Forever Young2016

SCHEDA FILM

Forever Young

Anno: 2016 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Fausto Brizzi

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:MARIO GIANANI, LORENZO MIELI PER WILDSIDE, IN COLLABORAZIONE CON MEDIASET PREMIUM

Distribuzione:MEDUSA

ATTORI

Fabrizio Bentivoglio nel ruolo di Giorgio
Sabrina Ferilli nel ruolo di Angela
Stefano Fresi nel ruolo di Lorenzo
Lorenza Indovina nel ruolo di Stefania
Lillo nel ruolo di DJ Diego Lillo Petrolo
Luisa Ranieri nel ruolo di Sonia
Teo Teocoli nel ruolo di Franco
Claudia Zanella nel ruolo di Marta
Francesco Sole nel ruolo di DJ
Pilar Fogliati nel ruolo di Compagna di Giorgio
Nino Frassica
 

MUSICHE

Zambrini, Bruno
 
 
 

COSTUMISTA

Minesso, Elena

TRAMA

Oggi nessuno insegue più un sogno, un ideale o banalmente il denaro, tutti sono alla ricerca della giovinezza perduta. Se sei giovane sei "in", se sei vecchio sei "out". Questa è la storia di un gruppo di amici "Forever Young", ambientata nell'Italia di oggi. L'avvocato Franco è un adrenalinico settantenne, appassionato praticante di sport e di maratona in particolare. La sua vita cambia quando scopre che sta per diventare nonno grazie a sua figlia Marta e a suo genero Lorenzo e che il suo fisico non è poi così indistruttibile. Angela, un'estetista di 49 anni, ha una storia d'amore con Luca, 20 anni, osteggiata dalla madre di lui, Sonia, sua amica. Diego, DJ radiofonico di mezz'età, deve fare i conti con gli anni che passano e con un nuovo, giovanissimo e agguerrito, rivale. Giorgio ha 50 anni e una giovanissima compagna, ma la tradisce con una coetanea di 50. Chi sceglierà quando si troverà messo alle strette?

CRITICA

"Fausto Brizzi ha iniziato la sua fortunata carriera come sceneggiatore/gagman per Neri Parenti e i suoi cinepanettoni. Passato alla regia (...) ha mantenuto anche nei suoi film quel tono tra l'irriverente e lo scanzonato che lo avevano fatto cooptare, insieme al suo sodale Marco Martani, in una delle «fabbriche» più puntuali e oliate del cinema italiano, quelle dei film di Natale . Di cui sembra essergli rimasto addosso una specie di imprinting, fatto di scrittura scorrevole e battute a raffica. Qualità che si ritrovano anche in questo 'Forever Young', la cui ambizione dichiarata (...) finisce però per rivelarne le debolezze e i limiti. Il film vuole essere una bonaria - ma nemmeno tanto - presa in giro di quella generazione di cinquantenni et ultra che non accettano il passare degli anni e che cercano disperatamente di conserva re una giovinezza che invece inesorabilmente se ne va. Per farlo intreccia quattro situazioni che si vogliono esemplari (...). Naturalmente ognuna (...) viene messa in crisi dai più prevedibili degli imprevisti (...). Il problema è che tutti questi «imprevisti» non sono degli stimoli per far evolvere i personaggi e le loro storie ma solo delle «occasioni» per inanellare qualche battuta in più. (...) il film non cerca mai di stimolare le possibili contraddizioni del personaggio di Giorgio ma lo imprigiona dentro il più raggelante degli stereotipi. Così come Teocoli finisce per sembrare solo un ove r 65 infantile e incosciente. Solo il personaggio della Ferilli e in parte quello di Lillo cercano di crescere durante il film, di passare dal ritratto di una mania alla complessità di una storia, la prima perché il suo giovane spasimante rivelerà parentele inaspettate permettendo all'attrice un'interpretazione più sfumata e complessa, il secondo perché probabilmente il regista si è sentito in dovere di regalargli più scene comiche degli altri (...). Così, nonostante le ambizioni, 'Forev er Young' finisce per essere una delle tante commedie recenti dove la situa zione di partenza non diventa mai vera storia ma solo occasione di sorrisi e battute. Da questo punto di vista Brizzi (coi suoi co-sceneggiatori Martani e Edoardo Falcone) conferma la sua abituale prolificità umoristica - alcune repliche sono proprio divertenti - ma anche la difficoltà molto italiana di costruire delle sceneggiature dove lo spettatore abbia voglia di chiedersi davvero come andrà a finire." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 7 marzo 2016) "Il tema scelto da Fausto Brizzi per il suo nono titolo da regista non è da poco. L'ostinazione a restare 'forever young' è contagiosa nella nostra società, e faccenda alla quale quasi nessuno può veramente dirsi estraneo. E, sebbene nel complesso il film butti la questione in caciara, di buoni spunti sparsi tra le pieghe ce n'è così come qualche indicazione non superficiale e plausibile viene da alcuni personaggi e interpreti. Non tanto da Fabrizio Bentivoglio (...) né da Lillo (...) quanto, di più, da Sabrina Ferilli (...). Una conferma dopo le prove con Sorrentino e Tognazzi. Teocoli (...) è una presenza meno incisiva di quanto potrebbe. Il resto è contorno." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 10 marzo 2016) "Tutti, dice il ritrovato Fausto Brizzi, si professano 'Forever Young' e a 'farne le spese è il senso del ridicolo'. Scritta con Martani e Falcone, la commedia corale fotografa una realtà evidente quanto imbarazzante, ma il risultato è altalenante: a intermezzi comici gustosi (il duetto tra Lillo e Nino Frassica è da antologia) e qualche benvenuta cattiveria (la turlupinata Indovina) corrispondono episodi stracchi (Teocoli) e citofonati (Ferilli e Ranieri, pur brave). Sometimes good." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 10 marzo 2016) "Nella guerra «giovani contro finti-giovani» che Fausto Brizzi mette in scena in 'Forever Young', i maschi sono sconfitti dalle femmine, con molti punti di svantaggio. Mentre i primi coltivano il sogno dell'eterna giovinezza fino all'ultimo respiro, a costo di rimetterci la salute, le seconde, anche se non esenti da sbandate, sanno quando è il momento di alzare bandiera bianca. (...) il tempo passa per tutti, ma per gli uomini, nonostante apparenze e luoghi comuni, accettarlo è più difficile." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 10 marzo 2016) "Bravo Lillo (esilarante un duetto con Nino Frassica), non credibile come cinquantenne Bentivoglio (ne fa 60 l'anno prossimo), carismatica la Ferilli (a quando un film tutto suo?), inutile Teocoli e tutto il suo segmento agrodolce con genero ciccione Fresi (sprecatissimo) e figlia incinta Zanella. Più che un film è un insieme di gag in scenografie appariscenti con cast altisonante e sceneggiatura da riscrivere (o anche solo scrivere). Si sente però la mano del 'vecchio' Brizzi nel dirigere il dirompente Emanuel Caserio (toy boy dal sorrisone romantico e sguardo allupato) come quando lanciò Vaporidis e De Rosa. Ci manca tanto il commediante di 'Notte prima degli esami' (2005) ed 'Ex' (2009) anche se si rivedono segnali di vita (...). Abbiamo speranze: il regista romano, a quarantasette anni, è ancora giovane. O quasi." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 10 marzo 2016) "Piacerà perché Brizzi sa (da sempre, da quando faceva il 'negro' per gli script dei cinepanettoni) come orchestrare un film corale (i momenti deboli ci sono, ma lui sa come glissare). Perché i personaggi son simpatici (nessuno escluso). E gli attori tutti ad hoc (il migliore? Teocoli, Teocoli)." (Giorgio Carbone, 'Libero', 10 marzo 2016) "Non c'è situazione che non sia banale, né personaggio che non sia risaputo. Eppure la gracile commedia di Fausto Brizzi sui cinquantenni, e passa, che non vogliono invecchiare avrà successo. Innanzitutto per il cast, poi perché qualche battuta azzeccata c'è." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 10 marzo 2016) "Ovviamente il film, che è comunque una commedia molto divertente, deve un po' estremizzare i caratteri dei personaggi che presenta proprio per enfatizzarne e, in qualche modo, spremerne le potenzialità comiche. Però, qua e là, soprattutto nel personaggio della Angela di Sabrina Ferilli ancora una volta in una prova maiuscola (per bellezza, misura e trattenuto pudore), si intravede quel pizzico di amarezza che ci fa dire: ah, allora, non sono proprio tutti così. Così come molto ben centrato (ha anche molto più spazio degli altri), il personaggio di Diego interpretato da Lillo (...). Un po' sacrificato il personaggio di Teo Teocoli (...). Si ride? Discretamente, soprattutto, come dicevamo, con la vicenda che vede protagonista Lillo (da antologia il suo duetto con Nino Frassica). Magari non è molto compatto, alcune cose sono un po' sospese, a tratti sembra solo una raccolta di gag, però ha uno suo certo ritmo a tratti anche piuttosto frizzante (la festa in casa di Bentivoglio) che ricorda almeno un po' quello delle «vecchie» commedie." (Andrea Frambrosi, 'L'Eco di Bergamo', 12 marzo 2016)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica