Alaska2015

SCHEDA FILM

Alaska

Anno: 2015 Durata: 125 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Claudio Cupellini

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:FABRIZIO DONVITO, BENEDETTO HABIB, MARCO COHEN PER INDIANA PRODUCTION CON RAI CINEMA, IN CO-PRODUZIONE CON 2.4.7. FILMS

Distribuzione:01 DISTRIBUTION

ATTORI

Elio Germano nel ruolo di Fausto
Astrid Berges-Frisbey nel ruolo di Nadine
Valerio Binasco nel ruolo di Sandro
Elena Radonicich nel ruolo di Francesca
Antoine Oppenheim nel ruolo di Nicolas
Paolo Pierobon nel ruolo di Marco
Pino Colizzi nel ruolo di Alfredo Wiel
Marco d'Amore nel ruolo di Toni
Roschdy Zem nel ruolo di Benoit
Anastasia Vinogradova nel ruolo di Eva
Xavier Lemaître nel ruolo di Maitre hotel Parigi
Eric Caruso nel ruolo di Cliente suite hotel Parigi
Fred Epaud nel ruolo di Barista Parigi
Maria Sole Mansutti nel ruolo di Cameriera Alaska
Riccardo Floris nel ruolo di Cliente discoteca
Stefano Fregni nel ruolo di Emilio
Nadia Aldridge nel ruolo di Responsabile Casting
Rossana Mortara nel ruolo di Assistente Responsabile Casting
Anna Zelthonosova nel ruolo di Ragazza n° 12
Florence Villain nel ruolo di Anziana signora ristorante
Hazel Morillo nel ruolo di Cameriera
Édouard Giard nel ruolo di Detenuto francese
Gharbi Anis nel ruolo di Guardia penitenziaria
Dov Maman nel ruolo di Responsabile brand
Orietta Notari nel ruolo di Cameriera albergo Wiel
Roberta Rovelli nel ruolo di Amica di Francesca
Nicola Sisti Ajmone nel ruolo di Amico di Francesca
Gianni Bissaca nel ruolo di Impiegato Ufficio Collocamento
Désirée Giorgetti nel ruolo di Agente immobiliare
Elena Vettori nel ruolo di Infermiera
Davide Artico nel ruolo di Truccatore
Alba Rohrwacher
 
 
 

SCENOGRAFIA

Meduri, Paki
 

COSTUMISTA

Tufano, Mariano

TRAMA

Questa è la storia di due persone che non possiedono nulla se non loro stessi. Non hanno radici, non hanno neanche un posto dove sentirsi a casa. Si conoscono per caso, sul tetto di un albergo a Parigi, e già a partire da questo primo incontro si riconoscono: fragili, soli e ossessionati da un'idea di felicità che sembra irraggiungibile. Fausto è italiano ma vive a Parigi, lavorando come cameriere in un grande albergo. Nadine invece è una giovane francese, e possiede la bellezza commovente dei suoi 20 anni. È fragile e allo stesso tempo determinata, viva e pulsante come solo a quell'età si può essere. Il destino avrà in serbo non pochi ostacoli e sorprese per questo amore. Fausto e Nadine continueranno a incontrarsi, a perdersi, a soffrire ed amarsi per scoprire, alla fine, che tutte queste avventure erano solo una parte del loro grande amore.

CRITICA

"Incrocio di solitudini mascherate, nevrosi, fragilità, scelte errate, corruzioni diffuse, come volevasi dimostrare nell'Italia rivista ma non corretta da Claudio Cupellini (un autore del serial 'Gomorra'). 'Alaska' inizia alla grande poi vira pesante sul mélo con qualche ottimo vezzo, allunga il finale, lo riempie troppo, ma empatizziamo con gli amanti che si amano e si odiano: nell'abbondanza di materiale, un racconto che dimostra l'orgoglio di una bella personalità, mai banale." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 5 novembre 2015) "Il film conferma (...) la buona predisposizione di Cupellini e Germano a calarsi senza rete in un mondo marcio che ci sembra estraneo, ma con cui in realtà conviviamo; peccato, però, che l'insistenza di regista e protagonisti (...) nel ricorrere al diapason mélo finisca col trasmettere il senso di un'irrequietezza estemporanea e fragile nonché la mancanza di solide connessioni tra i fatti narrati a Parigi e Milano e i salti temporali e mentali che li contrappuntano." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 5 novembre 2015) "Un'impossibilità struggente che illumina soprattutto gli occhi di Germano, cavaliere errante della recitazione, capace di passare con disinvoltura dai costumi d'epoca del 'Giovane favoloso' alle divise modaiole del press agent senza qualità di 'Suburra'. Cupellini ha dichiarato che 'Alaska' è stato scritto per lui ('non ho mai immaginato un interprete diverso da Elio') e, guardando l'attore sullo schermo, timido e febbrile, violento e determinato, folle e perfino saggio, non ci sono dubbi sul fatto che 'Alaska' viva soprattutto del suo raro talento." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 5 novembre 2015) "Un sapore di ruggine e ossa all'italiana? Gli piacerebbe, a Cupellini. II regista di 'Lezioni di cioccolato' strizza l'occhio al film di Jacques Audiard del 2012 ed espande in chiave mélo il dramma da camera d'albergo del cameriere Elio Germano e della wannabe modella Astrid Berges-Frisbey: (...) se Cupellini gira con qualche dignità, la sceneggiatura è imbelle, imbarca colpi di scena puerili e, soprattutto, riesce a non farci appassionare minimamente ai personaggi e ai loro mutevoli e intrecciati destini. Si capisce, per un mélo è un peccato capitale: Germano meno convincente e più disinteressato del solito, Binasco e Radonicich macchiette, la Berges-Frisbey bella ma non balla. Del resto, già il titolo 'Alaska' è rivelatore: forse fa figo, ma non c'entra quasi nulla." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidian0', 5 novembre 2015) "Piacerà a chi sta cominciando a tenere d'occhio Cupellini, uno che agli esordi sembrava condannato alle commedioline di successino ('Lezioni di cioccolato'). Ma la regia di 'Gomorra' in TV l'ha risuolato come solido artigiano 'di genere'. Qui parte alla ricerca del mélo USA degli anni 50 con un'attrice (la Firbey) che vale le belle d'allora." (Giorgio Carbone, 'Libero', 5 novembre 2015) "Se si sorvola sulla rapidità con la quale il personaggio di Germano faccia camera, questo è un film di ampio respiro che prende strade diverse senza smarrire il traguardo finale. Eccellente." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 5 novembre 2015) "(...) un melodramma a forti tinte e denso di eventi (può essere anche letto come la «trance de vie» di persone disorientate, irrequiete o come una parabola sulle loro ambizioni costantemente inappagate), Cupellini (...) segue la tormentata storia d'amore di giovani senza radici, che, in un crescendo emotivo, trascorrono, a fasi alterne, dal fondo della disperazione, del degrado e del dolore alle vette dell'affermazione sociale e della pienezza vitale. Una storia dalla struttura circolare, con i crismi del percorso di formazione, che si dispiega nel racconto dal ritmo ben scandito e rapido (si allenta verso il finale fra situazioni o ripetute o immotivate) di un «amour fou», scaturito casualmente dall'incontro sulla terrazza di un albergo di lusso di Parigi fra il trentenne Fausto (Elio Germano) (...) e Nadine (Astrid Bergès-Frisbey) (...)." (Achille Frezzato, 'L'Eco di Bergamo', 10 novembre 2015)

Trova Cinema

Box office
dal 16 al 19 gennaio

Incasso in euro

  1. 1. Il primo Natale  3.142.556
    Il primo Natale

    Salvo e Valentino, un ladro e un prete, si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, fino all'Anno Zero....

  2. 2. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  1.640.886
  3. 3. L'immortale  1.114.347
  4. 4. Cena con delitto - Knives out  1.024.963
  5. 5. Un giorno di pioggia a New York  395.422
  6. 6. Che fine ha fatto Bernadette?  180.700
  7. 7. L'inganno Perfetto  151.003
  8. 8. Cetto c'è, senzadubbiamente  142.592
  9. 9. L'ufficiale e la spia  127.337
  10. 10. Midway  87.261

Tutta la classifica