NEWS a cura di Cinematografo.it

Charlotte Rampling

30 ottobre 2011

La tirannia di Charlotte

?Ecco il mio Re Lear al femminile?, dice la Rampling. Protagonista di The Eye of the Storm di Schepisi, in concorso a Roma

"Elisabeth Hunter un re Lear al femminile che costringe i suoi figli a espiare le proprie colpe". Lo dice senza mezzi termini Charlotte Rampling, parlando della protagonista di The Eye of the Storm, in concorso al festival, come di "una matriarca dal carattere forte, senza alcun fascino immediato ma che rivela un'indole difficile e senza inibizioni". Lei una donna in punto di morte che cerca, in qualche modo, il perdono dei suoi figli, con i quali ha da sempre un rapporto pi che conflittuale, "una madre ingombrante che vorrebbe insegnare loro a essere forti e che continua a difendere il diritto di una donna degli anni 70 di potersi comportare come un uomo, senza essere giudicata".Il regista Fred Schepisi sa di dovere molto al romanzo da cui tratto il film e sottolinea: "Molte delle idee espresse sono ricavate dal libro di Patrick White, in cui abbondano le introspezioni psicologiche che arricchiscono i personaggi". E continua: "Quello che mi ha colpito del romanzo il suo umorismo feroce e tagliente che riflette le tensioni familiari, qui raccontate con grande efficacia".Il film non da meno, ma Schepisi assicura che non c' nulla di autobiografico in quanto " White che parla, in una certa misura, di sua madre e di se stesso", supportato dalla Rampling che confessa: "Elisabeth non sono io, ma c', dentro di me, una parte di lei".Senza il timore di mostrarsi invecchiata sullo schermo l'attrice sostiene che "bisogna avere il coraggio di invecchiare, in quanto l'et solo una fase naturale ed un atto di coraggio anche mostrare l'invecchiamento, in quanto il compito dell'attore quello di interpretare l'essere umano che non necessariamente affascinante o giovane."

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi belli  1.196.456
    Gli anni pi belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica