RECENSIONE FILM a cura di Cinematografo.it

19 maggio 2011

La piel que habito

In Concorso, la chirurgia estetizzante di Almodovar: film scuoiato, ma Pedro è uno shar pei

Una moglie morta bruciata in un incidente stradale, e per il chirurgo plastico Robert Ledgard (Antonio Banderas) una missione: creare una pelle artificiale, quella che avrebbe potuto salvarla. Ci riuscirà 12 anni dopo: un tessuto epidermico resistente a tutto, quasi ignifugo e repellente per gli insetti. Problema, come testarlo? Gli serve una cavia umana, e la troverà nel ragazzo che ha abusato di sua figlia: Vicente (Jan Cornet) , ma per lui è in arrivo una nuova, Vera identità.Nel cast anche Elena Anaya, Marisa Paredes e Roberto Alamo, è La piel que habito, con cui Pedro Almodovar ripunta alla tanto agognata Palma d'Oro. Non è detto che non ce la faccia, e ai suoi tanti fan parrà cosa buona e giusta, ma non a noi. Esplicitamente postmoderno, pure troppo, il film è all'apparenza un horror sociale, ma tratta tutto e tutti con estrema superficialità: la macchina da presa di Almodovar è il bisturi di una chirurgia estetizzante, non estetica. E in questo, il titolo fa fede: la pelle, non il corpo. E tanta noia: non mancano battute che potrebbero far ridere - "Mi chiamo Vera, Vera Cruz", fa ridere? -, ma disseminate in una narrazione che non si prende mai sul serio, come postmoderno vuole, e pure rischia di sfiancare lo spettatore. Se puntualmente ritornano tutti i topoi del cinema di Almodovar – dal feticismo alla tavolozza satura, dal rapporto madre-figlio all'ironia sul sesso, e chi più ne sa più ne metta – se ne fa cattivo uso: un'invasione, un affastellamento che toglie respiro alla drammaturgia e offre residenza alla summa, ma la più massimalista, non la più lucida. Insomma, nonostante il ventilato slittamento poetico (a partire dal genere di riferimento) è un Almodovar al 100%, che più Pedro non si può. Anzi, Almodovar che fa Almodovar: senza preoccuparsi di altro, nemmeno de La piel que habito. Così il film è scuoiato, il regista uno shar pei.

Trova Cinema

Box Office

dal 21 al 24 maggio

Incasso in

1 Gli anni più belli   1.196.456
2 Bad Boys for Life   882.185
3 Il richiamo della foresta   680.273
4 Parasite   605.719
5 Sonic. Il film   499.216
6 Odio l'estate   264.761
7 Cattive acque   263.009
8 La mia banda suona il pop   240.521
9 Dolittle   123.234
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)   121.947