Da un paese lontano1981

SCHEDA FILM

Da un paese lontano

Anno: 1981 Durata: 125 Origine: GRAN BRETAGNA Colore: C

Genere:BIOGRAFICO

Regia:Krzysztof Zanussi

Specifiche tecniche:PANORAMICO

Tratto da:-

Produzione:GIACOMO PEZZALI PER TRANS WORLD FILM, INCORPORATED TELEVISION COMPANY (ITC), RAI - RADIOTELEVISIONE ITALIANA, FILM POLSKI FILM AGENCY

Distribuzione:CIC

ATTORI

Sam Neill nel ruolo di Marian
Christopher Cazenove nel ruolo di Tadek
Lisa Harrow nel ruolo di Wanda
Cezary Morawski nel ruolo di Karol Wojtyla, Papa Giovanni Paolo II
Maurice Denham nel ruolo di Sapieha
John Welsh nel ruolo di Vecchio sacerdote
Jonathan Blake nel ruolo di Giosuè
Kathleen Byron nel ruolo di Madre di Tadek
Warren Clarke nel ruolo di Wladek
James Coyle nel ruolo di Primo funzionario
Anne Dyson nel ruolo di Madre di Wladek
John Franklyn-Robbins nel ruolo di Curato
Piotr Fronczewski nel ruolo di Palitsch
Carol Gillies nel ruolo di Moglie Wladek
Marek Kondrat nel ruolo di Poliziotto
Philip Latham nel ruolo di Cappellano
Timothy Morand nel ruolo di Operaio
Jerzy Nowak nel ruolo di Professore
Daniel Olbrychski nel ruolo di Capitano
Emma Relph nel ruolo di Magda
John Franlyn Robbinson nel ruolo di Primo curato
Andrew Seear nel ruolo di Stephan
Andrzej Hudziak
Andrzej Lapicki
Anna Milewska
Izabella Olszewska
Janusz Gajos
Jerzy Stuhr
Jerzy Zelnik
Liliana Glabczynska
Maciej Robakiewicz
Maja Komorowska
Malgorzata Zajaczkowska
Rupert Frazer
Susan Dutton
Tadeusz Bradecki
Zbigniew Zapasiewicz
 

SOGGETTO

Fabbri, Diego
 

MUSICHE

Kilar, Wojciech
 

MONTAGGIO

Gibbs, Antony
 

SCENOGRAFIA

Sosnowski, Janusz

TRAMA

Il film inizia nel 1926 quando Karol Wojtyla, ancora bambino, a Kalvaria assiste insieme al padre alla rievocazione della passione di Cristo. Lo rivediamo da giovane, a Cracovia, appassionato di letteratura e di teatro. Nel 1939, i tedeschi invadono la Polonia. Karol ha 19 anni ed è testimone degli orrori dell'occupazione nazista e dell'eroismo del popolo polacco, sostenuto dalla sua tenace fede. Da studente universitario per sopravvivere diventa operaio in una fabbrica chimica, la Solvay e, profondamente affascinato dal card. Sapieha, arcivescovo di Cracovia, decide di farsi sacerdote. Inutile soffermarsi analiticamente sui vari personaggi e sui molteplici episodi del film, che hanno una loro importanza, perchè offrono al regista l'occasione di presentare le varie classi sociali polacche, dai politici ai militari, dagli operai ai contadini, dagli intellettuali agli ecclesiastici, coi loro problemi, la loro mentalità, le loro angosce, le loro lotte, le loro vittorie e sconfitte: così è dello scrittore Tadek, dell'attrice operaia Wanda, di Giosuè ebreo e membro della direzione del partito, del giovane Stefan in contrasto continuo col padre: l'operaio Wladek; dei vari ecclesiastici, sui quali spicca l'eroico padre Kolbe e il principe arcivescovo di Cracovia, card. Sapieha. Così l'epopea di un popolo rivive nell'umile e spesso eroico dramma quotidiano dei suoi figli, sia nei periodi durissimi del nazismo e dello stalinismo, sia negli anni posteriori, simboleggiati dalla città modello socialista, senza chiese: Nowa Huta. Ma il popolo si ribella, innalza una croce, la difende giorno e notte, difendendo in questo modo l'unica sua forza e speranza: la fede cattolica. Alla fine il popolo vince e la chiesa di Nowa Huta è una realtà. Nel frattempo Karol Wojtyla è ordinato sacerdote. Studia a Roma, viaggia in Francia, in Belgio e svolge, in patria, un fruttuoso apostolato nella predicazione, nella scuola, nell'assistenza religiosa agli universitari. Non ancora quarantenne è consacrato vescovo e partecipa al Concilio Vaticano II, ove collabora alla stesura del decreto sulla Chiesa e il mondo contemporaneo. Karol Wojtyla è cardinale, arcivescovo di Cracovia, quando partecipa al conclave, dopo la morte di Giovanni Paolo I ed è eletto Papa. E' un giorno di esultanza, di premio e di trionfo per il cattolicesimo polacco. Il film termina con la visita di Giovanni Paolo II in Polonia, nel 1979, a Cracovia, ove il Papa vestito di bianco, erompe dallo schermo e diventa visivamente il protagonista del film su una folla sterminata, diffondendo un senso di sicurezza e di pace, ove prima era ansia e sgomento. Fra i volti, radianti di entusiasmo e segnati di lacrime, riconosciamo alcuni personaggi del film. Zanussi ha così integrato abilmente un documentario, creando una scena fra le più grandiose del film ed esaltando con Giovanni Paolo II l'epopea di un "Paese lontano", che, oggi, per le sue vicende, è al centro dell'attenzione mondiale. Purtroppo nella versione italiana del film sono stati operati dei tagli di cui uno, almeno, significativo: non si comprende il motivo della scontrosità e anche dell'avversione di Wanda nei confronti di Tadek, che poi diventerà suo marito. La ragione sta nella collaborazione di Tadek col partito comunista.

Trova Cinema

Box office
dal 2 al 5 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica