RECENSIONE FILM

<i>Fish Tank</i>, la protagonista Katie Jarvis

22 luglio 2010

Fish Tank

a cura di Cinematografo.it

Discreto ?romanzo di riformatorio? per Andrea Arnold: premiato a Cannes, con l?ottima ribelle Katie Jarvis

Essex, UK: Mia (Katie Jarvis) ha 15 anni, un carattere imperioso, nessuna amica, una madre "coetanea" (Kierston Wareing), una sorellina sboccata e l'hip hop per passione. Ogni giorno è uguale all'altro, fin quando non compare un amichetto di mamma, Connor (Michael Fassbender): l'aitante giovanotto porterà l'amore, e non solo. E' Fish Tank, opera seconda dell'inglese Andrea Arnold, che ha bissato a Cannes il premio della Giuria per Red Road nel 2006, che si muove agevolmente tra romanzo di formazione - dovremmo dire riformatorio - e ritratto d'interni, sul basso continuo drammatico. Gran parte del merito va a Katie Jarvis, deb reclutata mentre litigava col ragazzo in stazione: la sua spontaneità, valorizzata dalla sceneggiatura liquida, fa conquistare a Mia, dolce e volitiva neet, le simpatie dello spettatore, che si ritrova nel white trash, tra alcool e junk food, istruzione molto facoltativa, immaginario hip-hop e il ballo per collante familiare e generazionale. Ne succederanno di tutti i colori, molti prevedibili, ma la Arnold sa frenare sull'enfasi melodrammatica e arrestare le lacrime. Nel fuoricampo, si sente la lezione del connazionale Ken Loach, ma anche dei disperati adolescenti di Gus Van Sant. Insomma, può bastare: è un acquario (fish tank) in cui sguazzare... 

Trova Cinema

Box Office

dal 13 al 16 febbraio

Incasso in €

1 Odio l'estate   1.808.586
2 Dolittle   1.166.938
3 1917   884.656
4 Jojo Rabbit   390.036
5 Il diritto di opporsi   334.445
6 Figli   333.612
7 Parasite   333.065
8 Judy   184.691
9 Me contro te il film - La Vendetta del Signor S   174.524