Four brothers - Quattro fratelli2005

SCHEDA FILM

Four brothers - Quattro fratelli

Anno: 2005 Durata: 104 Origine: USA Colore: C

Genere:AZIONE, DRAMMATICO

Regia:John Singleton

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:FOUR BROTHERS FILMS INC., PARAMOUNT PICTURES, DI BONAVENTURA PICTURES

Distribuzione:UIP

ATTORI

Mark Wahlberg nel ruolo di Bobby Mercer
Tyrese Gibson nel ruolo di Angel Mercer
André Benjamin nel ruolo di Jeremiah Mercer
Garrett Hedlund nel ruolo di Jack Mercer
Terrence Howard nel ruolo di Tenente Green
Josh Charles nel ruolo di Detective Fowler
Sofia Vergara nel ruolo di Rosarita
Fionnula Flanagan nel ruolo di Evelyn Mercer
Chiwetel Ejiofor nel ruolo di Victor Sweet
Taraji P. Henson nel ruolo di Camille Mercer
Barry Shabaka Henley nel ruolo di Consigliere Douglas
Jernard Burks nel ruolo di Evan
Kenneth Welsh nel ruolo di Robert Bradford
Tony Nappo nel ruolo di Charlie
Shawn Singleton nel ruolo di Victor Hoodlum
Angel Weathered
Awaovieyi Agie
Benz Antoine nel ruolo di Sergente di polizia
Billy Oliver nel ruolo di Burlone
Brad Borbridge nel ruolo di Poliziotto interrogatorio
Carlos Diaz
Conrad Bergschneider nel ruolo di Johnny il barman
Costin Manu nel ruolo di Maschur
David Sparrow nel ruolo di Sergente di polizia
Dax Ravina nel ruolo di Tecnico
Derwin Phillips nel ruolo di Ref
Eric Fink nel ruolo di Padrone di casa
Eric Weinstein
Evelynking Nanatakyi nel ruolo di Bambino di 9 anni
Frank Spadone
Greg Ellwand nel ruolo di Assicuratore
Jamal Weathers nel ruolo di Detective
Jay Hunter
Jeff J.J. Authors nel ruolo di Jeff Authors
Jennifer Doane nel ruolo di Impiegata al Casinò
Kathryn Haggis
Kevin Duhaney nel ruolo di Keenon
Kevin Hanchard
Kiara Taylor
Kofi Payton
Lyriq Bent nel ruolo di Damian
Matthew Peart
Michelle Moffat
Mpho Koaho nel ruolo di Capo della gang
Odeen Eccleston
Pablo Silveira nel ruolo di Samir
Quincy Nanatakyi nel ruolo di Dodicenne
Reiya West Downs nel ruolo di Daniela Mercer
Richard Chevolleau
Riele West Downs nel ruolo di Amelia Mercer
Robert Thomas nel ruolo di Poliziotto interrogatorio
Shomari Downer
Stefanie Samuels nel ruolo di Moglie di Evan
Tahliel Hawthorne nel ruolo di Darnell
Timothy E. Brummund nel ruolo di Poliziotto interrogatorio
Travis Smith
Victor A. Young nel ruolo di Padre Lamont
Wes 'Maestro' Williams nel ruolo di Autista di Victor
 

SCENEGGIATORE

Elliot, David
Lovett, Paul
 

MUSICHE

Arnold, David
 
 

SCENOGRAFIA

Burns, Keith Brian
 

COSTUMISTA

Carter, Ruth E.

TRAMA

Bobby, Angel, Jeremiah e Jack sono stati adottati dalla stessa donna, Evelyn Mercer, ma, una volta cresciuti, ognuno di loro si è costruito un'esistenza radicalmente diversa. Bobby è rimasto una testa calda, Angel è diventato un playboy, Jeremiah ha preferito costruirsi un futuro e una famiglia, e Jack ha coltivato la sua passione per l'hard rock. Quando Evelyn viene uccisa durante una rapina in una drogheria, i quattro riscoprono il vincolo che li unisce e decidono di trovare insieme il colpevole ed attuare la loro vendetta.

CRITICA

"A esibizioni balistico-muscolari il regista John Singleton non ci è mai andato leggero, fin da quando il suo 'Boyz'n the Hood' fece discutere per l'overdose di violenza, e si guadagnò anche due nomination all'Oscar. La sua abilità resta intatta: però la trama è pesantemente ricattatoria e le pause da commedia, contribuendo ad affezionarti ai discutibili eroi, rendono la faccenda ancora più equivoca." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 5 settembre 2005) "C'è da credere al regista dei ghetti neri John Singleton: non è un remake dei 4 figli di Kate Elder, ma somiglia. E' un violentissimo western metropolitano in uno scenario di neve rossa al sangue in cui quattro fratellastri fast and furious, due bianchi e due neri, tatuati al punto giusto e giustizieri della notte, vendicano l' assassinio della madre adottiva che li ha raccolti all' orfanotrofio. (...)Tutti perdenti, segno che l'autore di 'Boyz ' N' the Hood' non ha aperto il pugno e vede l' America come un Far West privato di ogni codice d'onore. Piazzando i fratelli come agli scacchi (caposquadra Mark Wahlberg) e con ritmo abbastanza travolgente nella prima parte, il racconto invita a non illudersi sull'escalation della violenza: è un filo che arriva da Detroit a Bagdad." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 7 ottobre 2005) "E' chiaro cosa ha attratto l'ex-regista prodigio di 'Boyz'n the Hood' passato poi a progetti diciamo più eclettici come 'Shaft' o '2 Fast 2 Furious'. In periglioso ma costante equilibrio fra denuncia sociale e cinema di genere, 'Four Brothers' non pecca certo di eccessiva finezza ma ha il tocco ruvido, l'energia, lo humour della cara vecchia serie B. I caratteri dei quattro fratelli ad esempio sono grezzi ma azzeccati. C'è il nero pulito, o quasi, che lavora nell'immobiliare e ha messo su famiglia (l'unico). Il ragazzino bianco che tenta la fortuna nel rock. L'altro nero che vive per la sua focosa amante latina. Poi c'è Bobby (Wahlberg), il primogenito, la testa più calda di tutte. Uno che se cerca un testimone interrompe una partita a basket, spacca la faccia a un giocatore, estrae la pistola. E quando poi trova il testimone, dopo essersela vista con i suoi rotweiler, taglia la corda con cui l'infame sta svignandosela dalla finestra per interrogarlo rantolante al suolo. Ma non pensate alla solita pellicola adrenalinica. Per restare insieme questi quattro fratelli legati da vincoli più forti di quelli di sangue devono pensare, giocare d'anticipo, usare l'astuzia. 'Insisti a bussare alla porta del diavolo e prima o poi qualcuno aprirà', li ammonisce lo sbirro buono che li segue a distanza. Ma loro non sono quelli che bussano, sono quelli che aprono la porta. Registi meno accorti avrebbero calcato sul mélo, sull'azione o sul giallo. Singleton mette la sordina al realismo ma senza annullarlo, e accentua il messaggio interrazziale. Non ci sono colori, solo clan, bande, famiglie. Con chi stare dipende da noi." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 7 ottobre 2005) "Il regista, già autore di 'Boyz 'N the Hood', e di 'Poetic Justice', dice che 'si tratta a tutti gli effetti di un western; 40-50 anni fa i quattro fratellastri sarebbero stati cowboy'. Due degli interpreti sono invece oggi star della musica nera, la più amata dall'autore, e neri; gli altri due sono attori bianchi; tutti sono davvero molto bravi." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 7 ottobre 2005) "Il mix razziale dei vendicatori è l'elemento di originalità di 'Four Brothers', che in America ha incassato 20 milioni di dollari nei primi due giorni di programmazione. Tutto il resto appartiene all'equivoco repertorio del cinema di autodifesa. Ne viene fuori un violento western metropolitano dove nessuno è uno stinco di santo, a cominciare da Bobby, appena uscito di galera, però i malvagi sono così abietti da farti incavolare, fornendo un'ambigua giustificazione morale ai giustizieri, che li massacrano, finendoli, già feriti, con colpi di grosso calibro alla testa. Il mestiere di Singleton non è in discussione: lo sono, invece, la trama pesantemente ricattatoria e perfino le pause da commedia familiare, perché contribuiscono ad affezionarti ai suoi discutibilissimi eroi." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 7 ottobre 2005)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica