NEWS a cura di Cinematografo.it

L'attrice Claudia Cardinale

26 gennaio 2011

Punto Cardinale

Claudia si mette a nudo al Bif&st: da Fitzcarraldo, "l'esperienza più bella della mia vita", a quella volta che disse di no a Marlon Brando...

"Non mi sono mai considerata un'attrice. Per molti anni nemmeno volevo fare questo mestiere, ma tutti mi cercavano e allora mi sono convinta", con queste parole Claudia Cardinale spiazza il pubblico della sala Santalucia del Kursaal di Bari.Pur essendo un pezzo di storia del cinema italiano e mondiale, la Cardinale affronta con leggerezza e con umiltà le domande del pubblico, partendo dall'esordio con Mario Monicelli ne I soliti ignoti (1958) sino ad arrivare a Father di Pasquale Squitieri presentato in anteprima ieri sera. Per ogni regista un ricordo, un aneddoto scolpito nella memoria. Monicelli: "Quando rischiai di rompere il naso a Murgia mi prese da parte e m'insegnò che al cinema si doveva fare per finta!". Fellini e Visconti: "Gli esatti opposti: con Federico era tutta improvvisazione, mentre con Luchino nulla era lasciato al caso". Germi: "Con lui la mia natura schiva e selvaggia trovava terreno fertile: ci capivamo a sguardi, pochissime parole".E ancora Leone, Damiani, Comencini, Bolognini, Magnani, Cavani, Ferreri, Bellocchio, Zurlini e Blake Edwards: tutti catturati dallo sguardo profondo e ammaliante di Claudia.L'esperienza più bella della sua vita è stata però lavorare sul set di Fitzcarraldo (1982) di Werner Herzog: "Si girava nella profonda Amazzonia e ogni giorno non sapevi quel che avresti mangiato e quante bestie ti avrebbe assalito! Il film ebbe un sacco d'incidenti di percorso, venne interrotto e poi ripreso. Fu complicatissimo, ma non lo scorderò mai".Nella sua carriera ha dovuto affrontare ruoli difficili e pericolosi, ma la Cardinale si vanta di non aver mai voluto utilizzare controfigure: sul set de Il gattopardo (1963), La pantera rosa (1963) e Il circo e la sua grande avventura (1964) finiva le riprese perdendo sangue, "ma non mi sono mai lamentata. Il fatto è che in quei momenti non era Claudia a soffrire, ma è il mio personaggio".Agli inizi la voce bassa e graffiata che l'avrebbe poi resa inimitabile, non piaceva ai produttori cinematografici, che optavano sempre per il doppiaggio in post produzione. "Il mio accento francese e il fatto di avere sempre parlato poco da piccola - preferiva fare a pugni con i ragazzi, confessa schiettamente - mi ha complicato la vita agli inizi, ma poi hanno scoperto questa mia voce che, devo ammetterlo, è una delle chiavi del mio successo".Un successo che non si è mai fermato e che la porterà a breve a girare un film in Puglia: "Un progetto sul quale, per il momento, non posso rivelare nulla di più".Molti e importanti, infine, gli spasimanti che hanno cercato di farla capitolare: "Marcello Mastroianni mi corteggiava tutte le volte che lavoravamo insieme. Mentre una volta bussarono alla porta della camera d'albergo in cui alloggiavo negli States: era Marlon Brando. Dissi di no anche a lui, ma appena chiusi la porta mi dissi una parolaccia che qui preferisco non ripetere".

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica