RECENSIONE FILM a cura di Cinematografo.it

Il caso Kerenes

11 giugno 2013

Il caso Kerenes

La legge universale dei sentimenti nel beffardo film rumeno Orso d’Oro a Berlino. Da non perdere

Fino a che punto può spingersi una madre per proteggere il figlio? E' la premessa di Child's Pose (letteralmente la posizione del feto nel grembo materno, tradotto da noi con Il caso Kerenes…) di Calin Peter Netzer, film rumeno, Orso d'Oro al festival di Berlino, scritto con Razvan Radulescu, regista e sceneggiatore tra i più dotati della nuova generazione rumena.Attraverso il personaggio di Cornelia Kerenes, Netzer racconta lo stato delle cose di un popolo non molto diverso dal nostro, ribaltando il cliché da terzo mondo grazie a una sceneggiatura di ferro e la regia misurata di Peter Natzer."Meravigliosa creatura" canta Gianna Nannini sui titoli di coda, perché Barbu (Bogdan Dumitrache), giovanotto che non risparmia alcuna crudeltà affettiva, è l'amore di mamma Cornelia, Luminita Gheorghiu, protagonista assoluta di Child's Pose.Viene in mente New York Stories, il formidabile Edipo relitto firmato Woody Allen. Anche qui c'è una presenza ingombrante e ossessiva. Ma dalla commedia si passa subito al dramma: Barbu ha investito e ucciso un bambino. L'altra famiglia è povera e innocente, Cornelia obietta: Barbu è figlio unico, mentre offre il denaro che dovrebbe mettere a posto le coscienze. Ma sporcarsi le mani non è così facile.

Trova Cinema

Box Office

dal 2 al 5 aprile

Incasso in €

1 Gli anni più belli   1.196.456
2 Bad Boys for Life   882.185
3 Il richiamo della foresta   680.273
4 Parasite   605.719
5 Sonic. Il film   499.216
6 Odio l'estate   264.761
7 Cattive acque   263.009
8 La mia banda suona il pop   240.521
9 Dolittle   123.234