SCHEDA FILM

DONNA D'OMBRA

Anno: 1988 Durata: 90 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:NORMALE

Tratto da:-

Produzione:MP SRL - RAI -RETE2

Distribuzione:REAC FILM (1990) - MONDADORI VIDEO

TRAMA

Carla, una non più giovane coreografa, viene sorpresa dalla notizia che il padre sta improvvisamente morendo, proprio mentre è intenta a dare gli ultimi tocchi a un difficile intreccio di corpi della sua ultima, violenta, coreografia. Si precipita a casa e osserva, angosciata, accanto alla madre sopraffatta dai singhiozzi, il padre già immoto, che un medico tenta invano di rianimare. Col capo sul petto del morto, Carla bisbiglia teneramente, in una specie di trasporto lirico, tutto ciò che il padre è stato per lei, mentre la memoria rievoca, in un lampeggiare delirante, i momenti significativi di quell'intenso rapporto di adorazione-identificazione col genitore che - a sua insaputa - ha segnato in maniera indelebile la sua personalità e la sua vita. Al colmo dello smarrimento e della disperazione, Carla sale in macchina e si abbandona a una allucinante fuga senza meta, che si trasforrna gradatamente in una specie di indagine interiore sul proprio passato sentimentale, rivissuto incontrando i vari uomini della sua vita. Il viaggio sentimentale di Carla si trasfigura così in un'istintiva ricerca dei perchè di quella sua tumultuosa instabilità affettiva e di quella inquieta insoddisfazione che l'ha sempre determinata a infrangere per prima ogni legame con un uomo, dal più affidabile al più banale. Nel suo vagare frenetico e in apparenza senza perchè, Carla viene persistentemente tallonata - con una discrezione non scevra da qualche sfumatura d'indulgente ironia - da Gianni, il suo ultimo uomo, che ne intuisce, attraverso il convulso altalenare della mente sconvolta e l'eccentricità dei comportamenti, la tensione disperata alla normalità. Si delinea così, sia pur faticosamente l'esito della funesta esclusività possessiva della figura paterna, che, forse suo malgrado e in buona fede, ha in effetti plagiato la figlia, facendone una "donna d'ombra", tanto estrosa, inquieta e tagliente, quanto priva di certezze.

CRITICA

Nonostante l'impegno di Faccini e la buona prova di attori e tecnici "Donna d'ombra" resta un'opera fastidiosa se non indigesta (salvo forse per le suddette femministe d'antan). (Segnocinema).

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica