Broken Flowers2005

SCHEDA FILM

Broken Flowers

Anno: 2005 Durata: 106 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Jim Jarmusch

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:BAC FILMS, FOCUS FEATURES

Distribuzione:MIKADO

ATTORI

Bill Murray nel ruolo di Don Johnston
Jeffrey Wright nel ruolo di Winston
Sharon Stone nel ruolo di Laura Miller
Frances Conroy nel ruolo di Dora
Jessica Lange nel ruolo di Carmen
Tilda Swinton nel ruolo di Penny
Julie Delpy nel ruolo di Sherry
Chloë Sevigny nel ruolo di Assistente di Carmen
Christopher McDonald nel ruolo di Ron
Alexis Dziena nel ruolo di Lolita
Pell James nel ruolo di Sun Green
Heather Simms nel ruolo di Mona Heather Alicia Simms
Brea Frazier nel ruolo di Rita
Christopher Bauer nel ruolo di Dan
Larry Fessenden nel ruolo di Will
Suzanne Hevner nel ruolo di Sig.ra Dorston
Meredith Patterson nel ruolo di Assistente di volo
 

SOGGETTO

Jarmusch, Jim
 

SCENEGGIATORE

Jarmusch, Jim
 

MONTAGGIO

Rabinowitz, Jay
 

SCENOGRAFIA

Friedberg, Mark
 

COSTUMISTA

Dunn, John A.
 

EFFETTI

Big Film Design

TRAMA

Don Johnston, scapolo impenitente, riceve una misteriosa lettera, senza firma, da una sua probabile ex amante che lo informa di essere padre di un ragazzo di 19 anni. Don si confida con Winston, suo amico e vicino di casa, che gli consiglia di andare alla ricerca di colei che può aver scritto la lettera. Così, superando la sua ostilità per i viaggi, ne intraprende uno attraverso gli Stati Uniti per scoprire quale delle sue vecchie fiamme può essere la madre del ragazzo...

CRITICA

"La muta, impassibile, ironia di Bill Murray, il suo sguardo pigro e sornione firmano fin dai primi fotogrammi il felice incontro (il secondo, in realtà, dopo 'Coffee & cigarettes') con Jarmusch, bandiera del cinema indipendente, tornato in gran forma. (...) A parte la bella suggestione di un film che valorizza tante attrici, 'Broken Flowers' è la prova di un cinema intelligente ma divertente, d'intrattenimento ma anche di spessore e di pensiero, di idee che non hanno bisogno di gigantismi e fiumi di sogni." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 2 dicembre 2005) "Sulla scia di 'Lost in Translation', ancora una commedia sostenuta e sospinta dal carisma dello stesso protagonista. Bill Murray, in effetti, è 'Broken Flowers', lo solleva al di sopra della sua trama minimalista, e ne dirige e armonizza il concerto dei comprimari di lusso. I temi sono quelli tipici del regista indipendente Jim Jarmush, la malinconia e la fuga dal tempo, ai quali s'aggiunge il senso di una paternità perduta e rimpianta. Qui l'atmosfera è più fluida e accattivante e la cifra jarmushiana resta tutta nel climax descrittivo di un film che non entrerà nella storia del cinema, ma diventerà caro a un pubblico più ampio del circolo dei cinefili. (...) La prevedibilità della sceneggiatura viene surrogata dalle virtuosistiche reazioni di Murray ogni volta che viene a contatto con i casi psicologici o esistenziali incarnati da una Sharon Stone umile e concentrata, dalla bizzarra Frances Conroy del telefilm 'Sex Feet Under', da una Jessica Lange all'altezza della propria classe e dall'inquietante erinni Tilda Swinton. 'Broken Flowers' funziona in sostanza come film d'attori, un puzzle stralunato ed elegante che riscaldano la freddezza dello humour e conferiscono alle sfumature il ruolo abitualmente riservato all'emozione o alla suspense." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 3 dicembre 2005) "'Broken Flowes' non è un film erotico, non è un film sentimentale della seconda chance e non è un poliziesco. Murray lo definisce un 'giallo del cuore, con pochi dialoghi e molta musica etiopica'. Il che non significa nulla. Chi dovrebbe irritarsi di essere preso per il naso da Jarmusch per quasi due ore - con elucubrazioni di uno sfaccendato dalla vita sessuale debole, ma dagli stimoli ancora forti - è il pubblico. Chi però andrà a vedere 'Broken Flowers', lo farà credendo molto nella stampa devota a Jarmusch. E quando sarà disilluso non avrà il coraggio di ammettere di aver perso tempo non solo col film, ma con le sue recensioni." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 2 dicembre 2005) "Un grande film sulla delusione, che proprio per questo a una visione frettolosa potrebbe sembrare un poco deludente. Mentre è straordinaria la finezza con cui Jarmusch e il suo magnifico cast lavorano sulle allusioni e il non detto, distillando dettagli che in pochi secondi illuminano tutto un personaggio. Vedi la scena in cui Sharon Stone si sveglia addosso a Bill Murray, o il baciamano improvviso con cui lo saluta quando riparte. Due idee dell'attrice, a detta di Jarmusch, e già questo rivela un metodo, un'etica, una concezione del cinema, oggi sempre più rare." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 2 dicembre 2005)

Trova Cinema

Box office
dal 17 al 20 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica