Guardia del corpo1992

SCHEDA FILM

Guardia del corpo

Anno: 1992 Durata: 130 Origine: USA Colore: C

Genere:THRILLER

Regia:Mick Jackson

Specifiche tecniche:PANAFLEX, 35 MM (1:1.85), PANORAMICA - TECHNICOLOR

Tratto da:romanzo omonimo di Robert Tine (ed. Corbaccio)

Produzione:LAWRENCE KASDAN, JIM WILSON, KEVIN COSTNER PER TIG PRODUCTIONS IN ASSOCIAZIONE CON KASDAN PICTURES

Distribuzione:WARNER BROS. ITALIA - WARNER HOME VIDEO; DVD E BLU-RAY: WARNER HOME VIDEO

ATTORI

Kevin Costner nel ruolo di Frank Farmer
Whitney Houston nel ruolo di Rachel Marron
Gary Kemp nel ruolo di Sy Spector
Bill Cobbs nel ruolo di Devaney
Ralph Waite nel ruolo di Herb Farmer
Tomas Arana nel ruolo di Portman
Michele Lamar Richards nel ruolo di Nicki
Mike Starr nel ruolo di Tony
Christopher Birt nel ruolo di Henry
De Vaughn Nixon nel ruolo di Fletcher
Gerry Bamman nel ruolo di Ray Court
Joe Urla nel ruolo di Minella
Tony Pierce nel ruolo di Dan
Charles Keating nel ruolo di Klingman
Robert Wuhl nel ruolo di Presentatore agli Oscar
Debbie Reynolds nel ruolo di Debbie Renolds
Abbey Vine nel ruolo di Ben Shiller
Daniel Tucker Kamin nel ruolo di Thuringer
Donald Hotton nel ruolo di Reverendo Hardy
Ethel Ayler nel ruolo di Emma
Nathaniel Parker nel ruolo di Clive Healy
Nita Whitaker nel ruolo di Cantante
Phil Redrow nel ruolo di Regista Video
Richard Schiff nel ruolo di Skip Thomas
Rob Sullivan nel ruolo di Presentatore
Sean Cheesman nel ruolo di Rory
Stephen Shellen nel ruolo di Tom Winston
Bert Remsen nel ruolo di Presidente Rotary
Blumen Young nel ruolo di Vincitore Oscar
Jennifer Lyon Buchanan nel ruolo di Vincitore Oscar
Joseph C. Hess nel ruolo di Marito Cubano
Patricia Healy nel ruolo di Vincitore Oscar
Victoria Bass nel ruolo di Donna vestita di verde
 

SOGGETTO

Kasdan, Lawrence
 

SCENEGGIATORE

Kasdan, Lawrence
 

MUSICHE

Silvestri, Alan
 

SCENOGRAFIA

Beecroft, Jeffrey
 

COSTUMISTA

Nininger, Susan

TRAMA

Frank Farmer, un ex agente della CIA che si è dedicato alla più redditizia professione di guardia personale, viene contattato da Bill Devaney, manager della bella rockstar e attrice Rachel Marron, per vigilare sull'incolumità della donna che riceve lettere minatorie da uno sconosciuto. Dapprima riluttante, Farmer si fa convincere e cerca di rendere efficienti i sistemi di sicurezza assai precari che proteggono la principesca villa e l'incolumità di Rachel e del figlio Fletcher. Ben presto cozza con il carattere arrogante della donna, del suo addetto stampa, e arriva a vie di fatto con il corpulento guardaspalle, Tony, dopo averla sottratta ad una pericolosa apparizione in un locale. Convinta Rachel ad adottare una condotta più prudente, si fa convincere ad accompagnarla fuori a cena e poi a trattenersi con lei durante la notte. Dopo l'effimero incontro, Frank riprende a fatica il controllo suscitando il risentimento di Rachel, ferita nell'orgoglio. L'arrivo di una lettera nel camerino del teatro a Miami convince tutti del reale pericolo che minaccia Rachel...

CRITICA

"Per incarnare il duro dallo sguardo di ghiaccio ma dal cuore tenero non basta un taglio di capelli alla marine e un vestito grigio da agente della CIA. Ci vorrebbero quelle facce segnate e sofferenti alla Humphrey Bogart. Che Kevin Costner non ha, e meno che mai in questo film tutto fumo e niente arrosto, plateale e insipido, scontato e prevedibile nei minimi particolari, non si sa se più ingenuo o più furbacchione. Se è vero che non c'è il due senza il tre, Kevin Costner dovrebbe girare al largo da Lawrence Kasdan." (Enzo Natta, 'Famiglia cristiana') "Quello che è più difficile da mandar giù è la scriteriata sceneggiatura imbastita da Lawrence Kasdan per Steve McQueen nel 1975 e da lui riveduta prima di affidarla alla regia dell'inglese Mick Jackson." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 18 dicembre 1992) "Chi si aspetta un intrattenimento rapidamente televisionabile e videocassettabile può accontentarsi; chi invece pretenderebbe da un simile spunto qualche verità sulla condizione, la psicologia e i rischi degli uomini di scorta dovrà aspettare un'altra più seria occasione." (Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera', 17 dicembre 1992) "Il Kevin Costner di Natale al centro di una storia zeppa di luoghi comuni, e ondeggiante a fatica tra il sentimentalismo facile e il thriller di maniera." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 18 dicembre 1992) "Un thriller ben congegnato, con qualche concessione al 'mélo' ma sostenuto da un ottimo dialogo e da una valida sceneggiatura: efficace la sequenza con il frivolo rituale della consegna delle ambite statuette degli Oscar, immerso in un clima di tragedia incombente. Brava la Huston, aggressiva, cinica e capricciosa quando occorre, e capace di mostrare tenerezze e fragilità che il personaggio costruitosi attorno nasconde accuratamente. Costner è come al solito assai monocorde, prigioniero nel ruolo di bello eternamente concentrato su qualcosa di importante o doloroso a ricordarsi, ma l'incalzare delle immagini e la sapiente sceneggiatura gli consentono di fare una figura superiore ai suoi meriti. Ottimi i comprimari e bella la colonna sonora, con ottime canzoni dove la Houston dispiega le note qualità." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 115, 1993)

Trova Cinema

Box office
dal 28 al 1 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Cetto c'è, senzadubbiamente  2.479.936
    Cetto c'è, senzadubbiamente

    Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque......

  2. 2. L'ufficiale e la spia  1.215.362
  3. 4. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  577.263
  4. 5. Countdown  385.254
  5. 6. La famiglia Addams  379.466
  6. 7. Depeche Mode - Spirits in the Forest  325.788
  7. 8. Sono solo fantasmi  305.527
  8. 9. Parasite  295.915
  9. 10. Il giorno più bello del mondo  290.668

Tutta la classifica