Il segreto di Vera Drake2004

SCHEDA FILM

Il segreto di Vera Drake

Anno: 2004 Durata: 125 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Mike Leigh

Specifiche tecniche:35 MM (1:1,85)

Tratto da:-

Produzione:SIMON CHANNING-WILLIAMS PER THIN MAN FILMS, THE INSIDE TRACK, FILM COUNCIL, STUDIOCANAL

Distribuzione:BIM

ATTORI

Imelda Staunton nel ruolo di Vera Drake
Philip Davis nel ruolo di Stan
Jim Broadbent nel ruolo di Giudice
Heather Craney nel ruolo di Joyce
Peter Wight nel ruolo di Ispettore Webster
Adrian Scarborough nel ruolo di Frank
Daniel Mays nel ruolo di Sid
Alex Kelly nel ruolo di Ethel
Sally Hawkins nel ruolo di Susan
Eddie Marsan nel ruolo di Reg
Ruth Sheen nel ruolo di Lily
Helen Coker nel ruolo di Agente Best
Martin Savage nel ruolo di Sergente di Polizia Vickers
Fenella Woolgar nel ruolo di Amica intima di Susan
Sinéad Matthews nel ruolo di Giovane donna
Daniel Hatkoff
Sam Burke
 

SOGGETTO

Leigh, Mike
 

SCENEGGIATORE

Leigh, Mike
 

MUSICHE

Dickson, Andrew
 

MONTAGGIO

Clark, Jim
 

SCENOGRAFIA

Stewart, Eve
 

COSTUMISTA

Durran, Jacqueline

TRAMA

Il film ripercorre l'eclatante caso giudiziario di Vera Drake, donna della piccola borghesia che praticava gratuitamente aborti clandestini nell'Inghilterra degli anni '50.

CRITICA

"La Londra popolare del 1950 come un pianeta remoto di povertà e durezza inimmaginabili, rischiarato però da sentimenti di solidarietà e comprensione umana oggi ancora più lontani. E' lo straordinario 'Vera Drake' di Mike Leigh, con Imelda Staunton nel ruolo della donnetta che pratica aborti clandestini; vista però non come una mammana o una profittatrice, bensì come un concentrato di virtù domestiche, senso pratico, capacità di dare ed amare. (...) E anche la vergogna e le diverse reazioni dei familiari ignari, lo sgomento di Vera per la scoperta di un punto di vista così lontano dal suo, il processo, sono raccontati con una sobrietà, un rigore e al tempo stesso una partecipazione così profondi e commoventi, che perfino le frecciate più apertamente ideologiche (la cognata con aspirazioni di decoro che sogna lavatrice e tv e tratta Vera da impicciona egoista) passano con estrema naturalezza. Portandosi dietro non la nostalgia per quegli anni terribili, ma certamente il rimpianto per valori persi, dimenticati, travolti. Un bellissimo film, che sarà difficile non ritrovare la sera dei premi." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 7 settembre 2004) "Formidabile e pronto a conquistare l'ennesimo Leone il film dell'inglese Mike Leigh, che riesce sempre a essere polemico esaltando un vero dna d'autore. In 'Vera Drake' la grandiosa Imelda Staunton lavora con i mezzitoni, conferendo al personaggio della goffa e scolorita domestica specializzata nel procurare aborti un'istintiva umanità del tutto fuori dagli schemi. Leigh sposta, così, il consueto microcosmo contemporaneo in un'epoca già antichissima, dove gli incastri dei rapporti affettivi confliggono duramente con i rapporti di classe consolidati. Il suo sguardo è tagliente, ma mai manicheo e, al di là dei (pre)giudizi, riesce a suggerire con perfetta economia espressiva che la quintessenza della moralità può passare anche da strade meno trionfali." (Valerio Caprara, 'Il mattino', 7 settembre 2004) "'Il segreto di Vera Drake' non è 'Magdalene' di Mullan, ma un film di raro equilibrio, il primo a candidarsi autorevolmente al Leone d'oro. Tono, regia, recitazione e ambientazione sono perfetti. Leigh sostiene evidentemente una tesi, ma non la urla. A sessant'anni passati Leigh mantiene infatti lo smalto giovanile. Ora vi aggiunge un'esperienza nei drammi sociali che ne fanno il pendant di Ken Loach, più prolifico ma meno rifinito." (Maurizio Cabona, 'Il giornale', 7 settembre 2004) "'Il segreto di Vera Drake' - Leone d'oro 2004 - merita che il pubblico superi la giustificata diffidenza per il film premiati alla Mostra di Venezia: in questo caso un film premiato dopo essere stato scartato dal Festival di Cannes. Infatti Leigh ha ideato una mammana (formidabile Imelda Staunton, vincitrice della Coppa Volpi) che agisce per carità, improvvisandosi ostetrica con acqua insaponata e una peretta. (?) Inserviente in una casa borghese, quindi posta diagonalmente fra due classi sociali, Vera Drake non agisce per politica: ha passato i suoi guai ed è solidale con donne nei guai, non è una ménade femminista. Lei e i suoi formano una famiglia vera, di quelle che il cinema italiano ormai non mostra più: si vedano le situazioni senza speranza di 'nemmeno il destino' di Gaglianone." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 5 novembre 2004) "Per capire com'è successo che a Venezia ha vinto il Leone d' oro un film scartato dal Festival di Cannes, ovvero l'eccellente 'Il segreto di Vera Drake' di Mike Leigh, bisogna rifarsi alla lunga storia dell'incompatibilità franco-inglese. Le cause remote si possono reperire nel libro di Jean Guiffan 'Histoire de l'anglophobie en France', le cause prossime sono gli anatemi di François Truffaut che in un rigurgito di antipatia lanciò la parola d'ordine, 'cinema e inglese sono due termini inconciliabili'. Di questo cineasta di culto, mentre a vent'anni dalla morte viene celebrato nella rassegna fiorentina France Cinéma, non è inutile ricordare che ogni tanto le sparava grosse." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 6 novembre 2004) "Un film tradizionale, quadrato, controllato (Leone d'oro a Venezia) e interpretato da comprimari di classe e una protagonista eccezionale (Coppa Volpi nella stessa Mostra). Certo, con una punta di sicumera ideologica sul proprio punto di vista, ma sempre meno che in un film di Ken Loach: Mike Leigh conferma di rappresentare il versante più moderato, professional del cinema inglese votato alle ricostruzioni storiche e alle indagini sociali. (...) L'ottimo film perde colpi soltanto quando ci scappa qualche slogan indiretto a favore della causa, come nei casi della cognata con aspirazioni di decoro piccoloborghese o delle giovani ricche che possono risolvere il problema senza dover ricorrere alla mammana o, peggio, nelle inopinate accelerazioni edificanti che, per qualche momento, sembrano trasformare la donnicciola stupefatta in un santino del laicismo pret-à-porter. Il film convince (e avvince) molto meglio quando il tema esplode in sottotesto, come in un thriller di Hitchcock: se la legge non è giusta, è lecito infrangerla con qualsiasi mezzo?" (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 6 novembre 2004)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica