Hostage2005

SCHEDA FILM

Hostage

Anno: 2005 Durata: 102 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, POLIZIESCO, THRILLER

Regia:Florent Emilio Siri

Specifiche tecniche:-

Tratto da:romanzo "L'ostaggio" di Robert Crais (ed. Mondadori)

Produzione:MIRAMAX FILMS, STRATUS FILM CO., CHEYENNE ENTERPRISES, EQUITY PICTURES MEDIENFONDS GMBH & CO. KG

Distribuzione:MEDUSA

ATTORI

Bruce Willis nel ruolo di Jeff Talley
Kevin Pollak nel ruolo di Sig. Smith
Jonathan Tucker nel ruolo di Dennis Kelly
Ben Foster nel ruolo di Mars
Jimmy Bennett nel ruolo di Tommy Smith
Michelle Horn nel ruolo di Jennifer Smith
Jimmy 'Jax' Pinchak nel ruolo di Sean Mack
Marshall Allman nel ruolo di Kevin Kelly
Serena Scott Thomas nel ruolo di Jane Talley
Rumer Willis nel ruolo di Amanda Talley
Hector Luis Bustamante nel ruolo di Agente Ruiz
Christina Cabot nel ruolo di Reporter
Glenn Morshower nel ruolo di Tenente Leifitz
Jamie McShane nel ruolo di Joe Mack
Johnny Messner nel ruolo di Mr. Jones
Kim Coates
Marjean Holden nel ruolo di Agente Carol Flores
Michael D. Roberts nel ruolo di Ridley
Ransford Doherty nel ruolo di Agente Mike Anders
 

SOGGETTO

Crais, Robert
 

SCENEGGIATORE

Richardson, Doug
 
 

SCENOGRAFIA

Fulton, Larry
 

COSTUMISTA

Beraldo, Elisabetta
 

EFFETTI

Anderson, Larz

TRAMA

Jeff Talley, poliziotto del dipartimento di Los Angeles esperto di mediazioni con i criminali nelle situazioni di crisi con gli ostaggi, dopo aver fallito una missione in cui hanno perso la vita una donna e un bambino, decide di trasferirsi nel sobborgo di Bristo Camino, prendendo il comando della locale stazione di polizia. La forte delusione e i sensi di colpa lo portano anche ad allontanarsi da sua moglie e sua figlia. Quando tre rapinatori, dopo un colpo finito male, si rifugiano in una casa prendendo in ostaggio una famiglia, Jeff è costretto a scacciare i fantasmi del passato e a rimettersi in gioco.

CRITICA

"Addio blue steel parte seconda. Bruce Willis abbandona di nuovo il suo inconfondibile sguardo sexy con boccuccia che Ben Stiller canzonava in 'Zoolander'. La prima volta fu per Terry Gilliam e il suo 'Esercito delle 12 scimmie'. Risultato: la migliore interpretazione di Willis. Il secondo film tutto senza blue steel è 'Hostage' scatenato e godibilissimo action-thriller barocco del francese Florent Emilio Siri dove lo sceriffo Bruce, poliziotto traumatizzato esperto in sequestri, fronteggia contemporaneamente una banda di giovani rapitori e una lobby di supercriminali che forse controlla l'FBI. Accidenti, incidenti, morti e pallottole vengono giù a catinelle come in 'Nido di vespe', precedente di Siri che era già uno spasso. Anche qui la storia nasce da strani incroci del caso. Poi ci pensa il casinaro Siri a fare esplodere tutto facendo volare la cinepresa tra fiamme, torture psicologiche, sangue, ossa rotte e inaspettati romanticismi. Menzione speciale per Ben Foster, straordinario criminale dark che cita nel look Robert Smith dei Cure, rockstar che ispirò già 'Il corvo'". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 18 marzo 2005) "L'unico interesse è distinguere il molto dejà vu dal raro jamais vu. Ma anche chi va al cinema solo per stordirsi ormai avvertirà il logorio del genere, oltre all'inconsistenza della polarizzazione del troppo buono opposto ai troppo cattivi." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 18 marzo 2005) "Ha un'estrazione cinefila, si è nutrito di noir americano anni '40 e di Nouvelle Vague e tra gli autori che lo hanno influenzato ci sono Hawks, Carpenter e Leone. Il giovane regista francese Florent Emilio Siri con il suo secondo lungometraggio 'Nido di vespe' ha conquistato pubblico e critica e ora ha realizzato quel sogno hollywoodiano coltivato da tanti colleghi. Bruce Willis, icona del cinema d'azione violento e fracassone, ma anche produttore intelligente e talent scout, gli ha proposto di portare sullo schermo la sceneggiatura tratta dal romanzo 'Hostage' del giallista Robert Crais (...) Willis sfoggia la consueta grinta in un buon thriller attento alle psicologie e pieno di depistaggi." (Alberto Castellano, 'Il Mattino', 19 marzo 2005) "Diretto da Florent Emilio Siri, allievo di Rohmer, il film è una lunga variazione sul tema di 'Ore disperate': la famiglia tenuta in ostaggio da patologici delinquenti. Non ci sono più i borghesi d'una volta, papà è un boss, però restano i piccini sequestrati. Bruce Willis fa di tutto e di più, ma è difficile riconoscere nel noir non malfatto ma piatto stilisticamente, tutto quell'amore per la famiglia a disposizione del marketing. (...) Trattasi di film bombarolo giocato sul doppio e sugli opposti come un videogame e con un errore cinefilo nel doppiaggio: quello di Lubitsch è il Cielo e non il Paradiso può attendere." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 26 marzo 2005)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica