva mai usata, esce con ritardo per non scontrarsi con altri film più commerciali di Williams. Pur costruito con una somma di buoni professionismi, gli attori sono bravi, la ricostruzione ad hoc, la fotografia sensibile, non scatta alcun meccanismo emotivo, non è più né commedia né dramma. Più che Benigni il film ricorda la 'Lista di Schindler', ma senza vera disperazione, è il 'teatrino' di una tragedia annunciata che racconta la più mostruosa 'disumanità' della Storia, cui si può reagire, con un pizzico di follia, magari imitando per ridere le voci di una radio che diventa così oggetto della Resistenza, arma impropria di combattimento e simbolo di speranza". (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 20 novembre 1999) "Ci prova anche Robin Williams a sfumare in commedia l'Olocausto, con un personaggio un po' fantoccio, didascalico e lacrimevole: nel ghetto ebraico di Varsavia. Jacob illude gli amici disperati che una radio (inesistente) lancia notizie positive. Dal romanzo di Jurek Becker, una visione per lo schermo da cartolina, dove si sente l'artificio di Hollywood pauperista e buonista. Un inciampo del grande attore". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 20 novembre 1999)

Trova Cinema

Box office
dal 3 al 6 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica