Con le migliori intenzioni1992

SCHEDA FILM

Con le migliori intenzioni

Anno: 1992 Durata: 183 Origine: SVEZIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Bille August

Specifiche tecniche:PANAVISION, PANORAMICA, 35 MM

Tratto da:-

Produzione:SVT DRAMA, DANMARKS RADIO (DR), LA SEPT CIN╔MA, ZDF, CHANNEL FOUR FILMS, RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA, NRK, R┌V, FOCUS FEATURES INTERNATIONAL

Distribuzione:COLUMBIA TRI STAR FILMS ITALIA - DVD: RAROVIDEO (2011)

ATTORI

Samuel Fr÷ler nel ruolo di Henrik Bergman
Pernilla August nel ruolo di Anna ┼kerblom Bergman
Max von Sydow nel ruolo di Johan ┼kerblom, padre di Ann
Ghita N°rby nel ruolo di Kann ┼kerblom, madre di Anna
Bj÷rn Kjellman nel ruolo di Ernst ┼kerblom, fratello di Anna
B÷rje Ahlstedt nel ruolo di Carl ┼kerblom, fratellastro di Anna
Bj÷rn Granath nel ruolo di Oscar ┼kerblom, fratellastro di Anna
Gunilla Nyroos nel ruolo di Svea ┼kerblom, moglie di Oscar
Mikael Segerstrom nel ruolo di Gustav ┼kerblom, fratellastro di Anna
Eva Gr÷ndahl nel ruolo di Martha ┼kerblom, moglie di Gustav
Mona Malm nel ruolo di Alma Bergman, madre di Henrik
Keve Hjelm nel ruolo di Fredrik Bergman, nonno paterno di Henrik
Margaretha Krook nel ruolo di Blenda Bergman, zia di Henrik
Irma Christensson nel ruolo di Ebba Bergman, zia di Henrik
Sif Ruud nel ruolo di Beda Bergman, zia di Henrik
Lena Brogren nel ruolo di Signorina Lisen
Cecilia Lagerkvist nel ruolo di Signorina Siri
Lena Endre nel ruolo di Frida Strandberg
Dan Johansson nel ruolo di Justus Bark
Niklas Hald nel ruolo di Baltzar Kugelman
Ernst-Hugo Jńregňrd nel ruolo di Professor Sundelius
Hans Alfredson nel ruolo di Reverendo Gransj÷
Lena T. Hansson nel ruolo di Magda Sael
Lennart Hjulstoem nel ruolo di Nordenson, direttore Fonderia
Marie G÷ranzon nel ruolo di Elin Nordenson
Bjorn Gustavson nel ruolo di Jesper Jakobsson
Roland Hedlund nel ruolo di Herman Nagel
Elias Ringqvist nel ruolo di Petrus Farg
Leif Forstenberg nel ruolo di Signor Johansson
Boel Larsson nel ruolo di Mia
Gun Joensson nel ruolo di Mńrta Lagerstam
Inga Lill Ellung nel ruolo di Mejan
Jan Blomberg nel ruolo di Il Conte Svante
Marie Richardson nel ruolo di Marta Werkelin
Sven Wollter nel ruolo di Il Vescovo
Viveka Seldahl nel ruolo di Signora Johansson
 

SOGGETTO

Bergman, Ingmar
 

SCENEGGIATORE

Bergman, Ingmar
 

SCENOGRAFIA

Asp, Anna
 

COSTUMISTA

Anttila, Ann Mari

TRAMA

Svezia, 1901. Nella cittÓ di Uppsala, Henrik Bergman, uno spiantato studente di Teologia che convive nascostamente con la cameriera Frida Strandberg, s'innamora, ricambiato, di Anna ┼kerblom, la pervicace sorella del suo amico Ernst. Questo amore Ŕ osteggiato dalla signora Karin, la madre di Anna che, essendo a conoscenza della relazione di Henrik con Frida, costringe il giovane a partire dopo aver scritto una lettera d'addio ad Anna. Henrik per˛ pensa sempre a lei e vuole incontrarla ma Anna lo respinge. Successivamente Frida riesce a convincerla che Henrik Ŕ innamorato di lei, ed Ŕ disposta a farsi da parte. Frattanto Anna ha contratto la tubercolosi e deve andare in sanatorio, in Svizzera. Guarita, scrive ad Henrik ma la madre distrugge la sua lettera e porta la figlia in Italia per un lungo viaggio. Alla morte del marito, Karin rivela alla figlia il particolare della lettera bruciata e la ragazza decide di tornare all'istante e di sposare Henrik. Prima per˛ vanno a visitare la futura parrocchia di lui, Forsboda, nel Nord, e passano a visitare Alma, madre di Henrik, apparentemente affettuosa, ma in realtÓ atterrita dall'idea che un'estranea le porti via l'adorato figlio. All'arrivo a Forsboda scoppiano litigi sia per la futura disposizione delle stanze, sia per il luogo del matrimonio: tuttavia la cerimonia avviene con grande fasto ad Uppsala. Rinunciando al viaggio di nozze i due sposini salgono sul treno e raggiungono la sperduta parrocchia. Qui vi sono serie tensioni sociali per la crisi produttiva e gli operai della locale fonderia sono in fermento. Il direttore, Nordenson, tenta di tirar dalla sua parte il giovane pastore che invece Ŕ dalla parte degli operai. Frattanto ai due giovani coniugi, che hanno accolto in casa Petrus, un ragazzino disadattato ma intelligente, avido divoratore di libri, nasce un figlio, Dag. Poi viene offerto ad Henrik l'incarico di cappellano all'ospedale di Stoccolma: gli sposi si recano a corte dove incontrano la regina Vittoria, ma rinunciano e restano a Forsboda, dove c'Ŕ uno scontro nella Cappella tra il pastore e Nordenson, che Ŕ ateo, e vuole sottrarre le due figlie alla preparazione alla comunione. Grazie all'ostilitÓ di Nordenson, intorno alla coppia si fa il vuoto: Petrus, avendo udito Anna dire di non volerlo pi¨ ospitare, tenta di affogare nel fiume il piccolo Dag, e viene restituito ai genitori adottivi. Anna, in lite con Henrik, torna dalla madre ad Uppsala. Mentre lei festeggia il Natale in famiglia, il marito assiste al montare delle agitazioni operaie e al suicidio di Nordenson. Deluso, Henrik va a trovare ad Uppsala Anna, nuovamente incinta, e le rivela di aver accettato l'incarico reale a Stoccolma.

CRITICA

"Questo film, scritto e sceneggiato da Ingmar Bergman, mostra i difficili rapporti che hanno caratterizzato il matrimonio dei genitori. Di chiara derivazione televisiva, il lavoro Ŕ un ben riuscito affresco sui primi anni del secolo in Svezia visti con gli occhi di una coppia di diversa estrazione sociale. La spensierata e capricciosa Anna deve fare i conti con la miseria, morale e materiale, del prossimo, ed il povero, cocciuto e collerico Henrik deve mediare tra la sua povertÓ ed il ceto della futura moglie, tra la fede nella sua missione di prete e le complessitÓ psicologiche e pratiche che sorgono nel dover mediare i doveri del pastore d'anime con quelli di marito e padre. Accattivante, per bellezza d'immagini e freschezza di recitazione nella prima parte, fino al matrimonio di Henrik, il film risente della evidente volontÓ di Bille August di seguire alla lettera i diktat del grande Ingmar, che qui, almeno come sceneggiatore, sembra come incapace di uscire dalla rivisitazione, tra l'ossessivo ed il narcisistico, dei luoghi e delle situazioni tipiche della sua precedente filmografia: e questo nuoce al regista ed agli interpreti, che a lungo andare risentono un po' dello sclerotizzarsi del copione, e dopo l'iniziale entusiasmo sembrano adeguarsi al clima un po' ripetitivo del tutto." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 113, 1992)

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica