In the Soup - Un mare di guai1992

SCHEDA FILM

In the Soup - Un mare di guai

Anno: 1992 Durata: 95 Origine: GERMANIA Colore: B/N

Genere:GROTTESCO

Regia:Alexandre Rockwell

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:JAMES H. STARK E HANK BLUMENTHAL PER ALLIANCE CO. LTD, ALTA FILMS, CACOUS FILMS INC., MIKADO SRL, PANDORA FILM, WHY NOT PRODUCTIONS, ODESSA FILM

Distribuzione:MIKADO FILM

ATTORI

Steve Buscemi nel ruolo di Adolpho Rollo
Seymour Cassel nel ruolo di Joe
Jennifer Beals nel ruolo di Angelica
Pat Moya nel ruolo di Dang
Will Patton nel ruolo di Skippy
Steven Randazzo nel ruolo di Louis Bafardi
Francesco Messina nel ruolo di Frank Bafardi
Jim Jarmusch nel ruolo di Monty
Carol Kane nel ruolo di Barbara
Stanley Tucci nel ruolo di Gregoire
Rockets Redglare nel ruolo di Guy
Elizabeth Bracco nel ruolo di Jackie
Debi Mazar nel ruolo di Suzie
Sully Boyar nel ruolo di Uomo anziano
 

MUSICHE

Mader
 

MONTAGGIO

Congdon, Dana
 

SCENOGRAFIA

Friedberg, Mark
 

COSTUMISTA

Bracco, Elizabeth

TRAMA

Adolpho, un aspirante regista, sogna di realizzare grandi film, ma non ha neppure di che pagare l'affitto. In preda alla disperazione, mette un annuncio sul giornale per vendere la sua monumentale sceneggiatura al miglior offerente. Inaspettatamente si fa vivo Joe, un piccolo gangster che compra la sceneggiatura e si mostra molto interessato ai progetti di Adolpho. Infatti Joe non fa altro che promettere ad Adolpho di finanziargli il film, ma intanto non si lascia sfuggire la ghiotta occasione di rubare una macchina, forzare la serratura di un appartamento, ricettare merce rubata. A poco a poco, Adolpho rimane affascinato dal mondo di Joe. Joe, da parte sua, è intenerito dalla sconfinata ingenuità di Adolpho e lo aiuta a intrecciare una storia con Angelica, la bella vicina di casa.

CRITICA

"Film affastellato e confuso, bizzarro e sconnesso." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 115, 1993) "Nel grande ventaglio del cinema americano c'è uno spicchio in cui continuano a incontrarsi i fedelissimi del bianco e nero. Che rifiutano il technicolor, e quindi il consenso della platea, vuoi perché costretti a realizzare film a basso costo, vuoi perché non vogliono edulcorare la realtà. Si tratta generalmente di autori ribelli a Hollywood, ai quali una New York stilizzata nell'aspro e nell'assurdo offre scenari accattivanti: basti ricordare 'Stranger than Paradise' e 'Daunbailò'. A questa famiglia appartiene la commedia 'In the soup', dove non a caso fa la sua apparizione anche Jim Jarmusch (uno dei padrini del cinema indipendente Usa), presentata in concorso a Venezia dopo che ha vinto il festival di Sundance, dove ha anche ottenuto il premio per il migliore attore." (Giovanni Grazzini, 'L'Indipendente')

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica