Il gioiellino2010

SCHEDA FILM

Il gioiellino

Anno: 2010 Durata: 110 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Andrea Molaioli

Specifiche tecniche:35 MM (1:2.35)

Tratto da:-

Produzione:NICOLA GIULIANO E FRANCESCA CIMA PER INDIGO FILMS, BABE FILMS IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA E BIM DISTRIBUZIONE

Distribuzione:BIM DISTRIBUZIONE (2011)

ATTORI

Toni Servillo nel ruolo di Ernesto Botta
Remo Girone nel ruolo di Amanzio Rastelli
Sarah Felberbaum nel ruolo di Laura Aliprandi
Lino Guanciale nel ruolo di Filippo Magnaghi
Fausto Maria Sciarappa nel ruolo di Franco Schianchi
Lisa Galantini nel ruolo di Carla, segretaria
Vanessa Compagnucci nel ruolo di Barbara Magnaghi
Maurizio Marchetti nel ruolo di Giulio Fontana
Igor Chernevich nel ruolo di Igor Yashenko
Jay O. Sanders nel ruolo di Mr. Rothman
Gianna Paola Scaffidi nel ruolo di Augusta Rastelli
Adriana De Guilmi nel ruolo di Signora Rastelli
Alessandro Adriano nel ruolo di Matteo Rastelli
Renato Carpentieri nel ruolo di Senatore Crusco
Roberto Sbaratto nel ruolo di Commercialista
Alessandro Signetto nel ruolo di Attilio Pieri
Stefano Saccotelli nel ruolo di Maggiore Gdf
Antonio Zavatteri
 

MUSICHE

Teardo, Teho
 

MONTAGGIO

Franchini, Giogiò
 

SCENOGRAFIA

Mura, Alessandra

TRAMA

L'azienda agro-alimentare fondata da Amanzio Rastelli è considerata un vero e proprio 'gioiellino' del panorama economico internazionale. Ramificata nei cinque continenti, quotata in Borsa e in continua espansione verso nuovi mercati e nuovi settori, la società è però gestita a conduzione familiare. Amanzio, infatti, ai posti di comando ha messo i suoi parenti più stretti - il figlio, la nipote - e alcuni manager di provata fiducia, ma privi di una laurea. Tale amministrazione porterà il management ad affrontare sfide sempre più ardue e difficili da gestire: Rastelli e il suo team si vedrà costretto a contrarre debiti, falsificare i bilanci, gonfiare le vendite, chiedere appoggi politici, tentare operazioni di finanza creativa sempre più rischiose. Finché la voragine economica e finanziaria diventerà enorme e pronta a inghiottire tutto...

CRITICA

"C'è un'immagine - una sola - che fa venire i brividi in 'Il gioiellino', il film di Andrea Molaioli liberamente ispirato al crac Parmalat, da oggi nelle sale italiane. E' quella in cui il personaggio del ragionier Ernesto Botta (interpretato da Toni Servillo e modellato sulla figura di Fausto Tonna, collaboratore di Tanzi) viene portato via, nel finale, su un blindato della Guardia di Finanza. (...) Lì, nell'immagine che chiude il film, in quel misto di incredulità e inconsapevolezza, ma anche di oscura e confusa percezione della voragine in cui sta precipitando, il ragioniere di Toni Servillo acquista lo spessore tragico di un personaggio di Balzac. Ma solo lì. Per tutto il resto del film, ciò che colpisce sia in lui sia in Amanzio Rastelli, il personaggio interpretato da Remo Girone e ispirato direttamente alla figura di Calisto Tanzi, è la sostanziale inconsapevolezza con cui giocano sporco con i falsi in bilancio e con i trucchi della finanza dopata. Non c'è traccia, in loro, né della rapacità con cui Oliver Stone aveva disegnato gli 'squali' di Wall Street, né della spavalderia gaudente e cialtrona con cui Gassman e Tognazzi rappresentavano, in passato, il fascino indiscreto e chiassoso della borghesia italiana. I protagonisti di 'Il gioiellino' sembrano reperti archeologici dell'Italia democristiana. Sono grigi, noiosi, abitudinari. Odorano di naftalina e di sacrestia. (...) Il problema è che il regista Andrea Molaioli sceglie di raccontare la storia dal loro punto di vista. Scelta coraggiosa, non c'è dubbio, ma anche difficile e rischiosa: perché impedisce la distanza critica, la deformazione grottesca, la corrosione ironica. E perché autorizza il pubblico ad adottare lo sguardo dei personaggi, fin quasi ad arenarsi in esso." (Gianni Canova, 'Il Fatto Quotidiano', 4 marzo 2011) "Il riferimento al crac Parmalat è evidente, anche se qui l'azienda in rosso si chiama Leda e la città investita dallo scandalo non è Parma, ma Acqui Terme (mai citata). (...) Due personaggi privi di morale e due interpretazioni magistrali, anche se alla fine il dubbio resta: come è potuto succedere?" (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 4 marzo 2011) "Un buon film, ben raccontato che ha il pregio non indifferente di far capire tutto (dello scandalo) allo spettatore domenicale che probabilmente del crac parmigiano non ci ha mai compreso nulla (o quasi). Non che ci troviamo di fronte all'opera grandiosa, per carità (...). Ma insomma, siamo sempre su un livello di buona dignità spettacolare di film 'adulto' in un panorama cinematografico dove imperversano solo gli 'immaturi'. (...) Insomma l'opera che se portata all'estero non ci fa fare brutta figura. Il guaio è che all'estero (leggi ai Festival) non ce la vogliono mandare. 'Il gioiellino' era pronto per Berlino (da quanti anni i tedeschi ci dileggiano perché sappiamo fare solo i 'panettoni'?). Ma per Berlino hanno preferito 'Qualunquemente' di Albanese." (Giacomo Ferrari, 'Libero', 4 marzo 2011) "La grande truffa della Parmalat in un film circostanziato e puntuale che evita le vie più battute ma non trova la chiave capace di dar vita ai tanti spunti riuniti. Né commedia né film-inchiesta, né saga aziendale né docu-drama, 'Il gioiellino' vorrebbe aggiornare la mappa della Grande Provincia italiana e dei suoi silenziosi orrori che oggi parlano la lingua globale della finanza e di un malaffare installato ai piani alti del potere. Ma per raccontare il grigiore di questi stakanovisti dell'intrallazzo bordeggia in una storia a bassa densità emotiva malgrado le pennellate di colore prese dalle cronache. (...) Molaioli e i suoi sceneggiatori infatti cedono lo stretto necessario al gusto un po' ovvio delle battute ficcanti, della trama avvincente, del moralismo facile. Ma non ci danno neanche molto in cambio, e soprattutto non trovano un centro, un punto di vista. (...) Tutto vero, come no, doloroso, documentato - e visto "da dentro". Ma per raccontare la new economy bisogna inventare anche un cinema più nuovo e deciso." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 4 marzo 2011) "Qualche volta si è stanchi, può perfino venir voglia di fare l'amore, di alzare lo sguardo dai bilanci truccati, di desiderare una ragazza giovane e bella. Ma è solo un attimo. Sul viso di Toni Servillo, il ragionier Botta del 'Gioiellino' di Andrea Molaioli, tale e quale al ragionier Tonna del vero crac Parmalat, il mestiere della truffa ha lasciato solchi indelebili, un misto di rabbia e di amarezza, l'alterigia ottusa di chi non sa tornare indietro. In quell'espressione, in quella totale incapacità di pentimento, c'è la denuncia di un grande difetto italiano. Servillo la sottolinea con lo sguardo, regalando alla sua galleria di personaggi nostrani, un altro, prezioso ritratto." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 4 marzo 2011)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica