Good Bye, Lenin!2003

SCHEDA FILM

Good Bye, Lenin!

Anno: 2003 Durata: 121 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:COMMEDIA, DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:X-FILME CREATIVE POOL, WDR, ARTE

Distribuzione:LADY FILM

TRAMA

Germania dell'Est, ottobre 1989. La mamma di Alex, attivista per il progresso sociale e il miglioramento della vita nel regime socialista, cade in coma. Si risveglia otto mesi pi tardi quando, nel frattempo, stato abbattuto il muro di Berlino ed stata abolita la divisione tra la Germania Est e Ovest. Alex non potrebbe essere pi felice per il risveglio della madre ma ha un grande problema: deve evitarle lo shock visto che il suo cuore ancora molto debole. Per non farle scoprire quello che successo trasforma l'appartamento in cui vivono in una sorta di museo socialista, in cui nulla sembra essere cambiato. Ma ben presto la mamma sente l'esigenza di vedere la televisione e di alzarsi dal letto...

CRITICA

"Una commedia esilarante ma amara - niente lieto fine, la verit conviene nasconderla, o forse fingere di non vederla - per una ferita ancora aperta. Che ha il merito di divertire e far pensare senza indorare la pillola n offendere i sentimenti e i ricordi degli ex-cittadini della Rdt. Con un brio, un garbo, un'intelligenza (la Germania Est era anche il sogno di un mondo migliore) che ne hanno fatto il film pi visto della storia tedesca: 5 milioni di spettatori. Solo nostalgia?". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 9 maggio 2003) "Film-fenomeno. Da tempo 'Good bye, Lenin!' di Wolfgang Becker il primo nella lista degli incassi cinematografici in Germania, con un successo davvero raro per una commedia tedesca: affronta in chiave comica il tema (o il problema) del comunismo morto che non vuol morire, della Germania orientale che non si rassegna a scomparire nonostante siano passati anni dall'unificazione del Paese, della Repubblica Democratica Tedesca che rimane nel cuore, nelle abitudini, nelle nostalgie dei suoi ex cittadini. (...) Lo stile di 'Good bye, Lenin!' non ha nulla di speciale, ma la commedia che mescola divertimento e pathos brillante, ben scritta; ed esprime tanti ragionamenti, sensi di vuoto, critiche e rimpianti di ex comunisti, tanti desideri inappagati, tanti pensieri di tenace rivolta, da risultare irresistibile". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 10 maggio 2003) "Una commedia paradossale e intelligente. (...) Becker cortocircuita Storia e storie mettendo in scena una parabola a retrogusto amaro". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 10 maggio 2003) "'Good bye Lenin!' dell'occidentale Wolfgang Becker, una commedia dalla geniale trovata che rielabora il lutto a sinistra ma lo prende troppo alla larga, inserendo tutta la storia dell'ex marito che appesantisce non poco il finale. Certo, la parte centrale col figlio devoto che organizza la commedia sociale con i vicini, registra appositi tigg, cerca vecchie marche di cibo, divertente, ma c' una vena di amarezza e di tristezza che resiste al gioco degli equivoci. E' bella, quasi poetica, ma un po' buttata via l'idea finale che il socialismo vero sia solo un'utopia, dato che la mamma, dopo aver creduto alla panzana che quelli dell'Ovest abbiano invaso l'Est, muore credendo a una specie di riunificazione, mezzo happy end". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 10 maggio 2003) "Diretto con leggerezza da Wolfgang Becker, 'Good bye, Lenin!' una stravagante commedia politica basata su una trovata originale. Lo svolgimento non sempre all'altezza, le gag si ripetono, ma in Germania questa stata la sorpresa della stagione: un modo allegro per fare qualche conto col passato prossimo". (Claudio Carabba, 'Sette', 22 maggio 2003) "Finti tg, pietose menzogne, esilaranti equivoci. E la prova provata che il marchingegno, posto in mani amorose, avrebbe potuto funzionare. Idea che acchiappa, film da non perdere". (Alessio Guzzano, 'City', 22 maggio 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi belli  1.196.456
    Gli anni pi belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica